E così… di Valerio Villari

E così… di Valerio Villari

41758851_1863535320367403_2111695390624448512_n

E così, mentre il sole
inizia a carezzare la
finestra del mio nido,
mentre le cime degli alberi,
incitate dal vento amico.
iniziano a corteggiarsi,
intanto che il volo delle colombe
fa vibrare foglie verde smeraldo,
intanto che il monte sempre
protegge la sua città;
ai miei occhi si forma
l’immagine del tuo volto.
Sotto, gli uomini felici,
passeggiano e una manciata
di profumo mi giunge dalle
eleganti compagne;
fiori umani lungo giardini
che non riconosco, fiori
variopinti, come fossero
quelli in un campo del paradiso
e tutto, d’improvviso,
si stringe nei tuoi occhi che
sempre sono ciò che vedo,
come se il mondo intero,
fosse tuo o fossi tu con
la tua chioma raccolta.
carezzata da fiocchi colorati.

E così, mentre tutto sento e
te solamente posso vedere,
decido di saltare sulla nuvola
più vicina, come fosse
l’alato Pegaso, e mi lascio
condurre lontano dalla tristezza
della tua assenza e perché
tu possa sentire le corde
che sto suonando sulla cetra
che Morfeo mi ha prestato,
gli chiederò di condurmi
al di là del monte, dove
il mare è lo stesso in cui
hai nuotato e mi tufferò
tra le schiumose onde
per avere sulla mia pelle
ciò che lui ti ha rubato;
lo so, lo so, che prima
di me, altri hanno nuotato,
ma io sono abituato a nutrirmi
di pensiero e chi non sa farlo,
non potrebbe soddisfare
neanche un semplice desiderio.

E così, bagnato di te e
del tuo corpo nella mia pelle,
mi dirigerò sulla spiaggia,
la stessa dove hai danzato,
dove il vento ha carezzato,
cullandoli, asciugandoli, i
tuoi capelli, perché voglio
che la natura mi prenda
e mi renda reale, come
le voci che puoi ascoltare,
come questo amore che
non so spiegare, ma che
dipinge queste parole,
come tu dipingi il mondo e
mai saranno soli questi
versi che desiderano essere
come l’abito che accompagna
i tuoi movimenti; il colore
della tua vita, nella mia vita
che dolce, la tua esistenza rende,
come le arance vaniglia della
terra che vide i nostri natali,
ma che soprattutto creò te:
il mio paradiso dipinto nel tuo sorriso!

Valerio Villari
15 Settembre 2019

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...