Skeggvaldr

Seppur il titolo può sembrare controverso la mia attenzione si focalizza proprio su quell’elemento che ogni archeologo medievista appella come maschio, ma vediamo il perché di questo nome e che valenza archeologica possiede..

Il maschio architettonicamente è da considerarsi una diversificata torre, complementare alla costruzione dei castelli , e il cui termine nasce come individuazione delle torri principali come nell’esempio di Volterra dove abbiamo il Maschio e la Femmina, le due torri principali.
Il nome maschio può essere anche riferibile allo stesso termine di Mastio, che per l’appunto identifica questo genere di torre nato in epoca Medievale che aveva una funzione di vitale importanza in quanto rappresentava il centro nevralgico dove il castellano e i suoi collaboratori, nonché la sua famiglia, si rifugiavano in caso sfondamento della linea difensiva da parte degli assalitori.

Rocca_di_Urbisaglia_mastio.jpg Mastio di Rocca di Urbisaglia

La composizione architettonica del mastio era slegata dal restante edificio del castello…

View original post 492 altre parole