I poeti, di Antonietta Fragnito

I poeti hanno bisogno di sostanza. Sì aggirano con il vocabolario in corpo. La realtà per loro è un vestito troppo stretto.
Sono anime perse , vagabonde del sogno. Spesso si trovano ingabbiate in corpi indecifrabili, prigionieri dell’ inconscio. Tanti di loro hanno occhi di falco e
un’ insaziabile vena interiore che li divora. Sono lerci di poetica, scavano come talpe, si infangano di versi.
Li riconosci subito perche’ hanno la pupilla allagata e hanno perso in normalita’.
La loro anima li perseguita. E’ famelica, avendo conosciuto il momento creativo e l’estasi.

Un pensiero su “I poeti, di Antonietta Fragnito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...