Intervista alla scrittrice Floriana Naso, di Pier Carlo Lava

Intervista alla scrittrice Floriana Naso, di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare un intervista in esclusiva per il blog, alla scrittrice Floriana Naso. Floriana afferma, “se la prima cosa a cui pensi appena sveglio è scrivere, allora sei uno scrittore”.

Floriana ciao e benvenuta su Alessandria Today è veramente un piacere farti un’intervista, ci vuoi raccontare dove sei nata, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Sono nata a Torino, il 15 dicembre del 1976. Oltre a scrivere, aiuto mio marito nella sua attività di orafo e sono mamma di due bambini.

Torino è una città meravigliosa, affascinante, stimola la creatività. Non a caso il mio primo romanzo è ambientato proprio a Torino.

Quando hai iniziato a scrivere e cosa ti ha spinto a farlo?

Mi ha spinta la sofferenza. La scrittura è terapeutica!

Chi è per te uno scrittore?

Parafrasando la sceneggiatura di un celebre film, dico: “Se la prima cosa a cui pensi appena sveglio è scrivere, allora sei uno scrittore.”

Ci vuoi parlare dei libri che hai scritto?

Il mio romanzo d’esordio è nato per gioco; potremmo definirlo un rosa contemporaneo. Tratta temi attualissimi come la bisessualità, il rapporto genitori- figli LBGT, sex testing e cyber sex.

Il secondo è un thriller. Narra di Greta, una giovane subacquea che subisce delle violenze, ma le indagini porteranno a galla amare verità.

Il primo libro è come il primo amore non si scorda mai, ci puoi raccontare quali difficoltà hai incontrato per pubblicarlo e quale è stato il tuo primo pensiero dopo averlo pubblicato?

Non ho avuto difficoltà nel pubblicarlo, anche perché mi sono rivolta a piccole Case Editrici.

Il primo pensiero è stato: non ci credo!

Ora ci vuoi parlare delle antologie?

Le antologie sono raccolte di racconti di autori vari. Le trovo interessanti e stimolanti da lettrice e utilissime da scrittrice: adoro le collaborazioni, aiutano a crescere sia professionalmente che umanamente.

A tuo avviso come vedono il mondo gli scrittori e che mondo sarebbe senza di loro?

Gli scrittori vedono il mondo come un immenso oceano da cui attingere storie, riflessioni. Senza gli scrittori non ci sarebbero emozioni, poesia, riflessioni, modi di essere e di vivere da tramandare di era in era. Ognuna di esse ci ha insegnato tanto e mi auguro che sarà lo stesso per coloro che ci leggeranno tra trecento anni.

Hai già partecipato a diversi concorsi letterari, ce ne vuoi parlare?

I concorsi sono utilissimi per farsi conoscere e per fare allenamento, oltre che essere davvero stimolanti e divertenti!

Quali differenze ci sono tra uno scrittore e un poeta?

La differenza si trova solo nello stile, nella sostanza non c’è differenza: entrambi scrivono di emozioni, di sentimenti, di vita.

Sei anche una curatrice di rubriche, ce ne vuoi parlare?

Ho curato una rubrica sulla violenza sulle donne per un blog sul web. Ora sono redattore di Italia Star Magazine e di Grado Zero. Mi occupo di cultura toccando temi sociali attraverso i romanzi con Interviste agli autori.

Dalla tua biografia si evince che presenti Autori, ce ne vuoi parlare?

Certo! Sono moderatrice nelle presentazioni di romanzi da parte degli autori. Ne ho presentate diverse: esperienze stupende sotto tutti i punti di vista.

Solitamente su quali media comunichi quello che scrivi?

Sul mio profilo FB personale, sulla mia pagina Fb, su Twitter, sui gruppi letterari di FB.

Secondo te nell’epoca in cui viviamo, cosa pensano le persone degli scrittori e della cultura?

Pensano che siano importanti. Ho letto reportage e biografie incredibili. Mi hanno arricchito come persona, ecco cos’è la cultura. Conoscere, sapere, imparare.

Cosa consiglieresti a chi pensa di iniziare ha scrivere?

Consiglierei di scrivere per passione e non per diventare famosi.

Qual è  la tua opinione sulla politica italiana, relativamente alla gestione della cultura e dei beni patrimoniali del nostro paese?

Penso che il nostro paese sia attento alla promozione e divulgazione di tutto ciò che è cultura. Siamo noi mamme a dover fare di più: bisogna leggere i libri ai nostri bambini, farli appassionare a tutti quei mondi fantastici che si vivono tra le pagine di un libro. Solo così cresceranno pieni di creatività, di fantasia e saranno dei lettori da grandi! (Che mancano, ahimè!)

Stai già scrivendo il tuo prossimo libro e nel caso ce ne vuoi parlare?

Sì, sto iniziando a scrivere una biografia romanzata che riguarda uno dei teatri più antichi di Torino: Alfa Teatro.

Progetti per il futuro e sogni nel cassetto?

Nel mio futuro ci sarà sempre la scrittura e ti dirò, ho già esaudito tutti i miei sogni, non posso davvero chiedere di più! Sono una donna, moglie e mamma felice e appagata.

Infine, vuoi regalare un tuo pensiero ai lettori del blog?

Che bello sarebbe potervi conoscere tutti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...