di Rosamaria Alagna

Radici …L’attesa

Lente, sconvolgenti, interminabili
questi due giorni d’attesa,
tutte uguali passan le ore
mentre tu giungi alle radici
un vuoto risonante soffoca il cuor mio.
Spicchi di di memoria soffiata dalle nubi sbiadita dal tempo,
come uno specchio antico che cede l’incanto
e inciampi all’istante nell’anello
di quella catena che dirama di luce
e rade la terra inghiottita dall’onda antica.
Dolci melodie di violini brulicano nell’aria,
aggrovigliandosi al suono rock della tua chitarra,
quell’eco risonante mi sfiora l”anima
e correrò a braccia aperte nella sabbia che squassa prendendoti la mano ti porterò
Via con me

@ Di Rosamaria Alagna