Qualcosa di nuovo, sotto il cielo

Inchiostro viola

Sento che è arrivato il momento

di lasciare spazio

a questa forma d’arte perfetta,

che ben poco si sposa

con una donna imperfetta come me,

la poesia .

Percepisco l’insieme caotico dei versi

impazienti e tempestuosi

farsi spazio in me.

Forse sarà infruttuoso,

ma accetto il beneficio del dubbio.

Le parole sono tante

così come pure i loro abbinamenti.

Potrei scrivere delle emozioni,

o dei grilli che intonano il loro canto

in questa sera mite di settembre.

Potrei dedicare versi alla notte,

che mi avvolge

col suo manto purpureo,

e allevia il colore cupo della solitudine.

Potrei scrivere di me

di chi sono ,

se solo lo sapessi.

Il presente é così ancorato al passato,

e il futuro al presente stesso.

Ripercorrendo a ritroso chi ero

potrò mai definire chi sarò?

Abbozzerei versi con banali domande

rivolte a chissà chi,

ma la carta no,

non può essere sprecata.

Poetare é…

View original post 117 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...