DAMMI, di Luigi Meloni

DAMMI

di Luigi Meloni

DAMMI

Dammi le tue mani per un’abbraccio,
dammi il tuo cuore cui tanto ho sognato
nella mia solitudine, lascia che i miei
battiti continuino a farsi sentire
come un orologio che canta i secondi
i minuti i millesimi di questo attimo.

Dammi il piacere delle belle cose
costruite con fatica che diventino calce
e tutti i desideri che s’infrangono
ancora giorno e notte e diventino piaceri.

Dammi tutto come la tempesta cerca la quite
o il mare si ribella contro rocce cantabriche
voglio solo che esca il sole e la luna di notte
dove la luce cerchi con ansia il giorno perfetto.

E così ancora una volta come tutte le primavere
tanto facilmente nasca in noi una rosa
e avere due ali per viaggiare ora che cerco
di chiudere tra le braccia i nostri sogni.
LUIGI MELONI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...