Il cervello dei chitarristi e dei beatboxers funziona diversamente

ORME SVELATE

Risultati immagini per Guitarists saatchi art The Guitarist (anda varlam)

Il cervello dei beatboxers (coloro che riproducono tutti i suoni di una batteria e di altri strumenti attraverso l’utilizzo della bocca e della voce) e chitarristi professionisti risponde in modo diverso all’ascolto di musica diversa dalla propria e rispetto ai non musicisti. Un nuovo studio dell’UCL, pubblicato su Cerebral Cortex, fa luce su come l’apprendimento e il fare musica possano influenzare i processi mentali. I ricercatori hanno scoperto che l’area del cervello che controlla i movimenti della bocca era particolarmente attiva quando i beatboxer ascoltavano una traccia beatbox mai ascoltata, mentre l’area della mano del cervello dei chitarristi mostrava attività intensa quando ascoltavano la chitarra. La maggior parte delle ricerche in questo settore si è concentrata su musicisti di formazione classica, che hanno avuto lezioni estese sin dalla più tenera età, ma hanno scoperto che beatboxer e chitarristi professionisti mostrano anche schemi neurali tipici di questi…

View original post 435 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...