Armadi e cantine nascondono i nostri ricordi, di Pier Carlo Lava

Armadi e cantine nascondono i nostri ricordi, di Pier Carlo Lava

Alessandria: Quando si decide di archiviare oggetti che non si usano più in quanto fuori uso o superati dai tempi come vecchi cellulari, computer, videocamere, macchine fotografiche, ecc., se si vuole conservarli per ricordo,   non   possono essere messi in cantina poichè si deteriorerebbero velocemente.

dav

Perciò gli stessi finiscono imballati con cura in qualche armadio o al limite nello sgabuzzino di casa, un modo di conservali adeguatamente e tenerli a portata di mano e ogni tanto tirarli fuori per rivivere i ricordi di un tempo passato che non c’è più.

Alcuni giorni fa mentre rovistavo in un armadio alla ricerca di un oggetto che poi non ho trovato, ho visto una scatola avvolta in carta da pacco ma senza indicazioni sul contenuto.

Pentax 1aa copia

La curiosità ha prevalso ho preso il pacchetto e con cura l’ho aperto, all’interno c’era una vecchia macchina fotografica in ottimo stato, dei tempi di quando c’era il rullino della pellicola, una Pentax PC-33 35 mm, completamente automatica.

Una delle tante macchine fotografiche che ho posseduto nella mia vita, la più semplice da usare proprio perchè completamente automatica

Le caratteristiche:

La Pentax PC-33, 35mm e una macchina fotografica automatica anche nel riavvolgimento della pellicola, un flash incorporato e un obiettivo da 30 mm.

All’epoca veniva definita la fotocamera punta e scatta anche facile da trasportare.

Pentax 1aaa copia

Servono 2x batterie AA e un rotolo di pellicola 35mm e sarà pronta per fotografare.

La fotocamera si occuperà dell’esposizione e della messa a fuoco, quindi tutto ciò di ci sarà bisogno è la foto stessa. E’ dotata anche di un grande mirino per facilitare l’inquadratura delle foto nel modo più semplice.

Uno di questi giorni vado a comperare una pellicola è scatto qualche foto sono curioso di vedere il risultato.

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

One thought on “Armadi e cantine nascondono i nostri ricordi, di Pier Carlo Lava”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...