#1697

P e d r o L

À medida que o alojamento local foi surgindo como uma medida de resistência ao desemprego e à austeridade, quando se começou a perceber que tinha uma taxa de rentabilidade elevada, […] fundos imobiliários, bancos, seguradoras compraram ruas [do centro histórico de Lisboa] inteiras, com consequências desastrosas para quem lá morava.

Miguel Coelho, presidente da junta de freguesia de Santa Maria Maior, jornal Público

View original post

Futuro incerto

DIALOGHI APERTI

Risultati immagini per foto dell'infinito

Alla presa con la continua ed estenuante crisi economica che impedisce al paese di ripartire, il futuro si presenta sempre più incerto. L’incertezza naturale di cui Heidegger ne parlava, non rientra nella pianificazione dell’uomo odierno.  Devo dire che comunque Heidegger ne faceva una questione filosofica e spesso il linguaggio mistico dei filosofi,  nascondono una ricerca interiore intensa, che difficilmente possa trovare riscontro  nell’uomo comune. L’uomo post –  moderno non è abituato  vivere nell’incertezza della certezza. Lui pretende di programmare persino il suo funerale, con il pretesto di non dare nessun incomodo all’altro. Dunque dichiara apertamente che nella vita a combinato poco e nessuno potrà mai interessarsi a lui, nemmeno da morto. Triste e inquieto!  Siamo stati educati a dover fare affidamento sulle nostre forze e  pensare al nostro più stretto inquilino di rado, e senza tanto empatia. Questa la condanna dell’individuo moderno. Consuma la sua vita nella solitudine, ricerca di…

View original post 397 altre parole

Amore e relazioni

Creando Idee

Fiducia, Libertà, Amore. Queste tre parole sono sufficienti per poter definire una relazione felice. Esistono infatti diversi modelli di relazione. Anzi no, esistono due modelli differenti di relazioni. Le relazioni felici e le relazioni infelici. Una relazione felice è un incontro tra due persone in cui si possono riscontrare le tre parole chiave fiducia, libertà, amore. Per poter creare questo tipo di relazione c’è bisogno però di comunicazione. Non esiste una relazione felice senza comunicazione. In questo tipo di incontro con una persona puoi essere completamente te stesso, aprirti e donare quello che sei all’altro ricevendo comprensione e verità. Forse hai cercato questo tipo di relazione da molto tempo ma poiché sei timido o siccome non hai ancora incontrato la persona giusta adesso ti senti insoddisfatto e hai perso in parte la speranza. Sei stanco di non vedere risultati e di scoprire come ogni tentativo che metti in atto non…

View original post 199 altre parole

Cambio armadio perfetto

Creando Idee

Intanto armatevi di pazienza e prendetevi il giusto tempo, il tutto va infatti fatto con calma e senza stress. Fatto questo la prima cosa da fare è svuotare completamente l’armadio e pulirlo a fondo.Questo passaggio è molto importante poiché la pulizia è il primo step. Una volta pulito per bene l’armadio possibilmente utilizzando prodotti naturali e fai da te come bicarbonato, acqua e aceto si passa al secondo step! A questo punto cominciate la valutazione obiettiva dei vestiti e degli accessori che avete. Questa è la fase più critica dove tenderete a conservare tutto facendo leva sul pensiero che un giorno potrebbe essere di nuovo utile e alla moda. Bene, questo è anche il momento in cui dovete avere forza e chiedervi: quando l’ho indossato l’ultima volta? Un anno fa, di più? Se la risposta è positiva allora è assolutamente arrivato il momento di sbarazzarsene. Stessa cosa se ci si…

View original post 204 altre parole

Un sogno, di Antonietta Fragnito

 

creatività.jpeg

Una signora col cappotto verde
su scarpe con modici tacchi
si incammina sovente nel mio sogno
Sembra un quadro di Modigliani
Flessuosa e distaccata
Straripano perle
dal suo corpo
dalle pareti diafane della pelle
Ha un occhio rapido e malinconico
che si appoggia al mio sguardo
Un uomo si spaventa
Non sa da che parte rabberciare il cuore
La signora col cappotto verde
allaga il mio spaventato sogno.

Sono Bruna e Bella

Vincenzo Petrocelli

DSCN0904Sono Bruna e Bella

Inebriato dal canto

e dalla luce tenue di un sole settembrino,

solo guidato dal costante desiderio

di poter vivere  come tra le rime

di un dolce poeta,

che in qualche parte del mondo

scrive lodi  al suo amore  lontano,

lanciando rime all’universo immenso;

così, come lode, del mio amore

per te, cometa di ogni mio passo,

davanti alla Tua Immagine

ho preso carta e penna…

volevo descrivere i tuoi occhi,

il tuo sguardo,

il tuo profilo e il tuo sorriso.

Mi sono fermato a pensare,

come fare per rendere

il tuo essere stupendo,

la tua bontà, la tua dolcezza,

mi sono reso conto

che non potevo effigiare  il paradiso!

E’ questo ciò che desidero

quando non voglio vedere o sentire,

ma solo fermarmi un attimo,

un istante, un momento

e voltarmi per  capire ciò che rimane di mio,

in una traccia, una voce,

oppure un ricordo…

View original post 186 altre parole

Niente più caffè e api

Creando Idee

Entro il 2050 in America Latina l’88 percento del territorio adatto alla coltura del caffè andrà perso a causa dei cambiamenti climatici. Non solo. Nella stessa regione si registrerà anche un calo nel numero di specie di api, i principali insetti impollinatori delle piante del genere Coffea, dalle quali si estraggono i chicchi del caffè Sono gli angosciosi risultati di una ricerca dello Institute di Panama, alla quale hanno collaborato studiosi di vari enti I ricercatori dello Smithsonian, consigliano che benché il declino sia inevitabile, tra le cinque e le dieci specie di api riusciranno a sopravvivere anche negli scenari peggiori previsti dal modello matematico, salvaguardando così il salvataggio di almeno una parte delle coltivazioni nelle aree ‘superstiti. Per coloro che potrebbero perdere le colture di caffè e di conseguenza il lavoro nei prossimi decenni, gli studiosi consigliano di essere lungimiranti e di iniziare un graduale passaggio ad altre tipologie…

View original post 101 altre parole

Il Comitato Colibrì di Alessandria, di Lia Tommi

Alessandria: Quali scopi ha il Comitato Colibrì?
Ha lo scopo di sostenere le lavoratrici e i lavoratori che si trovano in difficoltà occupazionale e di reddito, con particolare attenzione alle donne sole, monoreddito, con figli e/o genitori o coniuge a carico.

Che azioni intraprende?
Il Comitato Colibrì intraprende azioni di solidarietà economica e di mutuo aiuto, di sostegno al reinserimento e ricollocazione occupazionale, di autoformazione e aggiornamento professionale.
Promuove reti di solidarietà tra lavoratrici e lavoratori, campagne di sensibilizzazione sui temi sociali e sull’integrazione e interazione interculturale.

Come si aderisce al comitato?
E’ aperto a tutti coloro che ne condividono gli scopi e le finalità e intendono operare insieme per raggiungerli. L’adesione è libera, senza discriminazione di razza, sesso, fede religiosa.
Per aderire al comitato è necessario iscriversi e sottoscrivere gli obblighi societari tra cui il versamento all’atto dell’iscrizione della quota annua di tesseramento ( per l’iscrizione annuale la quota ordinaria è di euro 5,00, le quote sostenitrici euro 10, 00 – 30,00 – 40.00 e oltre )

Come si sostiene il comitato?
Chiunque può sostenere il comitato e le sue azioni attraverso donazioni e contributi economici e/o il lavoro volontario.

Perché Colibrì?
Una favola tradizionale racconta di un colibrì che porta una goccia d’acqua per spegnere un incendio divampato in una foresta, mentre altri animali ben più forti scappano in direzione contraria alle fiamme. Di fronte a un leone che lo schernisce, sottolineando la pochezza di quel contributo, il minuscolo uccello risponde:

“Io faccio la mia parte e se ciascuno facesse la sua, l’incendio sarebbe domato.”