Il bar dei poeti, di Vincenzo Pollinzi

Il bar dei poeti, di Vincenzo Pollinzi

Vincenzo Pollinzi

Si parla di te questa sera,

nell`angolo più scuro

sotto la scaletta a chiocciola

una sedia recita la tua assenza.

Sei andato via cosi,in punta di piedi,

chissà dove sei adesso,

mi piace immagginarti

mentre ci ascolti e ci guardi

con quel sorriso bonario

e un pò sornione dove

traspare quel tanto di pazienza

di chi ne sà di più e non lo dice mai.

Non parlavi molto,lo so,

ma le poche volte che ti liberavi

era come se volessi

regalare tutti i tuoi sogni

a quelli come noi che

sogni oramai non ne hanno più.

Fuori,sulla via di casa

Autunno si veste di pioggia sottile,

la luce soffusa dei primi lampioni

riflette la solitudine di un andare,

le ultime foglie disegnano fantasiose Pirouette

capriolando in confusa libertà.

E per mano una tristezza velata

di Melancholie oltre il primo buio

tra me e la luce più vicina.

Diritti Riservati

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

3 pensieri riguardo “Il bar dei poeti, di Vincenzo Pollinzi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...