Poesia per mia figlia, da “Sull’amore” (2016), Charles Bukowski

nonsolobiancoenero

(vengo informato che ora sono un
cittadino responsabile, e attraverso il sole rinchiuso nelle finestre polverose a nord
le camelie rosse sono fiori che piangono mentre i neonati piangono.)

a cucchiaiate la
imbocco: cena omogeneizzata di spaghettini e pollo
pappetta di prugne
pappetta di dessert di frutta

a cucchiaiate la imbocco e
Cristo Santo
non incolpare
la bambina
non incolpare il
gov.
non incolpare i padroni o le
classi operaie –

a cucchiaiate la imbocco
con queste braccia e torace
come cera
fulminata

un amico telefona:
“e adesso come te la sfanghi, Hank?”
“che cazzo intendi con come me la
sfango?”
“intendo che ora hai delle responsabilità, devi tirare
su la bambina
come si deve.”

nutrila:
caccialo giù a
cucchiaiate:
un posto a Beverly Hills
e non avere mai bisogno del sussidio di disoccupazione
e neanche mai di svenderti al migliore
offerente

non innamorati mai di un soldato o di…

View original post 327 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...