Solo

MARIO ROSSI | writer

Notte fonda. 00.50. Solo. Il vagone era lungo. Vuoto. Era estate. Tutti i finestrini erano abbassati e i tendaggi svolazzavano scomposti animati maldestramente dall’aria che entrava. Il rumore ritmico del treno in velocità era assordante. Avrebbe impedito qualsiasi comunicazione.

View original post

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...