Appesa a una luna storta.

noir in colours

Mentre il mondo gira infilzato a

una forchetta,

volti si volgono e svoltano.

Appesa a una luna storta,

si distorce l’abitudine in un

sonoro chiasso di chiavi in

frantumi.

Gira il mondo,

arrostito di parole secche che di

croccante lasciano a terra le

foglie volte al loro termine.

Dove sono gli specchi che

raccolgono i vetri del cielo?

E dove sono i colori degli occhi,

svuotati di luce e colmi di

porporina?

Restano appese alla luna storta,

cose che nessuno sa mentre il

resto gira, e tutto si fa frastuono.

Ogni luna compie il suo viaggio,

ogni viaggio si fa gioco, ogni

gioco spacca le regole.

Di forchette e polveri colorate,

schegge di finta luce,

il giorno lento si fa grasso.

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...