E’ laria a vicchiaia, di Maria Cannatella

E’ laria a vicchiaia, di Maria Cannatella

tumblr_mallu1sucJ1rs60iuo1_540

poesia in vernacolo siciliano

E’ laria a vicchiaia

Che laria a vicchiaia!

Quannu cumincia a farisi sentiri,

chidda ca cancia puru i pinseri.

Da vicchiaia ca ti rallenta u fisicu, a menti e u cori.

Tuttu cumincia a essiri stranu.

Già ti viri ca sta canciannu, cuminciannu,

quannu ti susi ru lettu,

quannu ti talii no specchiu e cuminci a vidiri i capiddi bianchi,

l’occhi  affussati, i manu arrappati, maltrattati.

Che laria a vicchiaia ca un ti fadormiri la notti,

ma poi mancu ti fa ricurdari i to sogni.

Appena t’arruspigghi un ti ricordi nenti,

comu si avissi astutatu l’interruttori ru cervellu..

E’ laria da vicchiaia, ca mi fa sentiri tutti i rulura na l’ossa,

ma ti fa scurdari chiddu ca avevi pinsatu menzu minutu prima.

Ca mi fa chianciri sulu pi l’anni chi passanu,

ri cursa tutti nzemula.

E’ veru laria a vicchiaia,

ca mi rallenta u passu, mi fa stancari subitu.

E’ troppu laria da vicchiaia ca mi fa sentiri vecchia,

ma mi ricorda ca l’anima, un cancia mai.

E io un voghiu invecchiari,

cosa ni fazzu ri un’anima giovani,

si poi u corpu è vecchiu e stancu,

puru pi susirisi ru letto.

Pi curpa da vicchiaia io mi stancu.

Maria Cannatella @

riservati tutti i diritti.

foto:  Tumbir

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...