LA CAPRA, di UMBERTO SABA, recensione di Elvio Bombonato

LA CAPRA, di UMBERTO SABA, recensione di Elvio Bombonato

umberto-saba

Ho parlato a una capra
Era sola sul prato, era legata.
Sazia d’erba, bagnata
dalla pioggia, belava.

Quell’uguale belato era fraterno
al mio dolore. Ed io risposi, prima
per celia, poi perché il dolore è eterno,
ha una voce e non varia.
Questa voce sentiva
gemere in una capra solitaria.

In una capra dal viso semita
sentiva querelarsi ogni altro male,
ogni altra vita.

(“Casa e campagna”, 1909)

Poesia giustamente famosa, scritta nel 1909, per cui “il viso semita” (verso visivo: Saba), metafora, allude alla barbetta della capra e quindi alla diaspora plurisecolare del popolo ebraico, non alla Shoah. 

Ci sono 3 strofe diseguali, con 7 endecasillabi, 5 settenari e il quinario che le chiude. Raffinata l’assonanza della 1° quartina: apra/ata/ata/ava. I 5 enjambement rallentano i settenari, mentre le rime (1 baciata, 3 alterne) li legano agli endecasillabi. 

“Capra” è la mot-clé (4 presenze); altre parole iterate, con funzione di richiamo: “era”; ininterrotto “belato”, figura etimologica; “dolore”; “voce”; “sentiva”, imperfetto arcaico; “ogni”. 

Protagonista di nuovo, dopo “A mia moglie”, un animale impoetico, domestico, come la gallina leopardiana e quelli pascoliani, umile (“belava”), non arcadico né per l’infanzia (“Heidi”). Saba giocando – bella l’idea – le rifà il verso, ci pensa, si pente, e scopre nella capra, legata e bagnata, il dolore universale, che sollecita la solidarietà (Leopardi), il quale “ha un’unica voce”.

Incipit perentorio e sorprendente; explicit connotato dal “querelarsi” (lamentarsi) latinismo forte. “Ha una voce/Questa voce” e “In una capra solitaria/In una capra” riprese sintattiche.

La lirica è solo in apparenza ingenua e infantile, perché i dati descrittivi e realistici sono trasfigurati (Basile) in simbolo della sofferenza immanente negli uomini e nella natura.

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...