IN MULIERIBUS (tra le donne)

Izabella Teresa Kostka Poesie

IN MULIERIBUS (tra le donne)

È giunta alla fine la solita partita
nel silenzio della sconfitta,
si annoda il velato pianto
tra le corde della stretta gola.

Brucia come un fiammifero
poggiato sulla carne viva
ogni offesa sputata in aria
schiantatasi sul viso di una donna.

Siamo radici sazie di feconda linfa
che nutre i cuccioli di questo pianeta,
umiliate tra i muri tinti di disprezzo
in nome dell’inerme, muta obbedienza.

Noi, figlie odierne
del profanato corpo di Eva,
difese dagli slogan mediatici
ma abusate dai vili compagni.

Troveremo un giorno la giustizia divina?

Izabella Teresa Kostka

2017, diritti riservati

Foto Pexel

View original post

El árabe que hay en ti

El zoco del escriba, de Alberto Mrteh

img_20170601_194016-compressor-e1536081753280.jpg El árabe que hay en mí

Llámame asesino que no me ofendo, pues nadie reposa en la almacabra por asalto de mi daga. Llámame mezquino que no me inmuto, que nunca temí ser ningún pobrecito. Llámame talibán, que buen alumno dicen que en la madrasa fui. En balde intentan irritarme tus insultos: alcahueta, zafio, mindundi. No te canses, continúa con tu atraco: mameluco, mamarracho, catetorro. No abandones la tarea: farruco, haragán, so gandul. No pones en riesgo nuestra amistad porque, como mucho, loco, titiritero o albardán soy, pero nunca zalamero, que jamás me esconde ninguna máscara. ¿Por qué estamos a batacazo limpio? Pasábamos la tarde con juegos de azar: las tabas o quizás los dados. No lo recuerdo. Tú querías jugar a los naipes y yo al ajedrez. Ya despierta mi…

View original post 685 altre parole

Merzuga, hechizados por sus dunas [CUPA]

El zoco del escriba, de Alberto Mrteh

Sé lo que estás pensando, la idea previa que tenías de Marruecos cuando comenzamos nuestro recorrido era a lomos de un dromedario, paseando por el desierto. Después de muchas jornadas, aún no has visto la arena y te preguntas si no te estaré engañando y olvidando a propósito algún rincón con especial encanto. Y en parte llevas razón. Dejemos atrás las ruinas de Volúbilis para cruzar las montañas del Atlas y seguir nuestro camino hasta el Sahara. Nuestro destino es Merzuga, un pequeño pueblo frecuentado por los turistas que quieren perderse en sus dunas. Un lugar mágico, ideal para terminar nuestro recorrido en seis etapas por Marruecos.

Cuando serpenteábamos por la carretera de montaña, parecía que nunca llegaríamos. Solo al ver el inmenso palmeral del valle de Ziz intuimos que puede estar cerca. Buscamos en el horizonte intentando distinguir el prometido color anaranjado. Aún no ha amanecido. Por fin detectamos…

View original post 542 altre parole

Credere nell’amore (Croire en l’amour)

marcellocomitini

Salvator Dalì the-great-masturbator pic Salvator Dalì, The great masturbator

Io credo in ciò che tocco e vedo con il cervello e con le mani.
Vedo una muraglia che mi sta d’innanzi
contro cui si scaglia la forza indomabile del dubbio.
Una scogliera fessurata nelle cui crepe pendono
ciuffi d’erba morta che si agita nel vento.
Alberi dalle radici immerse nella pietra
costretti a non fruttificare
come danzatori che l’attimo ha bloccato
nel flettere dei corpi come archi tesi al salto
per carpire con i rami al cielo la leggerezza delle stelle.

Illuminata appena dalla luce fievole di barche
che le scorrono ai suoi piedi cariche di sogni.
Traggono con gesti misurati nell’insensato strascico
di non lasciare nulla al caso
le reti colme un po’ d’azzurro-mare,
un po’ di sabbia e alghe
e un po’ del calore della terra misto a foglie morte.

In alto accanto agli alberi ridono come dee innalzate sugli altari
le…

View original post 558 altre parole

I processi neurologici dietro illusioni ottiche

ORME SVELATE

Risultati immagini per Optical Illusions saatchi art Swirly Optical Illusion Maze (Yonatan Frimer)

Un team di scienziati ha scoperto una sinergia neurologica che si verifica nell’adattamento visivo, un fenomeno in cui la percezione viene alterata dall’esposizione prolungata a uno stimolo. Esempi ben noti includono “effetto di movimento” e “effetto di espressione facciale”. Nel primo caso, fissare uno stimolo in movimento, ad esempio una cascata, e quindi spostare lo sguardo su un oggetto fisso, come una roccia vicina, causa un illusione in cui l’oggetto “stabile” (la roccia) sembra muoversi nella direzione opposta. Nell’adattamento di espressione facciale, dopo aver visto un volto con un sorriso raggiante, i volti con un’espressione neutra appaiono tristi, mentre l’osservazione di un viso triste fa sembrare felice un volto neutro. I risultati del nuovo studio, che appaiono nel Journal of Vision, mettono in discussione un assunto comune secondo cui gli effetti collaterali dell’adattamento sono puramente sensoriali. Quantificando la relazione tra le risposte sensoriali alterate…

View original post 262 altre parole

foto e pensieri sparsi

“Ogni volta che guardo dentro di me trovo qualcosa che ti appartiene, il vuoto ha il tuo nome, le spine hanno il colore delle tue labbra, l’assenza il tuo profumo, il dolore risplende come i tuoi occhi.

Ogni volta che mi chiedo dove sei, ti riscopro sotto la mia pelle, ti trovo insinuato nelle pieghe dei miei pensieri, ti immagino a riposare fra un battito e l’altro delle mie ciglia.

Ogni pensiero ti accompagna, anche se forse tu non lo sai, ogni giorno ha un po’ della tua luce, la scia che hai lasciato dietro di te allontanandoti mi abbaglia ancora, le parole che mi hai regalato le stringo fra le dita, ricordando i tuoi respiri, immaginando che tu sia ancora qui, sognando che non sia assenza.

Manchi come le cose essenziali, come ciò che mancare non dovrebbe, manchi come le illusioni, come i sussulti, come il significato delle cose…

View original post 64 altre parole

Mangiare avocado fa dimagrire?

Creando Idee

Negli ultimi anni mangiare avocado è diventato molto di moda. Peccato siano molto costosi, ma se vi dicessimo che potreste ricevere uno stipendio per assaggiarli ? L’avocado è stato più volte definito il “frutto dei millennials”. Ogni persona di massimo trent’anni che si rispetti non è nessuno se non apprezza il guacamole o se non mette la polpa di avocado nell’insalata. Il frutto viene messo anche dentro al sushi altro cibo molto in voga tra i ragazzi nei panini, nelle zuppe e nei dolci. Di avocado è pieno Instagram, Pinterest, Tumblr e Facebook: gli manca solo l’account ufficiale. In che modo mai c’è stato questo boom di questo alimento? Non si sa bene: certamente è molto buono, sicuramente fa bene, sicuramente però costa anche tantissimo. Tanto che un multimilionario ha addirittura detto che il motivo per cui i millennials non riescono a comprarsi una casa è per il loro…

View original post 186 altre parole

Sette-mbre

Diario di una Zingara

Settembre è un po’ come l’inizio di un nuovo anno, ricco di buoni propositi e tanti progetti: “a settembre farò…”, “A settembre inizierò…”. 

Un po’ come quando dici che da lunedì ricominci la dieta e la palestra.
Per nove mesi ho cercato di mantenere i buoni propositi che mi ero prefissata all’inizio dell’anno, quello vero. Mi sono sfidata tante volte.

Adesso se penso agli obbiettivi per questo settembre non ne ho. Non ne ho perché forse per la prima volta nella mia vita ho tutto quello che desidero, come lo desidero.

Oggi pomeriggio, con mio marito, parlavamo delle vacanze e delle migliorie che ci sono ancora da fare in casa. Fantasticavamo su isole tropicali e sul gazebo in giardino, che sarebbe bello affiancato ad una piccola cucina esterna.

Quindi, al 7 settembre, il mio buon proposito per questo mese è uno: impegnarmi per realizzare questi sogni. E per stringere sempre…

View original post 7 altre parole

Rilanciare l’alleanza educativa

scuolavicentina

Si è svolta oggi in Aula Nervi l’incontro del Santo Padre con l’AGE (Associazione Italiana Genitori), in occasione del 50° di fondazione. Papa Francesco è tornato (anche in modo simpatico ma non banale) sul valore e l’importanza del rilancio dell’alleanza educativa, tema sempre molto caro al nostro ufficio diocesano e a chiunque viva e si spenda per il bene della scuola.  https://www.avvenire.it/papa/pagine/il-papa-ai-genitori-rilanciare-l-alleanza-educativa-con-gli-insegnanti

View original post

Cibi che fanno invecchiare.

Creando Idee

Sapevate che alcuni alimenti fanno solo male e molti di questi vengono spacciati per “salutari”? Se li evitate, potrete vedervi più giovani e ritardare l’invecchiamento della pelle e dell’organismo. Ogni volta che ingeriamo un alimento, il corpo reagisce di conseguenza per digerirlo. Alcuni ingredienti o cibi ci fanno invecchiare più rapidamente mentre altri hanno l’effetto contrario. Consumare tutti i giorni alimenti che fanno bene, permetterà di vedere dei miglioramenti sul nostro corpo, di ‘sentirlo’ più sano. Non solo esteriormente, ma anche interiormente. E’ il risultato di un indagine svolta da un team di ricercatori,tra i processi che si svolgono nel nostro corpo e che favoriscono la vecchiaia o la giovinezza troviamo: l’ossidazione, l’infiammazione e la glicazione. Non parliamo solo di rughe o capelli grigi, ma anche di invecchiamento di organi, muscoli e articolazioni. Qualcosa di molto più importante dell’estetica eccone una lista: dai quali sarebbe bene stare alla larga per…

View original post 34 altre parole

#Travelsfordreamers: esplorare il mondo restando comodamente seduti in poltrona

The Traveling Fork

Settembre è, per antonomasia, il mese dei cambiamenti, dei buoni propositi e delle promesse da mantenere. Così non potevo che scegliere mese migliore per iniziare una nuova avventura qui sul blog, che unisse ancora di più tutte le mie passioni: viaggiare, mangiare, fotografare, leggere libri e vedere film.

Perchè, parliamoci chiaro: voi dove prendete ispirazione per i vostri viaggi? Si, è vero, la maggior parte di voi dirà che li sceglie in base ai consigli di amici e parenti, o girovagando per i social, ma non vi succede mai di leggere un libro o vedere un film e sentire il desiderio di visitare di persona i luoghi raccontati? O magari essere in vacanza e ricordarsi di un luogo citato in libro letto qualche tempo prima, e andare a cercarlo per vederlo con i propri occhi?

E poi diciamocelo, non è neanche così semplice andarsene a spasso per il globo: tra…

View original post 113 altre parole

Torre Garofoli, frazione di Tortona

Storie di Territori

Torre Garofoli, che è frazione di Tortona, ha la bella chiesa parrocchiale di Santa Giustina e Agnese.

TorreGarofoli_0003

La posa della prima pietra di questa chiesa avvenne nel 1590 alla presenza del vescovo di Tortona Maffeo Gambara e della principessa Cristierna di Danimarca, signora di Tortona, mentre la solenne consacrazione risale al 1595.

TorreGarofoli_0004

La storia della piccola chiesa situata oltre Scrivia è da sempre intrecciata con quella della famiglia Garofoli: fu infatti eretta per volontà della nobildonna tortonese Giustina Garofoli alla cui famiglia il vescovo, in segno di stima e riconoscenza, aveva concesso il diritto di patronato perpetuo.

TorreGarofoli_0006

La facciata nella parte inferiore è scandita da lesene scanalate con capitello aggettante a motivi fitomorfi, tra le quali, a sinistra in alto, si trova lo stemma della famiglia Garofoli, mentre a destra è lo stemma della famiglia Garofoli Visconti; a coronamento della facciata è posto un frontone in stile neoclassico. Purtroppo non…

View original post 347 altre parole

Lo Scrivia o la Scrivia

Storie di Territori

Quest’oggi mi sono trovato a passare sul ponte che collega i territori di Pozzolo Formigaro con quello di Villalvernia. Sotto scorre il torrente Scrivia.

cof Il torrente com’è oggi guardando verso Cassano Spinola

La Valle Scrivia, ubicata nel settore sudorientale del Piemonte, ha origine alle spalle di Genova e rappresenta una delle incisioni più notevoli del versante settentrionale dell’Appennino Ligure. Il torrente Scrivia (l’antica “Olubria” dei romani o meglio “La” Scrivia della tradizione popolare serravallese) nasce nel Genovesato, dal monte Prelà, a 1.406 s.l.m, a sud del monte Antola.

Sgorga col nome di “Laccetto” e bagna Torriglia per poi prendere il nome di “Laccio”, all’altezza dell’omonimo paesino ligure. A Brovia, si unisce al torrente Pentemina ed assume il nome di “Scrivia”, declinato al femminile nel dialetto locale “La Scrivia”. Al termine di un percorso lungo 88 km, dopo aver raccolto le acque di numerosi affluenti (quali  i torrenti Spinti…

View original post 314 altre parole