SANDRO PENNA  (1906-1977) recensione di Elvio Bombonato

Sandro_Penna_1974

       Forse la giovinezza è solo questo

       perenne amare i sensi e non pentirsi.

Epigramma, con tono asseverativo  Distico di due endecasillabi non rimati.  Nostalgia e rimpianto.

       Amore, gioventù, liete parole,

       cosa splende su voi e vi dissecca?

       Resta un odore come merda secca

       Lungo le siepi cariche di sole.

Quartina di endecasillabi, a rima incrociata ABBA. Il primo distico è un’interrogativa.  Il secondo una risposta parziale, con un sintetico paragone, segnato dal  repentino calo di registro verso il basso corporeo.  Citata nell’opera prima di Francesca Archibugi, “Mignon è  partita”, 1988.

foto: https://it.wikipedia.org