Uccide tre vicini di casa: screzi per il parcheggio, gli omicidi sarebbero stati premeditati. Rai News

Ora anche su https://www.facebook.com/alessandriatoday

“Dovevo metter fine ai soprusi, pagherò” ha dichiarato nel corso dell’interrogatorio Roberto Pappadà, 57 anni.

ITALIA Cursi (Lecce) Uccide tre vicini di casa: screzi per il parcheggio, gli omicidi sarebbero stati premeditati “Dovevo metter fine ai soprusi, pagherò” ha dichiarato nel corso dell’interrogatorio Roberto Pappadà, 57 anni Tweet 29 settembre 2018 Non è stato un drammatico impeto d’ira a scatenare la furia omicida che ieri sera a Cursi, un piccolo centro di poco più di 4mila abitanti nel Salento,, ha portato alla morte padre, figlio e zia. Quella che sembrava la follia di un attimo, la lite per un parcheggio, è stato via via ricostruito come un triplice omicidio, pianificato.

Roberto Pappadà, 57 anni, avrebbe premeditato il delitto stando alle indagini svolte dai carabinieri della compagnia di Maglie. L’uomo, 57 anni, del posto, avrebbe agito spinto dal rancore nei confronti dei suoi vicini di casa. Dissidi sorti per questioni di parcheggio delle auto vicino alle rispettive abitazioni. Continua a leggere “Uccide tre vicini di casa: screzi per il parcheggio, gli omicidi sarebbero stati premeditati. Rai News”

Manovra. Di Maio: con il Def il più grande piano di investimenti della storia italiana – Rai News

Tajani: rischia di consegnare Italia agli stranieri. Renzi: effetti devastanti, l’Italia allacci le cinture.

29 settembre 2018 “Non appena la nota di aggiornamento del Def sarà pubblica si vedra che” la manovra “è il piu grande piano di investimenti della storia italiana”. Così il vicepremier Luigi Di Maio, a L’intervista di Maria Latella.

E prosegue: “Molti analisti non centrano l’obiettivo dicendo che adesso si vuole usare la scusa della manovra per uscire dall’Europa o dall’Euro. La nostra è una manovra del popolo che per la prima volta ricostituisce i diritti sociali, sono tranquillo: lo spread è salito, ma poi ha cominciato a scendere. 

Quel po’ di debito che facciamo in più lo ripagheremo nei prossimi anni con la crescita”. “Era normale che ci fosse una reazione dei mercati alla nostra decisione” ma “è vero che lo spread è salito ma alla fine della giornata è sceso” ed “appena il def sarà pubblicato si vedrà un grande piano di investimenti – prosegue Di Maio –  è logico che sui titoli delle banche ci siano state le preoccupazioni dei mercati perchè si era scommesso che deficit fosse così basso da favorire solo le banche”. Il def, ha aggiunto “non deve preoccupare i mercati e non credo che li preoccuperà”.  Continua a leggere “Manovra. Di Maio: con il Def il più grande piano di investimenti della storia italiana – Rai News”

Minorenni massacrano coetaneo e postano video in rete – Rai News

 

Ora anche su https://www.facebook.com/alessandriatoday

La vittima è stata sottoposta a un intervento chirurgico, guaribile in un mese.

29 settembre 2018 Due minorenni hanno massacrato uncoetaneo per costringerlo a consegnare loro tutti i soldi ehanno ripreso la violenza postando poi il filmato sui social. La vittima è stata sottoposta a intervento chirurgico allamandibola e giudicata guaribile in 30 giorni. Il pestaggio è accaduto nella notte tra il 15 e il 16 luglio scorsi su una spiaggia di Lignano Sabbiadoro.

I due aggressori sono stati identificati dalla polizia alcuni giorni fa dopo oltre due mesi di complesse indagini, avviate dopo aver scoperto in rete il filmato del pestaggio. Gli investigatori della Squadra Mobile di Udine hanno individuato prima la vittima e successivamente gli aggressori.

La vittima era sulla spiaggia insieme ad alcuni amici dai quali si era momentaneamente allontanato. I due coetanei lo hanno notato e lo hanno aggredito a calci e pugni, rapinandolo di tutti i soldi che aveva con sé, circa 100 euro. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Minorenni-massacrano-coetaneo-e-postano-video-in-rete-82365a90-4933-4963-9737-d24eaf633741.html

Sorgente: Minorenni massacrano coetaneo e postano video in rete – Rai News

(A te) Quando non ci sei

La leggerezza dell' anima

Sai cosa penso quando perdo lo sguardo più lontano di dove potrei ambire di osservare ?

Penso a te – penso a quanti sogni custodisci
A quanti desideri hai creato
A quante birre ci sono volute per trasformare il tuo volto, da un castello di sabbia, a qualcosa di possibile.
Alle patatine in sacchetto che di notte fanno rumore, come la pizza su letto che ancora emanava odore di noi.
Alla follia di voler contare le onde. Quando il mare mai fermo prosegue i suoi sussurri e di notte noi ci mischiamo all’ universo.
Sai quante cose sei? Sei stata! Sarai.
Il bello della vita è che siamo contenitori cilindrici che sprofondano -ognuno nel proprio fondo – tondo – come un mondo.
Mai scoprirò che cosa sono per te – cosa provi ogni volta che cerco di ricordarti quanto sei importante -quanto lo sei stata e quanto lo sarai.
Vale…

View original post 91 altre parole

Parole in amore

La leggerezza dell' anima

Amo osservarti mia dolce Lu

Ti osservo scrutando ogni cosa

Come se avessi impresso ogni millimetro di te – sovrapposto ad ogni immagine che ammiro.

È un momento che non mi perdo mai scrutarti

Quando dormi

Quando allatti

Quando fai la spesa

Quando ti faccio innervosire

E visto che mi riesce, amo quando arrossisci

Non parlo mai tanto – è un mio difetto

Scrivo di più e senza dubbio non leggerai niente di quello che scriverò

Ma sai che ti capisco – e non importa. Adoro ricordare a me stesso che l’altro in una coppia è il suo proseguimento dunque sarai ciò che sono e sarò ciò che vuoi essere.

Tu preferisci un mondo reale

Fatto di cose reali – e ti capisco – la fantasia è terra di romantici e illusi

Chi scrive galleggia sui sogni saltellando sulle nuvole – e credimi ne è consapevole che sia impossibile

Ma…

View original post 126 altre parole

Barcellona, a un anno dal referendum sull’Indipendenza della Catalogna ancora scontri tra manifestanti e guardia civil – Il Fatto Quotidiano

A quasi un anno dal referendum per l’indipendenza della Catalogna, a Barcellona tornano gli scontri tra la guardia civil e un gruppo di militanti: una guerriglia urbana a colpi di manganello e polveri colorate. I Mossos catalani hanno caricato la folla per tre volte, lasciando sul campo diversi contusi, alcuni anche al volto, arrestando due […]

Sorgente: Barcellona, a un anno dal referendum sull’Indipendenza della Catalogna ancora scontri tra manifestanti e guardia civil – Il Fatto Quotidiano

Omicidio nel Milanese, a Senago: uomo spara e uccide la moglie, poi tenta il suicidio

Ora anche su https://www.facebook.com/alessandriatoday

Sul posto sono intervenuti i carabinieri e il 118: per la donna non c’è stato nulla da fare

Sorgente: Omicidio nel Milanese, a Senago: uomo spara e uccide la moglie, poi tenta il suicidio

Mattarella: ‘La Carta chiede l’equilibrio di bilancio’. Salvini: “Una manovra per gli italiani, lo capiscano al Colle” – Politica – ANSA.it

“Conti solidi indispensabili per il futuro. Ora scelte importanti, la Costituzione detta le regole”.Salvini: ”Mattarella stia tranquillo, manovra equilibrata’. Di Maio, Mattarella non devepreoccuparsi (ANSA)

Sorgente: Mattarella: ‘La Carta chiede l’equilibrio di bilancio’. Salvini: “Una manovra per gli italiani, lo capiscano al Colle” – Politica – ANSA.it

Onde Andará a Barbara Eden?

IDEIAS EM BLOG

1i-dream-of-jeannie-filter

Hoje iremos falar um pouco sobre Barbara Jean Morehead, uma cantora e atriz de cinema, palco e televisão americana, mais conhecida por seu papel principal de “Jeannie” na sitcom, quando atuou no seriado de sucesso “I Dream of Jeannie” (Jeannie é um Gênio, versão em português).
Falaremos um pouco sobre a sua vida, seu profissionalismo e sua trajetória pessoal. E ainda responderemos a seguinte pergunta motivo desta matéria: Onde andará a Barbara Eden?

2kwcy1idk4eyiiefztgtq

Barbara Jean Morehead nasceu em 23 de agosto de 1931 em Tucson, Arizona, filha de Alice Mary e Hubert Henry Moorehead. Seus pais se divorciaram quando ela tinha três anos. Depois de se mudar para San Francisco, Califórnia, sua mãe casou pela segunda vez, sendo Harrison Connor Huffman, o seu novo marido. Barbara teve um crescimento muito sofrido devido as dificuldades financeiras pelas quais a família passava. Para confortar Barbara…

View original post 673 altre parole

Ho vissuto il suo sorriso, di Andrea Abbatepaolo

Ho vissuto il suo sorriso, di Andrea Abbatepaolo

L’anima

ho vissuto

Ho vissuto il suo sorriso
mentre attendevo di
baciarla…
I suoi occhioni gonfi
di gioia erano abbracci
per la mia anima
I folti capelli ricci
erano onde del mare
che mi portavano alla
deriva, quando ero tra
le sue braccia.
Era bella con quelle sue
labbra rosso porpora,
con i suoi vestiti neri
era un urlo nella notte
Un sogno stare abbracciati
dopo aver fatto l’amore,
era un qualcosa di diverso,
di inconsueto rispetto
al comune senso dell’amore.
Lei attraversava e trascriveva
la mia anima con la dolcezza
infinita del suo animo, io
impotente, indifeso, quando
le sue mani mi accarezzavano.
Era ed è un tuffo al cuore ogni
volta che il pensiero mi
porta da lei…

Andrea Abbatepaolo

Fammi accarezzare le tue rughe, di Nadia Pascucci

Fammi accarezzare le tue rughe, di Nadia Pascucci

Fammi accarezzare le tue rughe,

Fammi accarezzare le tue rughe,
il tuo volto stanco, la tua velata malinconia,
la tua anima profumata,
fragile e sensibile,
il tuo cuore caldo e palpitante..
Attendo una parola, un gesto colmo di attenzione
e carico di significati
Mostrami la luce dentro te in un abbraccio
di immortale silenzio
che si tinge di note e di infinito
Ricamami di desideri,
da portare sempre addosso
anche quando non ci sei
Due occhi dove specchiarmi,
una voce da sentire ovunque,
un sorriso che mi accarezzi il cuore,
impronte ogni dove,
e un arcobaleno disegnato nel buio
dei miei momenti…

Nadia Pascucci @diritti riservati

Cento, di Rosetta Amoroso

Cento, di Rosetta Amoroso

DRABBLE un racconto in 100 parole

Quel giorno terribile a San Giuliano di Puglia, di Rosetta Amoroso

Cento

Ricordo quel giorno terribile vidi è non avrei voluto vedere in un paesino tranquillo, scatenarsi il caos,la paura della gente che correva mentre la terra tremava, i balconi vibravano tutto si muoveva e la gente correva,mamme, papa, nonni tutti con il cuore in mano, il terrore invadeva la mente,il corpo è l’anima. tutti correvano verso la scuola di San Giuliano, tanti bimbi da riportare a casa,ma purtroppo in un stante tutto invano,tutto era già crollato, in quel punto è stato la fine del mondo.

Angeli,si angeli non si può che chiamarli definirli diversamente, 26 bimbi puri è innocenti bianchi, dall’areola d’oro, brillanti preziosi, dagli occhi di smeraldo o ebano, ma tutti belli.la pelle candida come la neve incalpestabile, dalla chioma bruna o bionda, belli bellissimi angeli. dal volto innocente è nati tutti sotto il segno delle stelle di un solo anno,destinato a finire così tragicamente, ma perché mio dio ,mi sono chiesta tante,tantissime volte,avevi proprio bisogno di una schiera di angeli lassù in paradiso?, forse per rallegrare le tante anime tristi, dai animo è forza ai loro genitori e a chi li ama.per l’immenso dolore.guida mio dio ormai questa scolaresca con a capo la loro maestra, nell’aula più bella del tuo giardino in fiore,tra ardesia edere e ciclamini.è dai loro il compito di essere angeli custodi di chi qua giu a di bisogno.

A San Giuliano mancheranno tanto e nn li vedranno crescere. è loro avranno sempre in eterno la loro maestra mamma che nn li lasciare mai! ricordo è ricorderò sempre io della mia Sicilia, questo triste accaduto, vorrei che tanti semplici come me, ricordassero quelle povere vittime è questa brutta vicenda

31 ottobre 2002 ore 11.03 San Giuliano di Puglia (CB)

Tu sei nei silenzi … di Andrea Abbatepaolo

Tu sei nei silenzi … di Andrea Abbatepaolo

tu sei

Tu sei nei silenzi
del cuore,
in quelle stanze buie
della mia anima
dove le pareti sono
piene di te.
Sei come sangue
in vena, il battito
del mio cuore
è il suono sussurrato
della tua voce quando
mi dice ti voglio.
I tuoi sospiri sono
tatuaggi indelebili
sulla mia pelle.
Il mio corpo si
tormenta tra le tue
mani come mare in
tempesta, che i tuoi
baci rasserenano
all’alba…

Andrea Abbatepaolo