OLTRE, di Carmelo Salvaggio

42285075_1819886071462937_2378620641633894400_n

S’apre sulla valle
l’ultimo sentire delle foglie amiche…
Mi lasciano con un volo obliquo
cadendo su terre
dov’è forte l’abbraccio dell’oblio.

Laggiù, nell’immoto
cromatismo dei silenzi lontani,
la valle si perde
dentro ombre di nebbia
e di sconfitta luce.
La casa dei ricordi però
accenna sorrisi e s’apre
a colori nuovi…

Sarà il senso del vivere
il possibile dono quotidiano.

Rimuoverò i limiti posti dall’uomo
oltrepassando confini
che si frappongono tra me e l’infinito.

Fluttuerò nell’aria che mi sostiene
inebriando gli occhi e lo spirito
di colori e del forte odore dei mosti vermigli
ribollenti dentro i tini
dell’autunno che viene.

21 settembre 2018
Carmelo Salvaggio
immagine Vitale Tagliaferri