Consigli Editoriali – Conversazioni con Dio di Neal Donald Walsch

Consigli per Business Man/Woman. Parte 3

Benito Di Salvo

Imprenditori si ci nasce e si ci diventa. È una combinazione di entrambi le cose. Fino a un certo punto conta la nascita, perché siete nati con un certo livello di intelligenza, ma potete anche imparare molto dagli altri. Potete imparare molto dal successo degli altri e dai loro errori, e credo veramente che sia una bella combinazione.

Tutti potete diventare imprenditori di successo. Basta diventarlo prima dentro di voi. Dentro la vostra testa.

Purtroppo però molti non diventano imprenditori. Temono di fallire più di quanto desiderano vincere. Purtroppo la vita ha i suoi alti e bassi, significa che se volete vincere, dovete accettare anche di perdere. Gli imprenditori di successo fronteggiano una sconfitta, si rialzano, imparano dagli sbagli e vanno avanti. 

Gli imprenditori di successo devono essere grandi comunicatori. Non parliamo di sapere 4 o 5 lingue o parlare benissimo il Birmano, ma stiamo parlando dei linguaggi del business. Gli…

View original post 181 altre parole

7 Consigli Essenziali per ritrovare la Vostra Creatività.

Benito Di Salvo

La creatività si trova rinchiusa in ognuno di voi.

È spesso seppellita da un mucchio di routine, professionalità, responsabilità e vita da “adulti”. A volte la scintilla della creatività viene soffocata dalle critiche.

Tuttavia è sempre possibile risvegliare la vostra creatività dormiente. I benefici dell’essere più creativi si sentiranno così in tutte le vostre attività, fornendovi nuovi spunti, nuovi modi di fare le cose. Ravviverà la vostra vita e illuminerà i vostri impegni quotidiani. Sperimenterete di nuovo l’intuizione e le strategie che vi permetteranno di risvegliare la vostra creatività e di riportare la scintilla nella vostra vita. Sentitevi liberi di sperimentare. Esplorate le idee una alla volta o in combinazione e assimilate quelle che funzionano. Cosi per scoprire e accrescere la gioia e le ricompense di una vita più creativa.

Ecco a voi 7 Consigli Essenziali per attivare la Vostra Creatività:

  1. SII CONSAPEVOLE DELLA TUA CREATIVITA’  Alcuni vi informeranno…

View original post 559 altre parole

L’unico modo che ho per pensare è scrivere

Moon life

Post 11

Sono passati più o meno venti giorni da quando ho iniziato il count down del tempo che ho stimato mi ci sarebbe voluto per dimenticare TDL. Mi sono scontata la pena, diciamo, ma il traguardo è ancora lontano. Va detto che la prima a non semplificarsi la vita sono io: ascolto una playlist su Spotify così deprimente che devo tenere i Kleenex accanto al pc, quando mi fermo un attimo sul divano mi perdo a ricordare le sue parole, rileggo messaggi e mail. Ma sopratutto controllo. Controllo i suoi accessi su Facebook, Twitter, Google+, Instagram, LinkedIn. Guardo se qualcosa cambia nella sua vita, sono una spiona, aspetto che distrugga i miei sogni impossibili con qualcosa di possibilissimo e realistico, come la foto in bianco e nero (che fa più figo) del famoso anello di fidanzamento. Oppure un post con un centinaio di faccine felici che annuncia il matrimonio. Ma nulla…

View original post 514 altre parole

ALIMENTO DIÁRIO

VOCACIONADOS

MATEUS 26: 47–56

20180104_191605

Cristo é traído por Judas.

O Servo do Sacerdote é Agredido por Pedro. Cristo E Abandonado pelos seus Discípulos

 Somos informados aqui de como o bendito Senhor Jesus foi apanhado e levado preso. Isto se seguiu imediatamente à sua agonia, enquanto Ele ainda falava; porque desde o início até o fim de sua paixão, Ele não teve a mínima interrupção ou pausa, mas a situação só se agravou. Sua dificuldade, até este ponto, havia sido em seu interior; mas agora o cenário está mudado, agora os filisteus estão sobre ti, bendito Sansão. “O respiro das nossas narinas, o Ungido do Senhor, foi preso nas suas covas” (Lamentações 4.20).

Agora, com respeito à prisão do Senhor Jesus, observe:

I – Quem eram as pessoas que foram empregadas nessa situação.

1. Aqui estava “Judas, um dos doze”, na frente de sua guarda infame; ele foi o guia para…

View original post 4.212 altre parole

Ricordando Carlo Alberto, di Cristina Saracano

Oggi, 3 settembre, ricorre un triste anniversario: l’attentato di Cosa Nostra in cui morirono a Palermo il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, sua moglie e l’agente della scorta Domenico Russo,

Nato a Saluzzo, in provincia di Cuneo nel 1920, due lauree in Giurisprudenza e Scienze Politiche, membro della Resistenza durante la seconda guerra mondiale, entra nell’Arma dei carabinieri e presta servizio in varie città del nord Italia.

Successivamente, lotta contro il banditismo in Campania e dal 1973 al 1979 a Torino si impegna con successo per sconfiggere le Brigate Rosse.

Grazie a questo risultato positivo, viene mandato in Sicilia per cercare di fermare le organizzazioni mafiose.

Nel 1982 viene nominato prefetto di Palermo per poter far luce sulla criminalità organizzata, ma, purtroppo, il suo incarico dura pochi mesi.

Ma la memoria resta, come il ricordo vivo di un uomo forte, uno dei tanti che ce la mettono tutta per avere un’Italia migliore.

AVVIO LEZIONI AL “NUOVO PATRI” DI VIA BONAVOGLIA

AVVIO LEZIONI AL “NUOVO PATRI” DI VIA BONAVOGLIA

Tortona: E’ iniziato regolarmente l’anno scolastico per gli alunni del Patri trasferiti in Via Bonavoglia, a seguito della chiusura del plesso scolastico di Viale Kennedy.

tortona Avvio a.s. Patri.JPG

Ad attenderli, insieme alla Dirigente Scolastica ed al personale docente, c’erano gli Assessori Marcella Graziano, Davide Fara e Lorenzo Bianchi che hanno seguito per tutta l’estate i lavori di allestimento anche delle nuove sedi di Piazzale Mossi e Via Bidone che, da lunedì prossimo, ospiteranno le classi della Primaria.

“Questa mattina le dodici classi della scuola secondaria di primo grado del Comprensivo B hanno potuto riprendere l’attività scolastica, primi in Città – dichiara l’Assessore all’Istruzione Marcella Graziano; in tempo record siamo riusciti, grazie ad un impegno congiunto tra Amministrazione Comunale, Dirigenza scolastica ed Uffici, a far fronte ad una grave emergenza di edilizia scolastica e a garantire spazi idonei, funzionali e fruibili sia in termini di servizi che di sicurezza.

A tutti gli studenti va il nostro augurio di un buon anno scolastico e a tutti i genitori un sentito ringraziamento per la disponibilità dimostrata nel condividere questo non facile percorso, che ci ha consentito oggi, con soddisfazione, di dare avvio alle lezioni”.

Ricerca, racconti di Gianni caccia

Ricerca, racconti di Gianni caccia

Collana Le impronte 21. Gianni Caccia, Ricerca. Racconti. Nota di Ivano Mugnaini, Illustrazioni di Pietro Casarini pp. 160 € 15,00

Ricerca

Tre racconti di fantasia che creano un intreccio forse insolubile di mistero e razionalità, contraddizioni riunite nel protagonista, un austriaco trapiantato nell’Oltregiogo che si sente fuori posto in ogni dove. Comune denominatore delle storie è la ricerca evocata dal titolo dell’opera, che sempre sfugge a ogni definizione finendo inevitabilmente per essere, anche e soprattutto, ricerca interiore.

Laureato in Lettere classiche all’Università di Genova con una tesi su Luciano di Samosata, Gianni Caccia è insegnante di Lettere nel Liceo Scientifico di Novi Li- gure, dove risiede. È redattore della rivista internet di cultura classica Senecio, dove ha pubblicato traduzioni e saggi critici.

Ha pubblicato le raccolte di racconti Aperture (Ed. dell’Orso, Alessandria 1994), La stadera (Joker, Novi L. 2005), La Vallemme dentro (nuova edizione: puntoacapo Editrice, Pasturana 2012), e i libri per ragazzi Anselmo, il locomotore color pompelmo, Le nuove avventure di Anselmo, il locomotore color pompelmo (ivi 2010 e 2013) e La formula del bene (ivi 2015). Continua a leggere “Ricerca, racconti di Gianni caccia”

AXC – Aperto per Cultura Perché la cultura dà senso alla vita

AXC – Aperto per Cultura Perché la cultura dà senso alla vita

Alessandria, 8 settembre 2018

Perché la cultura dà senso alla vita” è lo slogan scelto per la terza edizione di “Aperto per Cultura”, quest’anno resa ancora più interessante dall’acronimo — AXC — che richiama una speciale formula matematica dove la “x” sta per quel segno moltiplicatore in grado di trasformare un progetto, già di per sé felice fin dalla prima edizione, in un elemento distintivo di prim’ordine per la Città di Alessandria.

L’appuntamento è per il prossimo 8 settembre, a partire dalle ore 18 (taglio del nastro in piazza della Libertà angolo via Dante vicino ai mosaici di Gino Severini) per vivere un insieme straordinario di proposte che, sotto il segno dell’amore per la cultura, daranno anche visivamente il senso dell’apertura all’incontro, alla convivialità, al vivere a tutto tondo la dimensione di una Città che sa presentarsi nei modi migliori e sa essere attrattiva per la propria comunità locale e per i tanti turisti che parteciperanno all’evento.

Con “Aperto per Cultura” Alessandria apre i propri musei, i monumenti, le vie, le piazze e il cuore cittadino a chi è attratto da un nuovo modo di concepire arte e spazi: ecco il segreto del successo di questa manifestazione, ossia di un “format” veramente innovativo di city management & entertainment, pensato come una proposta moderna di valorizzazione dei centri storici cittadini. Continua a leggere “AXC – Aperto per Cultura Perché la cultura dà senso alla vita”

La signorina Gilda, di Antonietta Fragnito

 

Featured Image -- 63111

Si fa largo tra gli invitati
lei
la signorina Gilda
Si muove a fatica sulla stampella di un defunto sorriso
Serpeggia fra i tavoli la tipica tristezza
del momento elegante
La noia del vestito da festa
delle scarpe strette
estranee a tutto il resto
Il lancio del bouquet e’ il picco della burla
I fiori freschi azzoppati sono già nella bara del passato.
La signorina Gilda
dopo aver sollevato dalla sedia
i suoi novanta chili
si pone in posizione di raccolta
Ma il sogno la tradisce
Il bouquet alla sua vista
inorridito
cambia traiettoria
Allora dignitosa torna a sedersi
e come in trance
riprende a divorare i mignon innocenti.

Week end in Toscana con sorpresa ( parte seconda)…..

Il Pikaciccio

Una bella giornata proficua……

https://pikaciccio.blog/2018/07/25/week-end-in-toscana-con-sorpresa-parte-prima/

quindi bisogna festeggiare…. ci riproviamo con la visita ad Arezzo e cena romantica , senza camionisti questa volta….

Ma appena risaliti sul furgoncino stiamo scorrendo la Home di Facebook…. ed intravediamo alcuni cari amici che hanno pubblicato le foto di un raduno Volkswagen che si sta svolgendo in Toscana …….

Ci guardiamo negli occhi ad entrambi vengono le facce da pesti, al diavolo cena romantica si parte e andiamo a trovare gli amici e a fare festa …..

Il raduno è a Staggia Senese, non proprio dietro l’angolo….. piccola bugia al Ciccio che non sa di doversi fare un paio di ore di curve …. non abbiamo detto niente a nessuno….

Speriamo di trovarli e la sprpresa sarà servita…….

ed eccoci arrivati ……..

Lo spettacolo che ci troviamo davanti è unico ( grazie Mara per  la foto)

36698463_10209256242842786_3639580669887119360_o

Non vediamo l’ora di rivedere gli amici ……

View original post 270 altre parole

Cambiamenti !cosa stiamo combinando ?

Il Pikaciccio

In questi giorni di semi vacanza …. perchè proprio di una vacanza non si tratta….. ci stiamo preparando a grandi cambiamenti…. un po’ per scaramanzia un po’ per stimolare la vostra curiosità non vi abbiamo ancora raccontato niente…….

Una delle cose che possiamo dirvi è che sicuramente il blog non chiuderà ……. anche se negli ultimi tempi abbiamo scritto poco….. oltre al resto infatti stiamo lavorando anche su  di lui…..

Ci piacerebbe infatti rendervi partecipi di questa nuova nostra avventura……ma no è ancora presto ….

Altro piccolo indizio ….. faremo qualcosa che unirà le nostre passioni …. cucinare , viaggiare e stare insieme ………

Un nuovo sogno che insieme stiamo realizzando ……. fate gli scongiuri e fra poco vi racconteremo tutto !!!

View original post

La solitudine delle Orme Svelate: è possibile fare volontariato?

ORME SVELATE

sfondo_home_5xmilleDopo circa un anno dall’inizio delle nostre attività come associazione è tempo di bilanci. Questo compito, in quanto presidente ed ideatore di Orme Svelate, spetta a me e lo faccio con orgoglio per quanto fatto in quest’anno, ma con molto dolore per il poco sostegno ricevuto da istituzioni e privati. Siamo partiti senza nulla, se non tanta buona volontà e le nostre competenze individuali e le nostre sensibilità. Personalmente ho fatto più di 300 ore di punto ascolto a persone con disagio psichico o con criticità emotiva. Abbiamo creato e fatto crescere il nostro sito http://www.ormesvelate.com che parla del benessere mentale, arrivando ad avere circa 15000 visualizzazioni mensili, dando spazio a più di 20 autori che ringrazio con calore e che invito sempre a continuare ad inviare i loro contributi. Siamo stati citati in una tesi di laurea. Abbiamo organizzato eventi sul disagio psichico e ne abbiamo…

View original post 349 altre parole

La capacità di Meravigliarsi

INDIGO STARGATE

«La capacità di meravigliarsi è scomparsa negli uomini.

Vostro Fratello d’Amore, Gesù, un giorno disse: “Ritornerete come bambini”. Gli esseri umani, dominati dalla tecnologia e credendosi troppo spesso intelligenti, hanno davvero perso la loro anima infantile.

La cosa ancora più grave, è che i piccoli sono privati della loro anima infantile. Essi non hanno nemmeno più la capacità di essere dei bambini poiché già dall’età di due, tre o quattro anni, hanno apparecchiature virtuali e cellulari tra le mani.

Non hanno più una mente creativa e la capacità di meravigliarsi. Pertanto come volete che possa meravigliarsi un adulto? Questo è deleterio per l’umanità, perché è nella bella creazione mentale che si trovano l’evoluzione e soprattutto le grandi qualità dell’essere.

Attualmente, le persone diventano schiave delle macchine. Non hanno più la capacità di inventare cose meravigliose, di raccontarsi delle belle favole, delle belle storie, perché la tecnologia attuale è a disposizione…

View original post 486 altre parole

What Kind Of Legacy Will Lady Deathstrike Leave Behind?

The Comic Vault

Controlling how you’re remembered is part of the human condition, even when it’s impossible to do. Everyone will be remembered differently, but it doesn’t stop some people from wanting to define their legacy. When a person is gone, what do they leave behind? That is the essence of legacy. A character that’s battled to define herself is Lady Deathstrike. An enemy of Wolverine, Deathstrike has fought against the X-Men for years. When her motivations are pulled apart, an intriguing character is revealed. Deathstrike’s upbringing and nature have shaped the way she wants to be remembered.

View original post 742 altre parole

Gli adolescenti non distinguono i toni di voce

ORME SVELATE

Risultati immagini per teenager saatchi art portrait of teenager (Piero Masia)

La tua figlia adolescente litiga con compagno a scuola e si scopre che tutto potrebbe essere iniziato semplicemente per una cattiva comprensione del tono di voce dell’altro. Una ricerca recentemente pubblicata sul Journal of Nonverbal Behaviour dimostra che la capacità di comprendere ciò che qualcuno sente basandosi sul tono di voce può essere difficile in piena adolescenza (tra i 13 ei 15 anni). Mentre gli adulti sono in grado di leggere con precisione una gamma di emozioni nelle voci degli adolescenti, e anche il contrario è vero, gli adolescenti sono molto meno in grado di capire cosa sta succedendo con i loro coetanei, in particolare quando si tratta di toni di voce che esprimono rabbia, meschinità, disgusto o felicità. Questi risultati suggeriscono che gli adolescenti non hanno ancora raggiunto la maturità né nella loro capacità di identificare le emozioni vocali, né di esprimerle. Questo significa…

View original post 328 altre parole

Sognare

ORME SVELATE

Risultati immagini per dream saatchi art Jacob’s Dream (Alissa Kim)

Non riesco più a sognare
nella notte sprofondo nei pensieri
e mi assorbono come buchi neri,
fagocitato dalle ossessioni
continuo a vorticare nel dolore
senza intravedere soluzione,
provo ad abbandonarmi a qualcuno
ma finisco sempre per sentirmi solo
non potrei evitare il controllo
non mi fido del futuro
preferirei morire che avere paura
invece continuo ad angosciarmi
e a tener lontani gli angeli,
adesso ho sonno e sono stanco
mi lascio andare,
forse riprenderò a sognare.

Daniele Corbo

View original post

Guarda “Claudio Baglioni-E tu” su YouTube

Antonella Lallo

Testo E Tu…

accoccolati ad ascoltare il mare
quanto tempo siamo stati
senza fiatare
seguire il tuo profilo con un dito
mentre il vento accarezzava pianoil tuo vestito
e tu
fatta di sguardi tu
e di sorrisi ingenui tu
ed io
a piedi nudi io
sfioravo i tuoi capelli io
e fermarci a giocare
con una formica
e poi chiudere gli occhi
non pensare più
senti freddo anche tu
senti freddo anche tu
e nascoste
nell’ombra della sera poche stelle
ed un brivido improvviso
sulla tua pelle
poi correre felici a perdifiato
fare a gara per vedere
chi resta indietro
e tu
in un sospiro tu
in ogni mio pensiero tu
ed io
restavo zitto io
per non sciupare tutto io
e baciarti le labbra
con un filo d’erba
e scoprirti più bella
coi capelli in su’
e mi piaci di più
e mi piaci di più
forse sei…

View original post 141 altre parole

NESSUNO LO DEVE SAPERE, di Vittoriano Borrelli

NESSUNO LO DEVE SAPERE, di Vittoriano Borrelli

NESSUNO LO DEVE SAPERE

“L’hai fatto?”

“Non ancora. Ho un po’ di paura.”

“Lo so che è difficile per te ma devi farti coraggio.”

“Non ce la faccio a guardarlo, è più forte di me.”

“E tu non lo guardare.”

“Ho provato a tirarlo fuori ma sento tutti gli occhi puntati su di me.”

“Aspetta che si fa buio, così nessuno ti vede.”

“Come farò ad estrarlo da lì? E’ morto stecchito e chissà da quanto tempo.”

“Usa i guanti, un asciugamano e un sacchetto nero della spazzatura.”

“E poi?”

“Poi ti fai un bel giretto in macchina, ti trovi un posto lontano da occhi indiscreti e ci depositi il malloppo.”

“Non credi che sia il caso di informare le autorità competenti?”

“Così ti arrestano di sicuro. Non crederebbero ad una sola parola della tua versione.”

“Ma io sono innocente!”

“Lo so, ma sai quanti innocenti sono in carcere?”

“Perché dici questo? Non farei del male nemmeno ad una mosca. Pensa che se vedo una formica mi scanso per non calpestarla. Mia madre mi diceva che le formiche sono figlie di Dio.”

“Eh, quante cose diceva tua madre! Alcune giuste, alcune sbagliate. Però è vero, le formiche sono come gli agnelli, sono protette dal Signore.” Continua a leggere “NESSUNO LO DEVE SAPERE, di Vittoriano Borrelli”

SILENZI, di Andrea Venanzi

SILENZI, di Andrea Venanzi

SILENZI

di Andrea Venanzi

SILENZI

Ascolto i tuoi silenzi
senza esserti accanto
e ovunque tu ti trovi
nel tuo amaro silenzio
ti ascolto pensandoti

Ti amo e tu lo sai
senza averlo sentito
come preghiera recitata
in segreto senza parole

Ho sentito il tuo silenzio
nel mormorio trasportato
di questo vento complice
che ascolta il tuo pensiero
trascinandolo nel tempo

Mi preoccupo del silenzio
anche sapendo che sei
nelle mie serie aspirazioni
mi trasmetti dolci emozioni
nonostante il tempo voli

Ti sento ancora in silenzio
come la pelle sulla mia pelle
come il mio sangue fervente
sentendoti in maniera chiara
annego nel tuo dolce essere

Andrea Venanzi

Ti racconterò tutte le storie che potrò di Agnese Borsellino Recensione di Cristina Saracano

Si è parlato tanto di Paolo Borsellino, come uomo di stato, ligio al dovere, innamorato del suo lavoro.

Si è parlato tanto della sua tragica fine, dei misteri in cui è ancora avvolta, di tutto ciò che si fa per trovare ogni colpevole.

Ma non si è mai parlato molto di Paolo Borsellino uomo qualunque.

Agnese Borsellino, moglie e madre dei suoi tre figli, intervistata da Salvo Palazzolo, nel 2013, ormai provata da una malattia incurabile, ci racconta Paolo nel suo lato più umano.

Era un uomo semplice, legato alle tradizioni di famiglia, amante delle serate tra amici, desideroso di giustizia.

Attraverso una narrazione semplice e scorrevole, scopriamo meglio quest’uomo, che amava stare in compagnia della moglie e raccontarle tanti pezzetti di vita, attraverso storie indimenticabili.

Un libro emozionante, una storia d’amore che passa attraverso.le vicende di un’Italia che merita di più, come diceva Paolo Borsellino, una Palermo e un’Italia fatta di sincerità, giustizia, libertà.

Dolcezza e passione, di Silvana Fulcini

Dolcezza e passione, di Silvana Fulcini

Dolcezza e passione.jpg

Dolcezza e passione

Dolcezza e passione
Eroga il tuo cuore
Incontrandosi con il mio,
Che esplode
Donandoti gocce di vita,
Ricambiando i tuoi sentimenti.
Culmine della felicità!
Amare ed essere amati!
L’amore
Che ci scuote l’anima,
Ci fa star bene…
…no, non possiamo
Farne a meno!
Ci coinvolge tutti i sensi.
Emozionante!
Sublime!
Brividi si rincorrono
Sulla mia pelle,
Le tue mani
Fra i miei capelli,
Lungo la schiena…
I tuoi occhi
Che si illuminano d’immenso,
Ed io mi ci rispecchio.
Si cercano
Le nostre labbra.
Dolcemente si intrecciano
I nostri corpi,
Immersi
Nel l’infinito desiderio
Di appartenersi.

Sil. F. 31/05/2016
Diritti riservati
Immagine dal Web

Notte magica, di Silvana Fulcini

Notte magica, di Silvana Fulcini

Notte magica

La tua mano scivola sicura
sulla mia pelle, è notte magica,
ci sei tu che respiri accanto a me
in questa notte magnifica.
I nostri visi si sfiorano,
si parlano i nostri occhi,
si intrecciano le nostre mani,
mi nutro dei tuoi baci
e
ti regalo sorrisi, quant’è bello!
Sento un brivido lungo la schiena,
le tue labbra….
È amore fra noi, il destino ci ha legati…
Come soffio di vento
tra le foglie degli alberi,
sibila un suono, sussurri una parola…
…. mi dici:
sei il mio dolcissimo amore…
e sarà per sempre!
Ci attendono ancora carezze…
passano le ore, sembrano minuti…
Tu ed io….
I miei occhi si chiudono…
Mi guardi mentre mi addormento
e si spegne la notte.
Sei come un angelo,
e io, sogno di volare…

@Silvana Fulcini

L’ orizzonte, di Domenica Zappalà

L’ orizzonte, di Domenica Zappalà

L’ orizzonte.

Osservo l’orizzonte ,
oltre l’oceano immagino te,
ti vedo , sei bello come il sole
riesco a sentire il tuo profumo,
il tuo calore sulla mia pelle
come se tu fossi accanto a me.
Ti guardo, catturo il tuo sguardo
mi perdo nei tuoi occhi,
mi sento viva,
mi sento più bella.
Ti guardo , lascio uscire dal cuore tutto l’amore
colmo di emozioni.
Emozioni infiniti.
Sei tutto ciò che ho atteso per tanto tempo.
Eri già nei miei sogni
eri nel percorso del mio destino,
è come un uragano
sei arrivato nel mio tempo.
Cosi ho modificato il quadro della mia vita
con colori mai capiti in un unico colore , come
i sentimenti, emozioni, sensazioni,
passione mai conosciuti,
sono essi il colore dell’amore.
Con un soffio delicato ma potente
ti invio tanti baci, tanti abbracci
essi superano ogni limite,
superano il pensiero
giungendo a destinazione,
sino nell’anima, sino al cuore.
Vorrei correre da te, superare tutte le paure
le barriere, l’oceano
per abbracciarti e tenerti stretto
a ME.

Citation du jour — Marcel Pagnol

Littérature portes ouvertes

La rentrée en sixième

   Pendant les deux premiers mois, je fus entièrement dépaysé, et malgré l’intérêt de tant de nouveautés, il m’arrivait de regretter ma chère école du chemin des Chartreux, dont Paul me donnait chaque soir des nouvelles.

   Tout d’abord, dans cette caserne secondaire, je n’étais plus le fils de Joseph, le petit garçon que tous les maîtres tutoyaient, et qui jouait le jeudi ou le dimanche dans la cour déserte de l’école. Maintenant, j’étais à l’étranger, chez les autres.

Marcel Pagnol, Le temps des secrets (source).

View original post

[amm] XVII – De fil en aiguille

Sur le balcon

<Illustration à venir>


À ma mort

[Chapitre précédent] – [Sommaire] – [Chapitre suivant]


Moi qui ne voulais pas engager de détective, je crois que j’ai largement sous-estimé ce métier, car j’ai bien dû y avoir recours pour obtenir la réelle identité de Nadine. Le nom de famille donné à la télévision était factice et vu que l’adresse exacte de L’informaticien n’a jamais été révélé au grand public, il était impossible pour amateur comme moi de recouper les informations. Enfin peu importe maintenant je connais son adresse et son vrai nom : Carpentier.

Quand je l’ai contacté, elle a tout de suite accepté de me rencontrer. À coup sûr c’est une de ces vieilles dames isolés en manque de chaleur humaine. Quoi qu’il en soit, nous avons rendez-vous chez elle. Juste à côté du lieu même où la vie de l’informaticien a pris fin.

J’ai dû acheter une citadine classique pour l’occasion…

View original post 2.733 altre parole

Quelle est la signification d’une huile neutre en cosmétique-bien-être ?

Spotjardin.com

Comme chaque semaine, voici un autre article que je tiens à vous faire partager de notre regrettée Cathy afin de faire vivre ses écrits en son souvenir. 

palmier.jpgNeutre pour l’olfaction ???

  • Huile sans odeur, mais pourquoi ? huile qui peut servir de base à n’importe quel parfum, de vecteur à n’importe quelle huile essentielle ?
  • Huile sans odeur, mais comment ? origine naturelle, raffinée, synthétique ?

View original post 234 altre parole

Status quo

Empowered

The comfort zone is dead.

Promise me you won’t stay in your little zone. You won’t stay in your fears. You won’t be scared of what you think anymore. If there’s something you want you’ll reach for it. You won’t look back and you won’t think twice. You will live. No more living with your inibitions and chains setting you back. Just do it. Just go for it. Live from the heart not from the fear. Make mistakes by all means: you will learn and grow. But do something. Don’t just sit there. Change the status quo.

View original post

Il grande silenzio

marcellocomitini

Il grande silenzio con crocifissoTutti insieme entriamo nella cattedrale senza vedere nulla
gli occhi accecati dalla luce fredda della facciata
scolpita in mezzo alla pianura.
Torniamo fuori e da una porta a fianco scopriamo la Certosa
come una piccola città lombarda cinta di mura, portici, colonne,
capitelli intagliati, storie di santi in terracotta, chiostri
illuminati dal bagliore delle acque che si riversano
dagli orli delle vasche.
Sotto i portici udiamo il gracidare secco delle foglie
che mulinano nel vento.

In ogni cella un Crocifisso implora al muro ruvido di calce.

E poi, silenzio.

Negli orti risvegliati dal brusio di passeri fuggiaschi
cogliamo qualche frutto stento.

Ora risuona nell’ampio refettorio il tramestio dei nostri passi
strascicati di turisti.
Sgomenti e affascinati da tanta solitudine
sfiliamo lentamente innanzi ai tavoli ammantati a festa.
I frati hanno messo in mostra
mille vasetti etichettati “Miele di San Giovanni”
“Unguento di Sant’Anna”, dodici “Ceri del Signore”
legati a fascio…

View original post 269 altre parole

Capire se una notizia sarà virale

ORME SVELATE

Risultati immagini per viral news saatchi art ViRal (ARI NUGROHO)

Capire come rendere gli articoli e i video virali è il Santo Graal per qualsiasi creatore di contenuti. Sebbene una formula magica rimanga elusiva, negli ultimi anni i neuroscienziati hanno previsto quale contenuto diventerà virale mostrandolo ad un piccolo numero di persone e osservando la loro attività cerebrale. Ora, hanno fatto un ulteriore passo avanti nella ricerca, osservando quali sono le persone migliori per prevedere ciò che diventerà virale. In un prossimo articolo sulla rivista Cerebral Cortex , i ricercatori dell’Università della Pennsylvania e l’US Army Research Laboratory hanno analizzato le risposte del cervello di 40 persone mentre leggevano i titoli ed i riassunti degli articoli sulla salute del New York Times. Stranamente è emerso che gli individui che erano maggiormente in grado di prevedere la popolarità di quegli articoli erano quelli che non leggono regolarmente le notizie. I ricercatori hanno esaminato in modo specifico la corteccia…

View original post 376 altre parole

PSICOLOGIA ANALÍTICA

VOCACIONADOS

AS DUAS FACES DO NASCISISMO

Para entender melhor esse traço – necessário para a autoestima, mas que em excesso prejudica relacionamentos –, psicólogos criam “subdivisão”, com base em características de personalidade.

As duas faces do narcisismo

Narcisismo é um daqueles termos bastante usados por muita gente, mas nem sempre da forma como o fazem psicólogos e psicanalistas. No senso comum, aliás, muitas vezes assume conotação pejorativa, como sinônimo de egoísmo ou orgulho. Para a psicanálise, é um aspecto fundamental para a constituição psíquica. Nos primeiros anos de vida, é importante ter a sensação de que somos amados e valorizados para um desenvolvimento emocional saudável. Aos poucos, porém, conforme vamos crescendo e nos fortalecemos, percebemos que as frustrações são inevitáveis e podemos sobreviver a elas. Fundamental para confirmar e sustentar a autoestima, o amor-próprio se traduz de maneiras variadas, que incluem desde cuidados consigo mesmo até tolerância aos próprios erros e capacidade de se expor, seja…

View original post 688 altre parole

Solitario silenzio, di Oriana Sandrin D’Ascenzi

Solitario silenzio, di Oriana Sandrin D’Ascenzi

Solitario

Solitario silenzio,
una panchina
ora vuota.
La dove l’odore
di un anima
triste sola
ancor esala
il suo calore.

Un vento freddo
gelido mi scuote
vibra tra le corde
del mio sentire.

Par un brivido
un brivido
ghiacciato
sulla mia pelle
mi entra
nel profondo
fa male al cuore.

Straziante visione…
desolazione umana
o forse dovrei dire
disumana.

Quattro ossa,
due stracci a caso
per vestito e nulla più.

In punta di piedi
mi allontano.
È calda, la mia guancia
una lacrima per te, versa.

Oriana Sandrin D’Ascenzi.

L’ASSEDIO, di Carmela Fiore

L’ASSEDIO, di Carmela Fiore

L’ASSEDIO

In quel monologo, solo parole rotte da singhiozzi.
A distanza, spine mi bucavano e mi svenavano,
perdevo l’eqiilibrio nell’attesa spasmodica.
Nella stagione dei sensi ti regalai innocente fiducia.
mentre una passione scarlatta copriva i nostri corpi.
Fluttuava il sangue nelle vene, in una tempesta incredibile
e, dall’abisso della passione, eruttava la sua forza.
Come persa, in guizzi lussuriosi, le carezze lasciavano tracce.
Andavo sprofondando in una voragine,
e, nulla fu più detestabile di me.
M’ingannavo per la bramosa voglia di una passione,
dove,un gioco sensuale, mi dominava.
Possedevo l’intima percezione dei miei sensi,
ma non riuscivo a mantenere l’integrità.
Andavo oltre, iberandomi della coscienza.
e nei suoi meandri, mi nascondevo.
In me respiri, come cascate, a riparare il danno dei desii.
Invocavo il tramonto della passione,
ma, l’amore, sdegnato, non cedeva,
e,le mie labbra, mormoravano il prodigio.
Una pioggia di brividi sulla mia pelle,
tremavo.. assediata dalla lussuria.

LINA FIORE

Pier Carlo Lava: Il rilancio di Alessandria in 10 mosse

Pier Carlo Lava: Il rilancio di Alessandria in 10 mosse

Alessandria: La città ha già sofferto molto e da diversi anni ed è ora che la nuova Amministrazione operi con efficienza per farle tornare il sorriso. Occorrono risposte adeguate e urgenti per il rilancio di Alessandria.

Alessandria_Panorama copia

Sulla questione del dissesto si è parlato per anni, ne hanno parlato tutti forse anche troppo, le responsabilità sono note e non sono da imputare esclusivamente ad una sola amministrazione, dato che anche altre in precedenza, seppure in misura minore hanno le proprie responsabilità.

Del resto quando una città viene governata per decenni da politici poco lungimiranti, conservatori e incapaci di un minimo di progettualità per il futuro è inevitabile che si arrivi a determinate conseguenze.

Durante la precedente amministrazione si è dovuto prevalentemente operare per uscire dal dissesto con le relative conseguenze per i cittadini, i lavoratori e le imprese, che ne hanno pagato un duro prezzo.

Ora però è tempo di dare corso al rilancio della città, questa è la vera sfida alla quale l’Amministrazione Comunale in carica da poco più di un anno è chiamata a rispondere, d’ora in avanti non servirà più parlare di quello che è stato ma di quello che si intenderà fare e in tal senso non basteranno le parole ma conteranno solo i fatti concreti che nell’interesse generale si spera vengano realizzati.

Pertanto se si vuole rilanciare la città, occorre dare corso a quanto segue:

1) Messa in sicurezza e rilancio della Cittadella con il finanziamento di 32,5 milioni di euro fra Stato e Regione;

2) Riqualificare l’ex ospedale militare;

3) Completare la riapertura del teatro attraverso la finanza di progetto con partner privati;

4) Rendere operativi i nuovi Consigli di Ambito territoriale (quartiere) per dare voce ai cittadini; Continua a leggere “Pier Carlo Lava: Il rilancio di Alessandria in 10 mosse”

Il grande silenzio, di Marcello Comitini

Il grande silenzio con crocifisso

Tutti insieme entriamo nella cattedrale senza vedere nulla
gli occhi accecati dalla luce fredda della facciata
scolpita in mezzo alla pianura.
Torniamo fuori e da una porta a fianco scopriamo la Certosa
come una piccola città lombarda cinta di mura, portici, colonne,
capitelli intagliati, storie di santi in terracotta, chiostri
illuminati dal bagliore delle acque che si riversano
dagli orli delle vasche.
Sotto i portici udiamo il gracidare secco delle foglie
che mulinano nel vento.

In ogni cella un Crocifisso implora al muro ruvido di calce.

E poi, silenzio.

Negli orti risvegliati dal brusio di passeri fuggiaschi
cogliamo qualche frutto stento.

Ora risuona nell’ampio refettorio il tramestio dei nostri passi
strascicati di turisti.
Sgomenti e affascinati da tanta solitudine
sfiliamo lentamente innanzi ai tavoli ammantati a festa.
I frati sorridendo hanno messo in mostra
mille vasetti etichettati “Miele di San Giovanni”
“Unguento di Sant’Anna”, dodici “Ceri del Signore”
legati a fascio con un nastro azzurro.

Mi torna alla memoria quel silenzio e il Cristo al muro.

Tutto ho acquistato per risvegliare la mia fede
e farmi perdonare i miei peccati.

Monastero d’ombre, di santi senza nome e di sospiri,
di monaci che negli orti seppellivano la voglia d’esser vivi
sarei vissuto mai tra le sue mura?
Ogni sera avrei atteso
con un saio indosso e un cordone stretto attorno ai fianchi
il battere dei passi lungo i corridoi di una vita
che avanza silenziosa sotto un cielo senza luna?
Avrei pregato ad ogni alba il Cristo
di perdonare i miei peccati che nella notte
intorno al mio giaciglio
hanno versato il miele del piacere?

Monaco in preghiera in fondo al mio silenzio
scavo una nicchia nelle pareti azzurre della cella.
Lei mi attende in sogno. La depongo dolcemente
nella nicchia luminosa, ai suoi piedi accendo
ceri profumati, ammanto i suoi capelli con un velo d’ambra.
Come il serpente schiacciato dal suo piede
le avvolgo il corpo in una tunica di miele.

Mi risveglia il suono opaco di campane
e l’armonia lontana di un canto gregoriano:“Finché non giunge
morte con il capo cinto dalle tenebre ”.(*)

E i baci che le ho dato? Quelli ricevuti e le carezze?
E lo stupore della vita, i palpiti del suo corpo mentre l’abbracciavo?

Non so se è più un tormento o un sogno.

Alle nostre spalle la meraviglia della facciata gelida.
Intorno a me tutti sdraiati al sole. In un brusio di parole sussurrate
reggiamo tra le mani i souvenir come ostensori.

(*)dum veniet tenebris Mors adoperta caput (Albius Tibullus, Elegiae, I, I, 71)

Dammi le ali, di Valerio Villari

Dammi le ali, di Valerio Villari

Roberto_Ferri_-_Angelo_Caduto

Oh notte di sogno,

oh incanto di vita,

sono come angelo,

che vuole volare

l’aria del giorno,

riscaldata dal sole

caldo,

come il suo cuore.

Ti vivo

e sogno

di nuotare nel mare,

sapore di lei

sulla mia pelle

e tu,

oh si, tu

notte cara

che con il fuoco

delle tue stelle

da lei vuoi condurmi,

dammi le ali,

dammi le ali

per volarti dentro; Continua a leggere “Dammi le ali, di Valerio Villari”

Amianto Eternit. Si aggiunge un nuovo capitolo al nostro libro “Ambiente Delitto Perfetto”.

Barbara Tartaglione

Storia infinita dei delitti consumati nelle aule dei tribunali (clicca qui). La Cassazione ha deciso che il processo Eternit bis sarà “spacchettato” in quattro filoni davanti a quattro magistrature diverse (per le vittime di Cavagnolo, di Casale, di Rubiera e di Bagnoli) e soprattutto che l’imputazione è per omicidio colposo e non volontario. La conseguenza sarà la prescrizione per la maggior parte delle vittime: a centinaia morte prima del 2005. I casi aperti riguarderebbero dunque poche decine di morti. Anche per questo Natale la giustizia italiana fa un ultimo regalo a  Stephan Schmidheiny.Il processo Eternit bis aveva preso il via nel maggio 2015: unico imputato Schmidheiny, condannato in appello a Torino a 18 anni di carcere per il reato di disastro ambientale, dichiarato poi prescritto in Cassazione nel novembre 2014. Il magnate svizzero per anni ha continuato consapevolmente a far soldi sulla pelle di migliaia di persone ma secondo la Cassazione non si tratta di  omicidi volontari, non c’è  nessun disastro ambientale a Casale Monferrato ecc.

Barbara Tartaglione

Medicina democratica Alessandria

DI CHE COLORE HA GLI OCCHI QUESTA MIA FANTASIA?, di Loredana Mariniello

DI CHE COLORE HA GLI OCCHI QUESTA MIA FANTASIA?, di Loredana Mariniello

di che colore

DI CHE COLORE HA GLI OCCHI QUESTA MIA FANTASIA ?

Annebbiato, mi sei caduto dentro
lo schermo fumoso di un sogno.
Dov’è che ti ho già visto ?
Tutt’oggi mi domando,
può darsi io ti abbia incontrato
dietro un ricordo obliquo,
ma non ti ho mai vissuto,
o, forse,non ti ho riconosciuto
protagonista di un déjà vu obliato.
Ascolto la tua voce nel silenzio,
presenzio all’avventato artefizio
cercando beneficio in quanto
non è che la malia di un maleficio .
Come un tattoo s’incollano
i miei occhi sulla tua pelle ,
costellazione di miriadi di scintille
che prende forma riunendo i punti
di miliardi di stelle.
Continua a leggere “DI CHE COLORE HA GLI OCCHI QUESTA MIA FANTASIA?, di Loredana Mariniello”

LA FAVOLA MIA, di Nadia Pascucci (video poesia Massimo Rotundo)

LA FAVOLA MIA, di Nadia Pascucci (video poesia Massimo Rotundo)

La favola mia di Nadia PascucciVoce Nino Castorina – Musica Abel Korzeniowski – Video poesia Massimo Rotundo.

https://www.youtube.com/watch?v=StRKxnXp7R4

LA FAVOLA MIA

Mi hai conquistata con lo sguardo insinuandoti tra i miei pensieri come se ci conoscessimo da sempre,mentre nuove sonorità si adagiavano sulla tastiera del cuore, ricamando nuove emozioni.

Lentamente mi hai baciata, incurante della gente intorno..

Solo io e te, sospesi nell’aria, spogliati del nostro dentro…

Due anime senza età, che si tenevano per mano, senza paura, con cristalli di luce negli occhi e silenziose parole.

“Hai un buon profumo, profumi di pulito, di erbe odorose, di aria frizzante, di fiori di campo…profumi di meraviglioso. Mi hai detto –

“sei la mia alba, ti ho cercata da tanto, sapevo che ti avrei trovata…Sei l’amore che pochi riconoscono, la mia parte mancante, ed io ti amerò con un sentimento sempre giovane, intreccerò di stelle i tuoi capelli e ti farò volare con musica e parole sempre nuove, ed ora voglio respirarti, cogliere ogni tuo sussurro, ancorare il mio amore al tuo cuore, sfogliarti come i petali di un fiore, sognare insieme a te. Ho bisogno di te per vivere, sei il flusso dei miei desideri, il mare che voglio attraversare.” Continua a leggere “LA FAVOLA MIA, di Nadia Pascucci (video poesia Massimo Rotundo)”

AMARSI NELLO STESSO TEMPO, di Vittoriano Borrelli

AMARSI NELLO STESSO TEMPO, di Vittoriano Borrelli

AMARSI NELLO STESSO TEMPO

Non capita spesso amarsi nello stesso momento, ma quando succede è una vera e propria esplosione dei sensi. Non parlo dell’attrazione fisica, che quando c’è, concomitante o meno, lambisce solo in superficie i sentimenti e si dilegua in fretta come un’impronta sulla sabbia all’arrivo delle onde.

Un grande amore ha bisogno di essere coevo, sintonico, stare sulla stessa lunghezza d’onda del partner, resistere alle intemperie e splendere come un arcobaleno nel cielo dopo la tempesta. Solo quando c’è reciprocità e disponibilità a concedersi senza riserve che si può sperare che questo grande sentimento duri per tutta la vita e anche oltre.

“Amor, ch’a nullo amato amar perdona”, la famosa frase pronunciata da Francesca da Rimini nell’Inferno di Dante, è l’esempio tipico della reciprocità dell’amore, quello impetuoso e necessario che obbliga ciascuno degli amanti a darsi completamente all’altro nello stesso tempo. L’epilogo, si sa, fu una tragedia, ma è il destino dei grandi amori sopravvivere al dolore e diventare immortali. Continua a leggere “AMARSI NELLO STESSO TEMPO, di Vittoriano Borrelli”

“Nel profondo” di Floriana Naso

“Nel profondo” di Floriana Naso

Sinossi: Greta, una giovane subacquea dai capelli rossi, viene aggredita mentre fa jogging nella zona dei Navigli.

Legata, bendata e imbavagliata si ritrova in balia di uno sconosciuto che approfitta brutalmente di lei, ma che inaspettatamente le risparmia la vita. L’accaduto accresce le ansie e i tormenti che già attanagliavano la sua travagliata esistenza: un rapporto difficile con la madre e uno inesistente con il padre, un colonnello dell’aeronautica militare, che ha abbandonato la sua famiglia rendendola una donna diffidente e solitaria. Nemmeno il legame di affetto che instaura con un ragazzino di dieci anni riesce a scalfire la sua corazza.

aaa Il respiro della grande madre copia

Soltanto il suo fidanzato, Rafael, un giornalista sportivo agli esordi, sembra rassicurarla, almeno fino a quando Greta non cade di nuovo vittima di violenze e le indagini del commissario Virginia Landi portano a galla una verità troppo scomoda da raccontare. Un crescendo di indizi nascosti porteranno la polizia alla chiave di volta di un caso sconcertante quanto inaspettato; tuttavia, ciò non sarà sufficiente a mettere la parola fine alle sofferenze della giovane, la quale, solo al culmine della strada su cui l’avrà condotta la vendetta, verrà a conoscenza dell’indicibile segreto che ha condizionato la sua vita.

Narrazione adrenalinica e intreccio avvincente terranno il lettore teso tra erotismo e colpi di scena in una Milano dove nulla è come sembra.

NOTA DI REDAZIONE

In seguito alla lettura critica e analitica del testo sottoposto alla nostra valutazione dalla signora Naso – autrice, riteniamo l’opera di narrativa ascrivibile al target letterario/editoriale specifico del thriller psicologico.

La struttura appare forte e ben sviluppata, caratterizzata da uno stile fluido e moderno e da un ritmo cinematografico di particolare efficacia. Continua a leggere ““Nel profondo” di Floriana Naso”

Il rapporto con il prossimo

Benito Di Salvo

Amare gli altri non è sempre facile, ma costruendo dei rapporti sani, sviluppando un’immagine di voi e apportando qualche correzione al vostro stile di vita, dovreste essere in grado di intraprendere il viaggio che vi porterà a diventare più benevoli e amorevoli. Ricordate che ogni cambiamento richiede tempo, quindi abbiate fiducia!
Una comunicazione efficace è alla base di ogni rapporto e richiede impegno.

In special modo tra persone con un’educazione differente. Riflettete brevemente prima di parlare, può fare un’enorme differenza, così come il saper essere un po’ più pazienti.

Fidatevi degli altri. Senza fiducia non può esistere un rapporto sano. Se le persone sentono di non avere la vostra fiducia, avranno timore a concedervi la propria. Fidarvi degli altri può rendervi vulnerabile, ma contempo può aiutarvi a vivere una vita più sana e felice. Il semplice atto di lasciarvi aiutare dopo aver espresso un bisogno può fare in modo che…

View original post 365 altre parole

Perle di Saggezza

Benito Di Salvo

Riconoscete i vostri punti di forza?

Per costruire un’immagine positiva di voi stessi, è importante capire che le vostre qualità vi definiscono come persona.

Fate una lista dei vostri attributi positivi e sentitevi grati per ognuno dei vostri pregi. Riconoscere i vostri punti di forza vi rende più semplice riuscire a cogliere e ad accettare quelli degli altri e può aiutarvi a evitare di fare paragoni inutili. Che sono potenzialmente dannosi e tendenzialmente estranei a una natura benevola e amorevole.

1Ricordate che le esperienze degli altri non sono le vostre e che il loro punto di vista deriva dagli eventi che hanno vissuto.

Se riuscite a comprenderlo e a dichiararlo agli altri, ai loro occhi apparirete gentili e benevoli. Inoltre ricordate che provare a trasformare gli altri per farli assomigliare a voi o volere che tutti i vostri conoscenti e amici siano d’accordo con voi riguardo a ogni questione non…

View original post 70 altre parole

8 consigli del Successo

Benito Di Salvo

Secondo voi esiste la formula magica che spiega come diventare ricchi?

Indipendentemente dalla vostra risposta, esistono abitudini che hanno in comune i milionari di mezzo mondo.

Definisce i propri obiettivi e si focalizza su uno alla voltaA quanto pare la prima abitudine delle persone di successo consiste nel sapere esattamente dove voler andare e concentrare tutte le proprie energie su questa singola meta.

Si alzano presto la mattina. Sanno il valore del tempo. La mattina presto permette di resettare i pensieri per la giornata. E permette di praticare attività che durante la giornata lavorativa non possono farle. La mattina presto vi rende più produttivi.

Leggono tanto. Adottare le abitudini di lettura fanno diventare più ricchi e più intelligenti. Scientificamente le giuste abitudini di lettura attivino le sinapsi neurali in un modo unico. E migliorano la memoria e le capacità di apprendimento. Inoltre, leggere le biografie di altri individui di successo…

View original post 379 altre parole

Medusa, lo sguardo che uccide

I Viaggi di Morgana

Attratta dalla mitologia greca, mi sembra quasi doveroso scrivere un articolo sulla figura che incute terrore ma allo stesso tempo ci affascina.. Mi riferisco al mito di Medusa, laGorgone che pagò con la vita la sua parte umana.

L’antica Grecia è ricca di leggende, alcune delle quali suscitano la mia curiosità nonostante l’argomento sia stato trattato da molti, intendo scrivere la mia visione del mito.

L’origine della storia nasce dall’unione di due divinità marine ForcoeCeto (fratello e sorella) che diedero alla luce Le Graie e Le Gorgoniaccomunate dall’aspetto orrendo.

Le Graie erano tre vecchiette rattrappite dai lunghi capelli grigi, con un solo occhio che usavano a turno per riuscire a vedere.

Le Gorgoni erano anch’esse tre, dall’aspetto mostruoso, con ali d’oro e mani con artigli di bronzo, zanne e serpenti al posto dei capelli, con il potere di pietrificare chiunque le guardasse dritte negli…

View original post 1.250 altre parole

Istanbul

Cipriano Gentilino

Era tempo d’amore

tra veli impudici

sul ponte dei Martiri

a Istanbul

prima dei califfi

chicchi di melograno

spremuti

come rosari tra le mani

nel tempo assorto

della moschea

ora nel roco silenzio blu

gli amori svaniscono

e sui bosfori restano

monconi di ponti

e sogni che

i martiri hanno già dimenticato,

ma i sopravvissuti etiopi

ameranno donne curde

prima dell’alba .

ⒸCipriano Gentilino

View original post