Sambuca 16 – Sono solo parole

Francesco Gallucci

Se Berenice in costume era carina, a vederla durante la vita di tutti i giorni era da sposare.
Cambiava le lenzuola tutti i giorni, puliva casa, andava a lavoro in bici, portava la cena ogni volta e quando poteva la cucinava.
E poi aveva questa dote di sorprenderti, come solo le persone pure di cuore hanno.
Ci trovava gioia nel farti sorridere, era la sua delicatezza.
In aereo scoprì che il volo mi disturbava, e si inventò un Origami con il biglietto aereo per farmi sorridere.
Era incredibile. Un semplice origami, sì. Ma quanta passione e delicatezza ci mise.

Non parlavamo molto e non ci eravamo messi insieme. Avevamo soltanto questo modo di dormire insieme che creava intimità.
A volte mi ritrovavo addosso a lei, altre volte volte la trovavo che mi guardava, immobile come la sera prima.
C’era attrazione, ma non andavamo oltre.

Avevamo paura di consumare in tutti…

View original post 1.194 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...