ISIM…

ISIM...Poesia...

Avevo le sue unghie sul mio petto
Graffiava lentamente e più mi arrapava il suo modo di leggermi i mille pensieri che in quel momento avevo in mente
Ad un tratto la lingua
La sua
Ad addolcire dove aveva appena graffiato
Ad un tratto le sue mani dove volevo che si posassero
Ad un tratto la sua bocca ad assaporare quel duro verso rosso è silenzioso voglioso di libertà
Lentamente lei cercava di capirlo cercava a tutti i costi di decifrare quel che lui diceva è più cercava tenerlo dentro più lui si agitava proprio come il mare
Ad un tratto una lacrima come ad avvisare del suo arrivo inaspettato
lei continuava ancora a leggere ignara di ciò che lui stava sputando fuori  
Tutti quei versi pieni di ogni parola volgare e cattiva
Fino a ricoprirli la faccia che lei con la sua lingua cercava di ripulirsi
Capi’ soltanto…

View original post 19 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...