Camminando mi collego #sopravvissuta

Evaporata

Ho già manifestato in qualche post la mia difficoltà a tenere la mente sintonizzata dentro il corpo.

È un’anomalia che mi segue dalla più tenera età, probabilmente attivata per superare certi traumi.
Questa senzazione si chiama depersonalizzazione e io ne soffro dall’infanzia, ricordo perfettamente come e quando l’ho sentita per la prima volta, non avevo ancora compiuto sette anni.
Stavo camminando all’indietro, così per gioco, improvvisamente fui colta da un turbamento sconosciuto e agghiacciante: sapevo il mio nome e dov’ero, ma non mi riconoscevo in quell’essere estraneo a me, dentro quel corpo, in un luogo già visto ma per me straniero.
Quello fu l’inizio delle mie anomalie mentali diurne.
Dall’età di tre anni soffrivo di turbe del sonno, incubi e qualche volta sonnambulismo ma, fino a quel giorno, nel tempo di veglia la vita era stata “normale”.
Mi spaventai terribilmente e corsi a casa per cercare qualcuno o qualcosa che…

View original post 591 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...