Solidarietà, di Massimo Galli

solidarietà

di Poesie Massimo Galli

Solidarietà

Già molto tempo fa
lasciate capre e cavoli
se ne andò in giro per il mondo
a predicare la sua nuova dottrina.
Formò il suo movimento
dando prova di soprannaturali virtù
finché la sua fama non irritò
gli allora spocchiosi maggiorenti del luogo
fino ad essere da questi processato
e condannato alla croce
complice il governo romano.
Ma lui, unico figlio di Dio
evase dalla tomba e tornò a casa.
Dove? Nessuno lo ha mai saputo.


L’hanno visto di recente
alla testa di un nutrito gruppo
di disperati nell’intento di attraversare
il confine della fame e della guerra
in cerca di un futuro migliore.
Ora i servizi segreti europei
gli stanno dando la caccia
per avere violato i confini statali
senza regolare visto di ingresso.
Stavolta lo inchioderanno per evasione
violazione e istigazione
contro la legge sull’immigrazione
oltraggio alle istituzioni
e per tentata sottrazione di cadavere
avendo confidato a qualcuno
che era sua intenzione
resuscitare la Solidarietà.

m. galli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...