“Ci sono due strade possibili: il governo fa una norma dicendo questo è l’inquadramento, questa è la retribuzione, queste sono le tutele. L’altra strada è aprire un tavolo di contrattazione tra le piattaforme e i rider e costruire assieme un nuovo modello. Ho proposto questo alle piattaforme. Mi è stato detto che sono disponibili”. Dopo l’incontro […]… continua su: Rider, Di Maio: “Le piattaforme hanno accettato un tavolo di contrattazione per costruire un nuovo modello” – Il Fatto Quotidiano