I meccanismi cerebrali del desiderio di cibo

ORME SVELATE

Risultati immagini per Food Cravings saatchiart Temptation in White (Marianna Foster)

Un recente studio dell’Università di Waterloo mostra che quando l’attività in una parte specifica del cervello viene soppressa, aumenta il nostro desiderio di alimenti ipercalorici. I ricercatori hanno scoperto che quando viene diminuita temporaneamente l’attività nella corteccia prefrontale dorsolaterale – la rete cervello responsabile per l’auto-controllo – i partecipanti hanno valutato snack ad alto contenuto calorico in modo più positivo, dando più attenzione alle accattivanti immagini di tali alimenti, e riportando stimoli più forti del solito a mangiarli. Hanno utilizzato una tecnica chiamata stimolazione magnetica transcranica per sopprimere temporaneamente il funzionamento di una parte del cervello che è coinvolto nella inibizione, conosciuta come la corteccia prefrontale dorsolaterale. Ciò ha determinato una maggiore attenzione alle immagini ad alto contenuto calorico alimentare, così come il desiderio più forte e anche di più il consumo di tali alimenti quando veniva data l’opportunità di assaggiarli. Lo studio ha coinvolto…

View original post 142 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...