La scomparsa del mago dei burattini Pupi Mazzucco, di Lia Tommi

1533332531906870642620-1497783825.jpg

Giuseppe Mazzucco, noto come “Pupi” è morto lunedì scorso all’ospedale di Novi Ligure, dov’era ricoverato da un po’. Aveva 90 anni e lascia la sorella Giovanna e la compagna Mary.

E’ stato tra i fondatori del premio “Ai bravi burattinai d’Italia”. Nato e cresciuto a Genova da una famiglia di origini silvanesi, s’era avvicinato al mondo dello spettacolo studiando scrittura e regia teatrale. Negli anni ’90, insieme a Tinì Mantegazza e Giuseppe Baldo, s’inventò il premio «Ai Bravi burattinai d’Italia» che ha fatto di Silvano la capitale di questa forma di teatro di strada.

Nel corso della carriera ha collaborato con Raffaele Cile che lo aveva portato a scrivere vari spettacoli, tra cui «Pop a ritmo di beat», interpretato con successo da Macario. Quest’ultimo in più di un’occasione gli fece visita in paese.

Il suo «22 modi per avere un figlio» fu portato in scena a Venezia dalla compagnia La Serenissima.Tornato a Silvano fu tra i fondatori, negli anni ’70 del circolo culturale dedicato a Cesare Pavere.

Negli anni ’80 nacque il sodalizio con Bernarco Beisso, volto di punta della Banda Brisca, e nacque la compagnia «Stella polare».

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...