Ravetti, PD “Manteniamo tutti gli ospedali, assumiamo personale e tecnologie per i servizi territoriali, riempiamo gli spazi con servizi ospedalieri accessori. Tutto il resto è polemica inutile”

215 Domenico Ravetti.jpg

La IV Commissione Sanità ha incontrato Ires per lo studio sull’edilizia sanitaria in provincia di Alessandria

L’incontro con Ires in IV Commissione ha fatto emergere la verità. Abbiamo ospedali con caratteristiche migliori rispetto alla media regionale. I presidi sono idonei agli usi attuali e disponibili all’adeguamento o alla trasformazione. La fotografia della società alessandrina si caratterizza per un tasso di natalità inferiore alla media regionale e per un’elevata quota di ultra sessantacinquenni (27,4% contro la media regionale del 25%).

E’ di tutta evidenza che, proprio per i nuovi bisogni di salute dei cittadini, nel medio e nel lungo periodo maggiori risorse dovranno essere allocate per i servizi territoriali e domiciliari in particolare per assumere personale medico e infermieristico oltre che per l’acquisto delle necessarie dotazioni tecnologiche.

Ad oggi emerge il dato della mobilità passiva pari al 28%, cioè un numero troppo alto di cittadini che cercano altrove, fuori territorio ASL Alessandria, le risposte sanitarie. Per questo è fondamentale evitare la banalizzazione del confronto politico; per noi è essenziale aumentare le capacità attrattive soprattutto per l’alta complessità sanitaria.

Infine, per quanto riguarda la mia posizione, la soluzione migliore per la provincia di Alessandria è quella che Ires intitola “opzione zero” ed è quella che mantiene tutte le strutture esistenti e ne riconverte le porzioni in eccesso a funzioni territoriali od ospedaliere accessorie (poli per la continuità assistenziale, prima o dopo il trattamento ospedaliero, per la gestione dei picchi di domanda, delle unità polmone per la flessibilità ospedaliera, per il post acuzie con prestazioni od assistenza ospedaliera).  

Domenico Ravetti

Capogruppo PD – Consiglio Regionale