Aquilone di pensieri

Era bellissima, in molti la desideravano, ma lei non voleva nessuno. Per anni rifiutò la schiera di pretendenti che s’innamorarono di lei, chiusa nel suo strano tormento. Poi, un giorno, conobbe l’amore: un ometto piccolo e malato, di molti anni più grande di lei, che, senza sforzo alcuno, conquistò il suo cuore. Ma il fratello di lei non vide di buon occhio questa unione: era malato della stessa malattia del fidanzato della sorella, una malattia provocata dalla polvere della miniera, che anni prima aveva colpito anche i loro genitori. Era talmente ossessionato dalla questione che cercò in un tutti i modi di dividerli, raccontando bugie a entrambi per creare zizzania tra loro, ma finendo solo per unirli ancor di più. Lei soffriva molto per il comportamento del fratello, ma sapeva che lui, non avendo mai conosciuto l’amore, non poteva capire la forza di quel sentimento e la sua totale irrazionalità.

View original post 414 altre parole