Eʼ morto Sergio Marchionne, addio al manager che salvò la Fiat. Stroncato da un doppio infarto

Eʼ morto Sergio Marchionne, addio al manager che salvò la Fiat. Stroncato da un doppio infarto

Schermata 2018-07-25 a 23.37.10Schermata 2018-07-25 a 23.37.45

Lʼex a.d. di Fca aveva 66 anni ed era stato ricoverato il 27 giugno ufficialmente per un intervento alla spalla. Il commento di John Elkann: “Sergio, lʼuomo e lʼamico, se nʼè andato”. Proprio oggi lʼazienda annuncia lʼazzeramento del debito

Sergio Marchionne è morto all’ospedale universitario di Zurigo, dove era stato ricoverato il 27 giugno per un intervento alla spalla destra. Dieci giorni fa le sue condizioni di salute si sono aggravate a causa di quelle che i medici hanno definito “complicanze postoperatorie”. La situazione sarebbe poi precipitata all’inizio di questa settimana. L’ex amministratore delegato di Fca aveva 66 anni.

https://www.video.mediaset.it/player/playerIFrame.shtml?id=866208&guid=FD00000000046235

L’ultima uscita pubblica del top manager era avvenuta due giorni prima del ricovero, a Roma, alla consegna di una Jeep all’Arma dei carabinieri. Il 22 luglio è stata diffusa la notizia che Marchionne era ricoverato in terapia intensiva e che le sue condizioni erano irreversibili.

L’Ospedale universitario di Zurigo continua a mantenere una coltre impenetrabile di riserbo sulle ultime ore di vita di Sergio Marchionne, la cui degenza non è peraltro mai stata confermata. Una portavoce della struttura ha comunicato di non poter dare nessun tipo di informazione sulla vicenda. Alla domanda su quando sia avvenuto il decesso è stato replicato allo stesso modo anche se, verso le 11, un elicottero rosso del Soccorso svizzero è stato visto abbandonare l’ospedale che sorge sulla collina di Zurigo, senza però essere stato visto arrivare prima.

Secondo quanto riportato dal quotidiano La Stampa, dopo l’operazione alla spalla Marchionne avrebbe manifestato complicazioni “inattese e improvvise” che lo hanno portato a un arresto cardiaco. Il manager sarebbe stato poi portato in rianimazione, ma non dipendeva in maniera sistematica dalle macchine, che gli erano da supporto. E’ seguito poi un ulteriore arresto cardiaco, che lo ha portato al decesso naturale. Secondo fonti vicine alle famiglia, l’operazione alla spalla non era stata disposta a causa di un tumore… continua su: http://www.tgcom24.mediaset.it/economia/speciale-/e-morto-sergio-marchionne-addio-al-manager-che-salvo-la-fiat-stroncato-da-un-doppio-infarto_3154131-201802a.shtml

The Most Inspiring And Motivating Quote Of The Day #100

Quotes, Blogs and Rad Tech

Hey there, this is my 100th Quote of the day and I thought why not write a quote in this post, so here is the quote —

QOTD 100.jpg

Just keep on doing what you love and one day you will be on top of your league — Morvin Prajapati


If you have any quote, story or a poem, please send that to radthepoet@gmail.com and your content will be posted and shared on my blog.

View original post

Un appuntamento a Pantelleria

Creando Idee

Un appuntamento a Pantelleria Fichi, capperi, zibibbo. Ecco cosa avete in borsa quando rientrate da una vacanza a Pantelleria, il cuore invece lo avete lasciato sull’isola. Gli occhi sono pieni del blu del mare e del verde dell’entroterra e vi domandate come farete a resistere undici mesi e mezzo prima di potervi fare ritorno. Una soluzione c’è e la si trova nei sapori di questa meravigliosa isola, in particolare nei fichi. Succosi, dolci, sono infatti ideali per preparare favolose marmellate che, oltre che spalmate sulle fette biscottate nelle grigie mattinate di gennaio, possono fungere da ingrediente principale per un cocktail dal sapore fermamente mediterraneo. E sarà Pantelleria di nuovo. Come si realizza: 50 ml Gin Mare50 ml Tonica Double Dutch gusto Cucumber & Watermelon 50 ml Vino bianco dry5 ml Gum syrup Pizzico di sale Cubetti di melone congelato Per prima cosa congelare il melone dopo averlo fatto a cubetti…

View original post 20 altre parole

Meno sale vi farà sentire meno caldo

Creando Idee

In estate si deve mangiare più leggero, per tollerare meglio le alte temperature e per garantire all’organismo tutti i nutrienti, le vitamine e i sali minerali di cui a bisogno. Meno grassi, più frutta e più verdura sono un inevitabili per la salute, ma spesso proprio in cerca di ricette fresche e sane ci si imbatte in piatti che in realtà sarebbe meglio evitare. Frutta fresca, banane, arance, pompelmi sono un ottimo reintegro naturale, ma tutta la frutta e la verdura fresca in genere sono per natura ricche di potassio. Attenzione anche  agli alimenti ricchi di sale e attenzione anche ai dolci! Non serve smettere di salare l’acqua della pasta, si può ridurre. Il sale nascosto è molto più pericoloso ed è quello che solitamente contengono, affettati, salumi, formaggi che più sono stagionati più ne contengono . Ma si deve fare attenzione anche ai prodotti da forno come i biscotti…

View original post 173 altre parole

La crisi non fa paura al Made in Italy: agroalimentare ancora più forte

La crisi non fa paura al Made in Italy: agroalimentare ancora più forte

1,4 milioni di occupati, oltre un milione di imprese e 41 miliardi di euro di esportazioni: i numeri del rapporto Ismea

La crisi

https://quifinanza.it

25 luglio 2018 – (Teleborsa) Sembra proprio che la crisi non faccia paura al Made in Italyche, anzi, fa la voce grossa: ne è uscito addirittura rafforzato, rivelandosi una grande risorsa, indispensabile, per il paese.  A dirlo sono i numeri che fanno senza dubbio sorridere: 61 miliardi di euro di valore aggiunto, 1,4 milioni di occupati, oltre un milione di imprese e 41 miliardi di euro di esportazioni. Lo dice il rapporto sulla competitivita’ dell’agroalimentare italiano presentato a Ismea alla presenza del ministro delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio.

LA CRISI RAFFORZA L’AGROALIMENTARE – L’agroalimentare esce dal decennio di crisi con un ruolo più forte nell’economia italiana, dimostrando una grande tenuta economica e sociale nel corso della crisi e una buona capacità di agganciare la ripresa – ha sottolineato il direttore generale di Ismea, Raffaele Borriello -. I segnali positivi sono stati numerosi: crescita della produttività del lavoro, ripresa deglin investimenti, capacità di declinare la multifunzionalità e la qualità, con primati sul fronte dell’agricoltura biologica e delle indicazioni geografiche Dop e Igp; ottimo andamento delle esportazioni, specie di quelle tipiche del made in Italy, quali vino e prodotti trasformati ad alto valore aggiunto”. Continua a leggere “La crisi non fa paura al Made in Italy: agroalimentare ancora più forte”

Per un amico, di Susan Moore

Per un amico, di Susan Moore

Per un amico.

Quando cala il silenzio,
anche il passo del gatto
diventa frastuono.
Lento è il movimento
ché anche i muscoli contratti
son lamenti.
Si incrociano,
sui fili dei pensieri,
le formiche operaie.
Le antenne incrociate
restano immobili.
Muto è il dolore,
la paura un fremito.
SM TDR 07/07/18

L’ultimo intervento pubblico di Sergio Marchionne (video)

L’ultimo intervento pubblico di Sergio Marchionne (video)

Marchionne consegna la Jeep Wrangler al Comandante Generale CC Giovanni Nistri

FOTO E ARTICOLO COMPLETO QUI: https://goo.gl/cmw6me

video: https://www.youtube.com/watch?v=Wd5dBwqnQeQ

ALIMENTAZIONE PER IL COLESTEROLO QUALI ALIMENTI ASSUMERE E QUALI EVITARE

Antonella Lallo

ALIMENTAZIONE PER IL COLESTEROLO QUALI ALIMENTI ASSUMERE E QUALI EVITARE

By Antonella Lallo II

Immagine tratta da webL’attività fisica aiuta sicuramente al bilanciamento del colesterolo mettendo noi tutti nella condizione di godere della buona salute ,ma sicuramente non basta ,osserviamo anche ulteriori supporti correlati che nello stato d’insieme ci immettono verso un percorso di vita salutare.

Una componente determinante è l’alimentazione priva di grassi animali, zuccheri ,calorie.

I legumi sono considerati i mattoncini dell’impalcatura del benessere ,infatti, la loro incisività risultano essere determinante nell’ambito.

Il colesterolo in eccesso associato alla obesità, ipertensione risulta essere un cocktail micidiale aumentando il fattore di rischio cardiovascolare.

Tenere i valori di colesterolo nei limiti normali è quindi un’importante questione di salute. Ecco perché bisogna intervenire, con la giusta prevenzione e con le giuste misure.

Tenere sotto controllo i triglicedi;

-Tenere nei limiti la pressione arteriosa;

-Mantenere un peso corporeo adeguato, evitando sovrappeso;

-Controllare la…

View original post 338 altre parole

Madre Teresa di Calcutta “Ama la Vita”

Antonella Lallo

Ama la vita così com’è
Amala pienamente, senza pretese;
amala quando ti amano o quando ti odiano,
amala quando nessuno ti capisce,
o quando tutti ti comprendono.

Amala quando tutti ti abbandonano,
o quando ti esaltano come un re.
Amala quando ti rubano tutto,
o quando te lo regalano.

Amala quando ha senso
o quando sembra non averne nemmeno un po’.
Amala nella piena felicità,
o nella solitudine assoluta.

Amala quando sei forte,
o quando ti senti debole.
Amala quando hai paura,
o quando hai una montagna di coraggio.

Amala non soltanto per i grandi piaceri
e le enormi soddisfazioni;
amala anche per le piccolissime gioie.

Amala seppure non ti dà ciò che potrebbe,
amala anche se non è come la vorresti.
Amala ogni volta che nasci
ed ogni volta che stai per morire.
Ma non amare mai senza amore.
Non vivere mai senza vita.

Madre Teresa di Calcutta

Immagine…

View original post 3 altre parole

Sistema immunitario e depressione

ORME SVELATE

Risultati immagini per depression saatchiart Depression (giorgi kadagishvili Gioart)

Un gruppo di ricercatori giapponesi ha scoperto che l’infiammazione neurale causata dal nostro sistema immunitario innato svolge un ruolo inaspettatamente importante nella depressione indotta da stress. Questa intuizione potrebbe potenzialmente portare allo sviluppo di nuovi antidepressivi che prendono di mira molecole immunitarie innate. I risultati sono stati pubblicati nell’edizione online di Neuron. Ricerche precedenti avevano già accennato al legame tra infiammazione e depressione: aumento dei livelli di citochine correlate all’infiammazione nel sangue di pazienti affetti da depressione, attivazione della microglia (cellule correlate all’infiammazione nel cervello) nei pazienti depressivi e un’alta percentuale di epidemie di depressione in pazienti affetti da malattia infiammatoria cronica. Tuttavia, l’esatta relazione tra depressione e infiammazione contiene ancora molte incognite. Lo stress psicologico causato da fattori sociali e ambientali può innescare una serie di cambiamenti sia nella mente che nel corpo. Livelli moderati di stress provocheranno una risposta difensiva, mentre lo stress estremo…

View original post 431 altre parole

Guarda “Mango: Bella d’estate +HQ” su YouTube

Antonella Lallo

Bella D’estate(testo)

È solo un addio credimi io non ci penso mai.

Vedo che hai pianto
Tu lo sapevi, ma da quando?

Bella d’estate vai via da me
Notte d’incanto
È bello vedere le luci laggiù
Io sono stanco
Non voglio parlare, parla tu
Bella d’estate vai via da me

Pubblicità

Forse perché ti credevo felice così
Proprio così fra le mie braccia
Forse perché ci bastava arrivare fin qui
Come onde di notte sulla spiaggia

Oh La la la la la la la
Oh La la la la la la la Piccoli fuochi
Noi siamo zingari di periferia
I nostri son giochi
Che durano poco
E la notte se li porta via

Bella d’estate vai via da me
Forse perché ti credevo felice così
Proprio così, fra le mie braccia
Forse perché, ci bastava arrivare fin qui
Come onde di notte sulla spiaggia Oh La la la la la…

View original post 56 altre parole

La Grecia ho nel cuore

Blog di Pina Bertoli

In questi giorni in cui in Grecia, ad Atene e sulla costa, si sta consumando una tragedia immensa, è difficile trovare le parole per esprimere il dolore che si prova nel vedere quelle terribili immagini, e nel pensiero che tante vite umane (ed animali, non dimentichiamolo) siano andate incontro ad una morte atroce. Si possono esprimere solo il cordoglio e la solidarietà.

Pubblico un articolo che era uscito sul CorrSera qualche anno fa, in occasione dell’uscita del volume «Poeti greci del Novecento» (Meridiani Mondadori).  La Grecia, che è stata la culla della nostra cultura, continua ad esserlo.

In pochi altri Paesi europei la poesia ha goduto di una considerazione e di un rispetto pubblico paragonabili a quelli che le sono stati riservati nella Grecia moderna. Non penso solo alle innumerevoli plaquettes, curatissime nella carta, nei caratteri tipografici e nelle illustrazioni, allineate sugli scaffali delle mille librerie di…

View original post 1.281 altre parole

Mi sono persa, di Maria Cannatella

Mi sono persa, di Maria Cannatella

Mi sono persa in mezzo alla pioggia,

nella rabbia, nei miei tanti pensieri,

presenti sempre nella mia mente,

diventando unici con i sogni.

Mi sono persa con me stessa,

mentre ero intenta a sopravvivere,

cercando il vero giusto modo di vivere.

Mi sono persa nella solitudine,

nell’amore, nell’indifferenza,

dove l’anima svuotata,

si arrende alle battaglie perse,

dove le ingiustizie trionfano sempre. Continua a leggere “Mi sono persa, di Maria Cannatella”

La Borsalino 160 anni di storia, continuerà a produrre cappelli

Io la penso cosi’

Apprendiamo con grande soddisfazione l’esito positivo della gara per aggiudicare la Borsalino in seguito alla procedura fallimentare che ha permesso alla Haeres Equita, la società dell’imprenditore italo-svizzero Philippe Camperio di acquisire definitivamente gli asset della storica azienda alessandrina di cappelli.

I circa 150 dipendenti ed in generale la città’ di Alessandria possono finalmente tirare un respiro di sollievo.

Dopo tutte le iniziative a sostegno della fabbrica e dei suoi dipendenti che come “Comitato per la difesa della Borsalino in Alessandria” abbiamo organizzato per salvaguardare le attività Borsalino e perché queste potessero continuare nella città dove sono nate 160 anni or sono, possiamo ritenere concluso il nostro lavoro.

Al momento della dichiarazione di fallimento della Borsalino nel mese di dicembre 2017 è stato costituito il Comitato con la seguente dichiarazione:

“Dopo 160 anni di storia gloriosa, oggi la Borsalino viene dichiarata fallita, ma badate bene, non per problemi derivati dalla Borsalino…

View original post 482 altre parole