Agosto… E…STATE freschi lungo il po! nel Bosco della Pastrona

Questo slideshow richiede JavaScript.

A pochi passi dal centro di Casale Monferrato, si trova il Bosco della Pastrona, definito bosco urbano per indicare un’area pensata per il tempo libero, che non presenta però le caratteristiche del giardino di città. Il prato dell’area attrezzata è costituito dalle erbe che crescono spontaneamente, così come gli arbusti e gli alberi circostanti sono quelli che erano già presenti prima. Su una superficie adiacente. di circa 15 ettari. sono state invece messe a dimora oltre 10.000 piante, tutte appartenenti a specie arboree e arbustive autoctone, per ricostituire il bosco tipico delle sponde del fiume (definito “bosco ripariale”). L’area è attraversata da sentieri e percorsi ciclopedonali, con diverse difficoltà di approccio: dal più semplice, per famiglie, alla “pista nera” per i più esigenti.

Il Bosco Pastrona, situato sulla sponda destra del fiume Po, nella zona compresa fra la traversa del Canale Lanza e la piscina Montecarlo, nel quartiere Ronzone, è raggiungibile percorrendo via XX Settembre fino al fondo (da piazza Castello, in direzione Coniolo-Pontestura) e poi svoltando a destra, verso la piscina Montecarlo, presso cui si devono parcheggiare le auto. Le biciclette possono invece proseguire oltre la sbarra fino all’area attrezzata, posta a circa 100 metri, e usufruire dei percorsi ricavati nel bosco.

L’area comprende una zona per il pic-nic con punti fuoco e tavoli-panca, giochi per i bambini e un campo scuola per i piccoli bikers, oltre a una vasta zona di bosco.

Per informazioni:

  • Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino

Sportello informativo INFOFIUME c/o Sede operativa di Casale Monferrato – tel. 0142457861

e-mail: sportello@parcodelpo-vcal.it

sito internet: www.parcodelpo-vcal.it

  • FIAB Monferrato AmiBici

e-mail: fiab.monferrato@gmail.com

sito internet: www.fiabmonferrato.com/

Sabato 25 agosto 2018 – Oasi Naturalistica di Isola Sant’Antonio (AL)

STORIE DI PIPISTRELLI

Escursione notturna alla scoperta dei pipistrelli in occasione della Notte Europea dei pipistrelli

L’Associazione Naturalistica Codibugnolo, con il patrocinio dell’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino e di Chirosphera (Associazione per lo studio e la protezione dei chirotteri e l’ambiente), presenta per sabato 25 agosto il consueto appuntamento con il misterioso mondo dei pipistrelli, in occasione della Notte Europea a loro dedicata. Lungo i sentieri dell’Oasi Naturalistica di Isola Sant’Antonio, si andrà alla scoperta delle caratteristiche, del comportamento e delle strategia di caccia di questi piccoli mammiferi volanti. Partendo dalle numerose credenze, superstizioni e leggende – troppo spesso negative – che hanno accompagnato nei secoli questi animali, si sfateranno falsi miti portando alla luce la loro vera essenza di indicatori di qualità ambientale e la loro straordinaria importanza in un ecosistema! L’escursione notturna rappresenterà anche un’occasione per presentare i primi dati e risultati del monitoraggio effettuato in collaborazione con l’Associazione Chirosphera, che si dedica allo studio dei chirotteri. L’appuntamento è per sabato 25 agosto, alle ore 20.30, presso l’Oasi Naturalistica di Isola Sant’Antonio (AL).

L’evento, adatto a persone dai 6 anni in su, è a numero chiuso. Prenotazione obbligatoria entro le ore 15.00 di venerdì 24 agosto 2018. Si raccomanda un abbigliamento comodo e a strati, scarpe adatte all’escursionismo, repellente per insetti e una torcia elettrica.

Nell’area non sono ammessi cani. Contributo di partecipazione: € 3,00 (contributo evento) + € 5,00 per adulti/ € 3,00 per bambini fino ai 14 anni (contributo per tessera associativa Codibugnolo). Il contributo per la tessera Codibugnolo, una volta versato, ha validità di 12 mesi e regala imperdibili sconti con i partner commerciali di Codibugnolo!

L’intero contributo per l’evento sosterrà l’Associazione Naturalistica Codibugnolo nel mantenimento e nella gestione dell’area!

Info e prenotazioni:

333.2648723 (Daniela) – 347.8823023 (Roberta)

e-mail: codibugnolo@hotmail.it

sito internet: www.associazione-codibugnolo.com

In bici nel Parco seguendo il Road book

Approfittando di una fresca giornata estiva, il territorio delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino offre l’opportunità di seguire il corso del Po seguendo il tracciato descritto dal road book, scaricabile gratuitamente dal sito dell’Ente-Parco alla pagina https://docs.google.com/viewerng/viewer?url=http://parcodelpoalessandriavercelli.it/wp-content/uploads/2016/06/Roadbook_ottobre.pdf&hl=it. L’itinerario proposto è rivolto a quanti desiderano conoscere il territorio vivendolo, in modo sostenibile, da attori e turisti attivi. È alla portata di tutti purché dotati di buona volontà e di una bici versatile, tipo city-bike o mountain bike. Il percorso, pressoché pianeggiante, si sviluppa in gran parte sul rilevato arginale e, dove non è possibile, devia su brevi tratti stradali destinati anche al transito di automezzi: nella descrizione sono indicati i passaggi a rischio per la possibile presenza di traffico veicolare, anche pesante!

Il percorso è suddiviso in tratti di 10-15 km: unendoli è possibile organizzare una vacanza di più giorni. È questa l’occasione di visitare un territorio caratterizzato da un paesaggio unico per le sue caratteristiche. Il road book è impaginato in un formato leggibile sullo schermo di un tablet e, se stampato, risulta maneggevole e pratico. Le mappe riportano il tracciato dell’itinerario e un breve testo ne descrive le caratteristiche peculiari. Alcuni box di approfondimento rimandano alle emergenze storico-architettoniche presenti sul territorio. Un’appendice è dedicata agli Odonati (le libellule), oggetto di monitoraggi, studi e ricerche all’interno delle aree protette di competenza dell’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese alessandrino.

Aree protette del Po vercellese-alessandrino

************************************************************************************

La normativa vigente identifica come “Ente di gestione delle aree protette del Po vercellese-alessandrino” un ente strumentale della Regione Piemonte piuttosto complesso e articolato, derivante dalla legge regionale 3/8/2015, n. 19 che ha parzialmente modificato la L.R. 29/6/2009, n. 19 «Testo unico sulla tutela delle aree naturali e della biodiversità». Questo Ente gestisce, in piccola parte direttamente e in gran parte indirettamente, 12 aree protette: 8 sono Riserve naturali inserite nel Sistema delle Aree protette della Fascia fluviale del Po – Isola Santa Maria, Ghiaia Grande, Sponde fluviali di Casale Monferrato, Confluenza del Sesia e del Grana e della Garzaia di Valenza, Bric Montariolo, Boscone, Confluenza del Tanaro, Castelnuovo Scrivia – che interessano i comuni di Verrua Savoia (in provincia di Torino), Crescentino, Fontanetto Po e Trino (in provincia di Vercelli), Moncestino, Camino, Morano sul Po, Pontestura, Casale Monferrato, Frassineto Po, Valmacca, Bozzole, Valenza, Pecetto di Valenza, Bassignana, Alluvioni Cambiò, Isola Sant’Antonio e Castelnuovo Scrivia (in provincia di Alessandria); un’altra è la Riserva naturale del Torrente Orba, che interessa i comuni di Bosco Marengo, Capriata d’Orba, Casalcermelli e Predosa (tutti in provincia di Alessandria); a queste si aggiungono la Riserva naturale della Palude di San Genuario, il Parco naturale del Bosco delle Sorti della Partecipanza di Trino e la Riserva naturale di Fontana Gigante (poste in sequenza da ovest a est e incastonate nel mosaico delle risaie vercellesi), che interessano i comuni di Crescentino, Fontanetto Po, Tricerro e Trino. Quasi tutte le aree protette elencate, con l’eccezione di quella del Torrente Orba, sono associate a un’Area Contigua esterna che funge da raccordo urbanistico con il territorio circostante.

L’Ente-Parco gestisce anche 3 Siti di Importanza Comunitaria (SIC), 7 Zone Speciali di Conservazione (ZSC) e 5 Zone di Protezione Speciale (ZPS) facenti parte della Rete Natura 2000, che si sovrappongono in buona parte alle aree protette e alle aree contigue poc’anzi citate.