Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Quel posto. Li, sepolto in noi, nel lontano dell’anima, ove non esistono ne tempi ne forme. Quell’oasi dell’intimo che è il rifugio ultimo in cui trovare pace quando tutto il resto è caos.
Io, lì dentro, ti trovo sempre.
Irrispettosa del mio privato, immagine sulle pareti della mia anima e del mio salone, suono nel profondo del mio cuore.
Li. Laddove non dovrebbe stare nessuno, abiti tu. Abusiva autorizzata, in quell’angolo buio e freddo, che con te è caldo e luce.
Quando mi rifugio in me stesso, li, trovo te.
E non voglio più uscirne. Allo spettrale silenzio del vociare della folla, preferisco l’assurdo casino della solitudine. Lo 0aIl fatto è che quando vali…
Non hai più rivali.
Semmai, solo simili.
Buon pomeriggio a tutti gli innamorati delusi amici.

View original post