I giochi per il cervello non ne migliorano le prestazioni

ORME SVELATE

Risultati immagini per brain game saatchi art Brain Game (Julie Garretson)

Un nuovo studio condotto da un gruppo di neuroscienziati della Western University ha smentito le affermazioni secondo cui migliorare in un gioco di allenamento del cervello può tradursi in prestazioni migliori in altri compiti cognitivi non allenati. Questo studio, pubblicato sulla rivista Neuropsychologia, si proponeva di verificare se ore di “allenamento del cervello” in una partita potessero dare a qualcuno un vantaggio in un secondo gioco che utilizza la stessa area del cervello. Se questo risultato fosse stato trovato, avrebbe dato credito alle affermazioni secondo cui le applicazioni “brain training” possono migliorare la memoria di lavoro, che è vitale per l’apprendimento e il mantenimento delle informazioni e per evitare la perdita di memoria. Ma i ricercatori hanno scoperto che questo transfert semplicemente non esiste: i punteggi più alti dei partecipanti nel primo gioco (quello su cui si sono allenati) non hanno migliorato le prestazioni nel secondo…

View original post 264 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...