“Risoluto son già”, le melodie di un Maestro veneziano del “bel canto” si incrociano con l’arte scultorea valenzana

“Risoluto son già”, le melodie di un Maestro veneziano del “bel canto” si incrociano con l’arte scultorea valenzana

Gentilissimo Sig. Pier Carlo Lava porgiamo cortese richiesta di pubblicazione per il prossimo appuntamento del Festival Internazionale Alessandria Barocca e non solo… A seguire articolo ed in allegato foto del noto gruppo “I solisti ambrosiani” che si esibirà in occasione della presentazione del restauro della Madonna del Rosario con le statue laterali dello scultore valenzano Giovanni Battista Comolli e la Pala del pittore di origine monferrine Gugliemo Caccia, detto “Il Moncalvo”. Una serata particolarmente “ghiotta” per gli appassionati di arte italiana

Marcello Bianchi  e Daniela Demicheli

ris I-Solisti-Ambrosiani-2 copiaris locandina Concerto Duomo

Sabato 15 Settembre, alle ore 21, presso il Duomo di Santa Maria Maggiore, a Valenza, (AL) quinto appuntamento con il Festival “Alessandria Barocca e non solo…”. Protagonisti della serata il noto ensemble barocco “I Solisti Ambrosiani”, (Davide Belosio, violino – Claudio Frigerio, violoncello – Emma Bolamperti, clavicembalo – Tullia Pedersoli, soprano) un gruppo “capace di creare una musica senza confini nella ricerca di un suono che sia la degna rappresentazione della bellezza” (D. Ielmini, giugno 2012), fondato nel 2008 dal soprano Tullia Pedersoli e dal violinista Davide Belosi, che trova nel temperamento dei singoli componenti e nella flessibilità della formazione – dal duo alla piccola orchestra da camera – la propria cifra stilistica. La serata, interamente dedicata al grande contrappuntista veneziano Antonio Caldara, artefice del tardo barocco viennese e sommo Maestro del “bel canto”, presenta un altro grande protagonista, l’Altare monumentale della Madonna del Rosario, con le statue laterali dello scultore valenzano Giovanni Battista Comolli e la Pala del pittore di origine monferrine Gugliemo Caccia, detto “Il Moncalvo”.

L’altare risale nella sua ultima versione agli inizi del sec. XIX quando si volle riporre la reliquia di San Giacomo in apposita nicchia centrale con grata, e si commissionò nel 1814 allo stuccatore lombardo Cremona una serie di abbellimenti tra i quali le due poderose statue laterali raffiguranti le virtù cardinali della carità e della giustizia. L’Altare presenta inoltre, al centro, ora restaurata, la tela della Madonna del Rosario del 1620 di Guglielmo Caccia detto il Moncalvo.

Il restauro, affidato al laboratorio Restauro di Martella Pietroniro in Alessandria ed offerto in memoria di Matteo Pozzato e mamma Luisa Prisco, è stato un paziente e minuzioso intervento di pulitura, riadesione e consolidamento, seguito da un delicatissimo intervento di reintegro pittorico, atto a riportare l’opera d’arte al suo antico splendore.

Una serata, dunque, dove l’arte italiana, ancora una volta di distingue come arte universale.

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...