La dignità ha quattro soldi gli stessi per restare schiavo

Giusy Carofiglio

Dovresti stare al largo
dove la vista trema, diviene sale
e brucia, come ferita.
E c’è l’attesa e la speranza di un’altra vita
la gioia dell’approdo – la donna incinta
i bimbi in braccio. E l’uomo stanco.
Non è la prima volta, dell’accoglienza
carne e sangue, menti e fame, e morte.
Ancora. Fugge lo schiavo
col fiato corto, cerca il respiro
da terra in terra, tra l’albe e la conchiglia
che schiude lenta, “la dignità ha quattro soldi
gli stessi per restare schiavo” un’altra guerra.
Il tempo ha un nodo stretto
che scorre un altro nodo. Il cappio.
Andiamo, altra moneta
se viene testa basta, un’altra meta
e un’altra croce
#GC

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...