Il mondo di Zoryana

La radio disse che era ora di svegliarsi, la notte era finita e un nuovo giorno pieno di polvere stava per iniziare. Disse di non farsi illusioni, li aspettava un’altra giornata polverosa ma polverosa davvero e se il buongiorno si veda dal mattino potevano stare certi che ci avrebbero nuotato, nella polvere.

– Ci sarà polvere dappertutto, – annuncio la radio. – Polvere come non se ne vedeva da un pezzo, vi do la mia parola, – ha detto la voce dalla radio.

– La voce che vi parla dalla vostra lunghezza d’onda preferita, l’unica che i vostri difettosi apparecchi impolverati possano mai sperare di captare nell’etere di questo schifosissimo Stato, la radio che non vi lascia mai soli, che è sempre qua anche quando voi non ci siete. Sempre qua, come la polvere di cui fareste volentieri a meno.

La voce che parlava dalla radio sapeva bene quanto fosse…

View original post 240 altre parole