Radici i ricordi, di Filippo Passeo

Radici i ricordi, di Filippo Passeo

SOSTEGNI

Radici i ricordi.

Se le fredde mani
della madre di Clio le sgrovigliano
diventano legnose per
puntellare il presente di un essere che
i 90 gradi della sua verticale
va perdendo a ogni tramonto.

Diventano alberi del pepe e della seta
dove sotto la scorza
colonie di ninfe ne bevono le linfe
e tu stringi le labbra
per succhiarne di nuovo
i resinosi frutti…
ma con tanto inaspettato sforzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...