NAZIM  HIKMET, poeta turco, recensione di Elvio Bombonato

NAZIM  HIKMET, poeta turco, recensione di Elvio Bombonato

Nazim_Hikmet

Nelle mie braccia tutta nuda
la città la sera e tu
il tuo chiarore l’odore dei tuoi capelli
si riflettono sul mio viso.

Di chi è questo cuore che batte
più forte delle voci e dell’ansito?
È tuo è della città è della notte
o forse è il mio cuore che batte forte?

Dove finisce la notte
dove comincia la città?
Dove finisce la città dove cominci tu?
Dove comincio e finisco io stesso?

(Berlino 1961)  trad. Joyce Lussu

Il grande poeta turco (1902-63) trascorse 15 anni nelle famigerate prigioni turche, perseguitato dall’Erdogan di allora. Joyce Lussu, intellettuale cosmopolita toscana (scrisse “Scarpette rosse”), moglie di Emilio (“Un anno sull’altipiano”) fu sua amica. 

La poesia, intensa nella prima strofa, esprime  nelle due successive, tramite domande rivolte a sé a lei al lettore, lo stupore la gioia lo straniamento, già provati eppure nuovi, che si provano dopo che si è fatto l’amore con la propria donna, sentendo l’appartenenza reciproca dei propri corpi.

foto: it.wikipedia.org

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

One thought on “NAZIM  HIKMET, poeta turco, recensione di Elvio Bombonato”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...