Virginia Marini, Alessandrina dimenticata, di Cristina Saracano

 

Virginia Marini

È nata ad Alessandria, nella centrale via Bergamo, nel 1844 ed è deceduta a Roma nel 1918.

Le sue origini sono umili, suo padre era  custode del teatro di Alessandria 

Si vede che questo le è stato d’aiuto.

Virginia, sin da piccola, ascoltava le prove degli attori e ripeteva monologhi davanti a uno specchio.

Il suo talento e la sua dizione perfetta le hanno permesso di calcare le scene dei palcoscenici italiani, persino il vate, Gabriele D’Annunzio l’aveva scelta per interpretare alcune sue opere.

Quest’anno ricorre il centenario della sua scomparsa.

E Alessandria pare non ricordare.

Non è possibile dimenricare un’artista, una donna, una concittadina.

Io le dedico almeno queste poche righe.

Grazie, Virginia!