Caravaggio 💫

Antonella Lallo

https://wp.me/pa1acC-4p

Un po’ come confermare che tutte le cose che vivono sono destinate a morire…

Caravaggio… e la sua Canestra di frutta

Una canestra, con all’interno frutti e foglie di ogni genere. La natura morta è la protagonista assoluta tanto quanto lo sarebbe stato un eroe della mitologia greca in un quadro di storia.

Il canestro sporge con naturalezza in avanti nel suo naturale realismo tridimensionale (che si contrappone allo sfondo bidimensionale), come fosse in una situazione precaria, creando un colpo d’occhio che attrae chi lo osserva e lo rapisce. Un insieme di frutti bacati o intaccati dalle malattie, frutti di tutte le stagioni come a voler simboleggiare la “vanitas” dell’esistenza umana, ovvero il richiamo alla caducità della vita, un bene effimero destinato a svanire nel tempo.

Il cesto di vimini è rappresentato come se si trovasse in alto rispetto allo sguardo di chi osserva, allo scopo…

View original post 160 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...