Bulgaria: giornalista stuprata e uccisa in un parco. Mondo. ANSA.it

La giornalista uccisa Viktoria Marinova

Una giornalista bulgara, Viktoria Marinova, è stata violentata e uccisa a Russe, nel nord della Bulgaria. Secondo i media di Sofia, il delitto è avvenuto ieri in un parco alla periferia della città dove la donna faceva jogging.

Secondo il ministro dell’interno bulgaro Mladen Marinov l’uccisione non sarebbe da collegare all’attività professionale della giornalista, che era direttore amministrativo del canale televisivo privato Tvn di Russe. Secondo altri media europei la donna stava investigando su presunti abusi sui fondi Ue…

Sorgente: Bulgaria: giornalista stuprata e uccisa in un parco – Mondo – ANSA.it

Omicidio Cervia, ucciso a calci e pugni. Al setaccio le telecamere. ilrestodelcarlino.it

Il 43enne Rocco Desiante, originario della Puglia, è stato colpito brutalmente in casa. L’uomo ha aperto la porta al suo assassino. Mistero sul movente.

Cervia, 7 ottobre 2018 – Cominciano dalle telecamere della zona le indagini per il barbaro omicidio di Rocco Desiante, 43 anni e originario di Gravina in Puglia (Bari). L’uomo è stato trovato questa notte morto in un lago di sangue a Castiglione di Cervia. Verso le 2 di notte i vigili del fuoco sono entrati nell’appartamento in via Castiglione che l’uomo aveva preso in affitto da un amico.

E’ stato proprio quest’ultimo, che non aveva notizie dell’amico da qualche giorno e non riusciva a entrare nella casa perché la porta era bloccata dall’interno, a chiamare i pompieri. La mancanza di segni di scasso fa pensare che Rocco abbia aperto volontariamente la porta al suo assassino che poi se ne è andato, chiudendosi la porta alle spalle e lasciando le chiavi nella toppa interna. Certamente, l’omicidio è avvenuto al termine di un violentissimo litigio: il corpo della vittima è stato trovato riverso a terra in un lago di sangue…

Sorgente: Omicidio Cervia, ucciso a calci e pugni. Al setaccio le telecamere – Cronaca – ilrestodelcarlino.it

Aggredito in casa dai suoi due cani, è gravissimo. lanazione.it

L’uomo, 28 anni,  è stato morso in più parti del corpo dai due animali di razza Amstaff. Sono intervenuti i vigili del fuocoPubblicato il 7 ottobre 2018 Ultimo aggiornamento: 7 ottobre 2018 ore 23:11 Vigili del fuoco2 minGrosseto, 7 ottobre 2018 –

Una squadra di vigili  del fuoco del comando di Grosseto è  intervenuta nella frazione di Istia D’Ombrone comune di Grosseto per soccorso a un ragazzo di 28 anni  aggredito dai suoi due cani di razza Amstaff  all’interno della sua casa. 

L’uomo è stato morso in più parti del corpo. E’ successo in una casa isolata in Maremma. Secondo quanto appreso, i morsi dei cani gli avrebbero procurato lesioni profonde nei tessuti: al momento è ricoverato in ospedale in prognosi riservata, ma non è considerato in pericolo di vita.

In base a ricostruzioni il 28enne si sarebbe trovato da solo nell’abitazione quando i due cani di razza Amstaff (American Staffordshire Terrier) lo hanno assalito per cause da accertare. Sarebbe stato lo stesso giovane proprietario a chiamare, mentre si difendeva e parava gli attacchi, i vigili del fuoco per essere soccorso.

Una squadra è partita da Grosseto per raggiungere Istia d’Ombrone, località che dista circa sei chilometri dal comando dei vigili del fuoco, situato nel capoluogo. Quando sono arrivati al podere, i pompieri hanno bloccato le due bestie mettendole in sicurezza e soccorso col personale del 118 il ferito, subito portato in ospedale.

Sorgente: Aggredito in casa dai suoi due cani, è gravissimo – Cronaca – lanazione.it

Eroina gialla, che cos’è e perché è pericolosa

 

Eroina “gialla” al centro delle indagini per la morte per overdose di quasi 20 giovani fra Udine e Mestre come quella – si ipotizza –  di Alice, 16 anni, studentessa friulana. Ma parché l’eroina, che nella maggior parte è definita sugar brown, viene in questo caso chiamata “gialla”? E perché viene considerata così pericolosa?

Alice, morta per overdose di eroina gialla: caccia al nigeriano che gliel’ha fornitaIn realtà, al di là del “colore” (mai così nettamente distinguibile) e delle sostanze da taglio usate (mai pericolose salvo rare eccezioni e salvo assunzioni estremamente massicce), il rischio legato alla dose (il “quartino” di grammo) viene soprattutto dal principio attivo dello stupefacente (ovvero la “forza” della droga a portare allo “sballo”) che negli ultimi anni è sensibilmente aumentato per un banale motivo di domanda e offerta. Continua a leggere “Eroina gialla, che cos’è e perché è pericolosa”

Serata di apertura del Festival Adelio Ferrero, di Lia Tommi

La vicenda umana e artistica di Marco Bechis è protagonista della serata di apertura del Festival Adelio Ferrero – Cinema e Critica, L’opera cinematografica di Bechis è un viaggio nel tempo che nel tentativo di documentare il presente storico mantiene saldo il legame con la memoria. Nel suo viaggio tra i sopravvissuti, Bechis osserva dal punto di vista dell’esperienza personale del dolore e del sopruso subìto durante la dittatura argentina, le ingiustizie innanzitutto culturali che si dipanano nel mondo. Bechis ha presentato al mondo, con due splendidi film, tutto l’orrore della dittatura argentina (Garage Olimpo) e il dramma dei figli dei desaparecidos (Hijos) che, sottratti alla nascita alla vera famiglia, dati in dono come prezioso bottino di guerra ai militari assassini, hanno scoperto la loro origine grazie al lavoro condotto dalle madri e dalle nonne di Plaza de Mayo.Marco Bechis è nato a Santiago del Cile. Cresciuto tra San Paolo e Buenos Aires, nell’aprile del 1977 viene sequestrato dalla polizia nella capitale argentina e portato in un carcere clandestino (da questa esperienza avrà origine il film Garage Olimpo). Dopo quattro mesi viene rilasciato ed espulso dall’Argentina e approda a Milano. I suoi film hanno vinto 14 premi internazionali. Nel 2004 con Caterina Giargia fonda Karta Film e inizia la preparazione di La Terra degli Uomini Rossi – Birdwatchers, suo primo film come regista e produttore, lungometraggio sulla tragedia della popolazione Guarani Kaiowa’ devastata dai fazendeiros. Successivamente, Bechis si dedica al documentario, prima con Tutte le scuole del regno, poi con la web serie Il rumore della memoria, che racconta la vera e straordinaria vita di Vera Vigevani Jarach, una delle fondatrici dell’associazione delle madri di Plaza de Mayo.

GIOVEDI 11 OTTOBRE 2018, ore 19,00 – 23,00 (con pausa buffet alle 20,30) , all’Associazione Cultura e Sviluppo, incontro dal titolo: “IL FUTURO DELLA MEMORIA”. Ospiti saranno: MARCO BECHIS , regista, CATERINA GIARGIA, art director , ANDREA POGLIANO docente di sociologia – Università Piemonte Orientale. Modera ROBERTO LASAGNA, critico cinematografico.

Nella seconda parte della serata sarà proiettato il lungometraggio ” Garage Olimpo “.

Serena Artuso: Uno scrittore è “un ladro di storie”

di Pier Carlo Lava

Serena Artuso scrive sin da piccola, dice che la rilassa, ha scritto diversi libri e recentemente un suo elaborato,“La locanda alla fine del mondo” ha vinto il concorso indetto dalla Casa editrice “La collina dei ciliegi”. L’abbiamo intervistata in esclusiva perAlessandria today, queste le sue risposte alle nostre domande:

Ciao Serena e benvenuta nel blog, ci racconti chi sei e qualcosa della città dove vivi?

Ciao, innanzitutto grazie mille per l’opportunità. Sono un ragazza (sì, mi sento ancora giovane) di ventinove anni e sono un medico specializzando. Vivo in una piccola città in provincia di Treviso, dove sono cresciuta, è un paese piccolo e tranquillo e si adatta perfettamente alle mie esigenze.

Cosa ti ha spinto a scrivere e come definiresti una scrittrice?

Fin da piccola mi è sempre piaciuto scrivere, mi rilassa ed è una sorta di evasione dalla vita quotidiana. Il primo vero romanzo che ho letto è stato piccole donne ed il mio personaggio preferito era Jo March, la scrittrice fra le quattro sorelle protagoniste; ecco, fin da bambina volevo essere un’autrice, proprio come Jo.

Non saprei come definire uno scrittore, l’unica frase che mi viene in mente, anche se non riesco a ricordare con esattezza dove l’abbia sentita, è “un ladro di storie”. Continua a leggere “Serena Artuso: Uno scrittore è “un ladro di storie””

Dopo i porti gli aeroporti. Matteo Salvini: “La Germania vuole scaricare qui i suoi immigrati? Non ci saranno aeroporti disponibili”. Huffington Post

Dopo i porti gli aeroporti. Matteo Salvini: “La Germania vuole scaricare qui i suoi immigrati? Non ci saranno aeroporti disponibili”

Il ministro dell’Interno risponde dopo le notizie sul ritorno dei migranti secondari con voli charter in Italia da Berlino
By Huffington Post

Italian Daily Politics

IVAN ROMANO VIA GETTY IMAGES

“Se qualcuno, a Berlino o a Bruxelles, pensa di scaricare in Italia decine di immigrati con dei voli charter non autorizzati, sappia che non c’è e non ci sarà nessun aeroporto disponibile. Chiudiamo gli aeroporti come abbiamo chiuso i porti”. Lo dice il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Ricordi

Memorabilia

Credevi d’aver chiuso

I tuoi ricordi in un cassetto

Tra gli orecchini che non metti

E il diario dei tuoi giorni

Di lacrime e d’inchiostro.

Poi parte la canzone

Che apre gli occhi alla memoria

E t’accorgi che il ricordo

Urla e si dimena

Fra le gabbie della mente.

Ballano i sorrisi

Con il vento fra i capelli

Su parole sgangherate

Urlate a quel che non sei più

E picchiano sul cuore

Come grandine d’inverno.

È il ritmo del tuo tempo

Il rumore dei tuoi silenzi

La danza dei fantasmi

Sulla tomba del tuo cuore.

View original post

“Media e Ue ci vogliono far cadere”. Di Maio vede un complotto. Huffington Post

“Media e Ue ci vogliono far cadere”. Di Maio vede un complotto

Ma rilancia: “Più fanno così, più ci compattano”
By Huffington Post

Italian Daily News - September

GETTY IMAGES

“Il sistema mediatico e il sistema europeo ormai hanno deciso che questo governo deve cadere il prima possibile. Ma più fanno così, più ci compattano”. Lo dice Luigi Di Maio, vicepremier e leader M5S, in un incontro elettorale in Basilicata. “Siamo due forze politiche molto diverse che si sono messe insieme con un contratto di governo, ma stanno riuscendo nel miracolo di compattarci con questi attacchi continui perché dobbiamo difenderci e dobbiamo reagire, ma soprattutto dobbiamo difendere l’Italia”. Continua a leggere ““Media e Ue ci vogliono far cadere”. Di Maio vede un complotto. Huffington Post”

In cerca di unità

tavolozza di vita

7

In cerca di unità

Non esiste un unico piano, prettamente materiale,
dove ogni cosa è destinata a mutare, a disfarsi,
ma attraverso la possibilità di aprirci ad un’ampia visione,
noi tutti conosciamo e diventiamo consapevoli
che nella pienezza degli opposti, esiste tra gli altri,
anche un piano nel quale all’ombra corrisponde la luce,
la medesima che proiettandosi è origine di tale ombra,
di confusione e di paura, di quel senso di smarrimento
che ci lascia incapaci di comprendere che direzione prendere..
Il caos è opposto all’armonia, ma anche un segno di lontananza
dalla luce, della quale si è sempre in cerca,
sebbene non sempre si è capaci di comprenderlo.
In fondo, tutti noi, siamo opposti in cerca di unità.

17.01.2015 Poetyca
Looking for units

There is no single plan, purely material,
where everything is destined to change, to discard,
but through the ability to open up a broad view,
we…

View original post 96 altre parole

Ecco i peccati di gola più amati dagli Italiani

Creando Idee

Seguire una buona alimentazione e una dieta è cosa buona, giusta e sana. Ma la trasgressione è dietro l’angolo, con ogni popolo caratterizzato dalle sue scivolate alimentari preferite. Ecco allora i peccati di gola più amati dagli Italiani. Primo posto indiscusso per la cioccolata 75% del campione, amata clandestinamente per un italiano su quattro, per di più, il cibo degli dei è legato al minimizzare: se ne mangia cioè una tavoletta e si ammette di aver consumato un quadratino. Secondo pasto per il dolce 16% , specialmente il ciambellone, consumato in porzioni dalla dimensione variabile. Terzo posto  per il pane 15,7% sorta di mascotte alimentare per gli abitanti del Belpaese. In questo caso, il problema è maggiore quando si pranza fuori: è facile dire che si è preso del pane, senza però quantificare precisamente il numero di fette. Seguono poi le trasgressioni “minori”, come patatine 11% e noccioline 6,4%…

View original post 21 altre parole

I gatti mangiano le bacche di Goji

Creando Idee

Questi sono gli ingredienti medi di una confezione di cibo per gatti: carne fresca di pollo disossata, pollo disidratato, patata disidratata, pisello disidratato, grasso di pollo, olio di salmone, semi di lino, alghe marine, polpa di barbabietola disidratata e dezuccherata, lievito di birra, bacche di Goji, scorza di mandarino disidratata, carota disidratata, limone disidratato, banana disidratata, mirtillo rosso, frutto-oligosaccaridi, yucca Ma a un gatto serve tutta questa roba da ristorante salutista di lusso? Nella sua vita, quando mai mangerà bacche di Goji e tuberi tropicali?  Ma quando mai riuscirà a incontrare e addirittura catturare un salmone da cui estrarre esclusivamente l’olio? Dal costo e preparazione di un pasto del genere ci sfami una famiglia di persone. Nel 2017 in Italia sono stati spesi due miliardi di euro per alimenti e accessori per animali domestici, con una media che va dai 30 ai 100 euro mensili a famiglia. Una…

View original post 338 altre parole

Manchester, di Guido Mazzolini

di Guido Mazzolini

Strage di Manchester. Vite giovani, stroncate, falciate, ammazzate. Volti di ragazzi, occhi persi, lacrime e fa ancora più male. Si può morire così, senza motivo e prima ancora di aver cominciato a vivere.

Ora assistiamo alla retorica più banale, quella che attorciglia lo stomaco, quella delle parole buttate quando servirebbe soltanto il silenzio. La retorica dell’accoglienza prima di tutto, quella di chi dice che bisogna costruire ponti e abbattere muri, dimenticando che oggi più che mai siamo sotto assedio.

È una lotta violenta contro il molle occidente, quello che sbadiglia e pensa solo all’automobile nuova o alle prossime vacanze, quello ormai arrivato al capolinea, agnostico e decaduto. Dobbiamo svegliarci, dobbiamo difenderci. Continua a leggere “Manchester, di Guido Mazzolini”

La libertà di stampa per Di Maio: “Stanno morendo parecchi giornali tra cui quelli del gruppo Espresso, nessuno li legge più perché alterano la realtà”. Huffington Post

La libertà di stampa per Di Maio: “Stanno morendo parecchi giornali tra cui quelli del gruppo Espresso, nessuno li legge più perché alterano la realtà”

Attacco su Fb del vicepremier: “Mi dispiace per i lavoratori…”. La replica dei cdr di Repubblica e L’Espresso e della Stampa: si metta l’anima in pace, non moriremo
By Huffington Post

Italian Daily News - October

SIMONA GRANATI – CORBIS VIA GETTY IMAGES

“Per fortuna ci siamo vaccinati anni fa dalle bufale, dalle fake news dei giornali e si stanno vaccinando anche tanti altri cittadini tanto è vero che stanno morendo parecchi giornali tra cui quelli del gruppo l’espresso che, mi dispiace per i lavoratori, stanno addirittura avviando dei processi di esuberi al loro interno perché nessuno li legge più perché ogni giorno passano il tempo ad alterare la realtà e non a raccontare la realtà”. Lo dice in un video su Facebook il vice premier e leader M5s Luigi Di Maio.

Secca la replica dei Cdr di Repubblica e L’Espresso:

“Ancora un volta il vicepremier Luigi Di Maio non perde occasione per mostrare a tutti gli italiani la sua cultura. Non solo ignora che il gruppo Espresso non esiste più da due anni, confluito nel più articolato gruppo Gedi che è il più grande d’Italia per dimensione, numero di testate e lettori. Ma dimostra per l’ennesima volta di non conoscere la differenza tra bufale e notizie, evidentemente perché espertissimo della prima fattispecie e allergico alla seconda. Continua a leggere “La libertà di stampa per Di Maio: “Stanno morendo parecchi giornali tra cui quelli del gruppo Espresso, nessuno li legge più perché alterano la realtà”. Huffington Post”

SMETTERE DI AMARE, di Luigi Meloni

Smettere

di Luigi Meloni

SMETTERE DI AMARE

Ho smesso di amarti forse e’ banale

come la vita, come la morte, spacchero

la corda che mi trattiene, distruggendo

la chitarra dei miei ricordi.

Forse piu’ che amato ho donato ma

amare non sono riuscito, io amo tutte

le donne e dono, ma una non ne sono

capace portando sentimenti che non

sento, e tirarla alle lunghe e’ come

tormentarsi. Continua a leggere “SMETTERE DI AMARE, di Luigi Meloni”

Giulia Bongiorno: “Sarebbe facilissimo tagliare i fannulloni nelle pubbliche amministrazioni e avere consenso politico”. Huffington Post

Giulia Bongiorno: “Sarebbe facilissimo tagliare i fannulloni nelle pubbliche amministrazioni e avere consenso politico”

“Io non voglio fare assunzioni generalizzate di persone che vadano a vagabondare per la Pa. Faccio delle assunzioni solo in settori strategici”

By Huffington Post

ITALY-POLITIC-PARLIAMENT

ALBERTO PIZZOLI VIA GETTY IMAGES

“Sarebbe facilissimo tagliare i fannulloni nelle pubbliche amministrazioni e avere consenso politico. Siccome la reputazione che ha la Pubblica amministrazione è pessima, un ministro che pensa solo ai consensi taglia e fa bella figura”.

Lo ha detto il ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, rispondendo alle domande di Riccardo Iacona nella puntata di ‘Presa diretta’ intitolata ‘Burocrazia al potere’, che andrà in onda domani alle 21.15 su Rai3.

“Io non voglio fare assunzioni generalizzate di persone che vadano a vagabondare per la Pa. Faccio delle assunzioni – e nel mio provvedimento indico i criteri – solo in settori strategici”, ha specificato. “Tecnici, ingegneri e forze dell’ordine. In passato si è bloccato il turnover e questo ha creato un invecchiamento”, ha continuato.

“Nel mio provvedimento è previsto il turn-over 100 per cento con assunzioni anticipate – ha aggiunto – il che significa via via che escono, entrano. Ho previsto anche che ci saranno dei concorsi. Definisco ciò un’iniezione di risorse in settori strategici. Non voglio riempire, voglio metterli nei posti giusti”. Continua a leggere “Giulia Bongiorno: “Sarebbe facilissimo tagliare i fannulloni nelle pubbliche amministrazioni e avere consenso politico”. Huffington Post”

Trovata morta nella sua casa la giudice D’Alessandro. Aveva firmato gli arresti del clan Spada. Huffington Post

Trovata morta nella sua casa la giudice D’Alessandro. Aveva firmato gli arresti del clan Spada

http---o.aolcdn.com-hss-storage-midas-eab98e43ea7d08c404676c16eaf16e3e-206718628-simonetta.JPG

Il figlio, non sentendo la madre, preoccupato si è rivolto ai carabinieri della stazione Roma Prati. Sul corpo non sono stati rinvenuti segni di violenza
By Huffington Post

D’ALESSANDRO

Simonetta D’Alessandro, giudice di sezione al Tribunale di Roma è stata trovata senza vita nella sua casa a Roma. Non sentendo la madre, il figlio preoccupato si è rivolto ai carabinieri della stazione Roma Prati che sono entrati con i vigili del fuoco nella casa della donna. Sul corpo non sono stati rinvenuti segni di violenza.

La donna sarebbe morta per un malore. Lo scorso gennaio D’alessandro firmò l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per 32 componenti del clan Spada. E’ stata anche titolare dell’inchiesta Fini-Tulliani e all’inizio dell’anno ha firmato come gip l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 32 persone considerate appartenenti al ‘clan’ Spada. Continua a leggere “Trovata morta nella sua casa la giudice D’Alessandro. Aveva firmato gli arresti del clan Spada. Huffington Post”

Cosa sei?, di Guido Mazzolini

di Guido Mazzolini

Cosa sei? In un pugno di parole
di te riassumo la sostanza.
A volte ombra e lacrime
oppure gioia folle
e mastichi uragani…
e affondi radici tra le gambe,
nello stomaco,
nell’asciutto dei miei occhi.
Arida, veloce,
ferita e imbavagliata,
Prometeo che derubò gli dei
sogghigni e ti dibatti,
è questo ciò che sei.

Guido Mazzolini

https://vocisparse.wordpress.com

Uomo ubriaco lancia figlia dal balcone e accoltella altro figlio a Taranto

 

Uomo ubriaco lancia figlia dal balcone e accoltella altro figlio a Taranto

Carabinieri 112

Bimba in condizioni critiche, fratello non grave
By Huffington Post

GABRIELETAMBORRELLI VIA GETTY IMAGES

Un uomo ubriaco a Taranto ha accoltellato al collo il figlio di sei anni e ha lanciato la figlia di tre anni dal balcone al terzo piano di un appartamento di uno stabile del rione Paolo VI. L’episodio sarebbe avvenuto al culmine di una lite familiare che l’uomo aveva avuto con la moglie.

Il padre è stato arrestato. A quanto si apprende le condizioni della bambina sono critiche, mentre non sarebbero gravi le ferite riportate dall’altro figlio.

Cosa fare oggi….

Creando Idee

Un’occasione da segnare sull’agenda di tutte le buone forchette: appuntamento oggi 7 ottobre al Castello di Masino, Bene gestito dal FAI, con decine di agricoltori, allevatori, pescatori e artigiani del gusto, che non solo mostreranno e venderanno i loro prodotti, ma soprattutto racconteranno le loro straordinarie storie di eccellenza e tradizione, alla scoperta del Bel Paese e del suo straordinario patrimonio culinario. Gli espositori che prenderanno parte all’evento sono persone che hanno creduto in un progetto di vita e di economia sostenibile che valorizza la relazione fra uomo e territorio e che fa degli artigiani i nuovi “custodi del paesaggio”. Tante le storie racchiuse nella produzione gastronomica da nord a sud dello Stivale: dal bitto storico delle Orobie Valtellinesi, formaggio “perenne” capace di stagionare anche 10 anni, al caciocavallo e al cacioricotta pugliesi, prodotti con il latte di razze rustiche di grande qualità, ovvero la vacca podolica e la capra…

View original post 193 altre parole

Come le persone distinguono il bene dal male

ORME SVELATE

Risultati immagini per Good From Bad saatchi art Good and bad, two different sides (Anesti Duka)

Una nuova ricerca getta luce su come le persone decidono se il comportamento è morale o immorale. I risultati potrebbero servire come quadro per informare lo sviluppo dell’intelligenza artificiale (AI) e altre tecnologie. Il problema è il giudizio morale intuitivo, che è la decisione istantanea che le persone fanno sul fatto che qualcosa sia buono o cattivo, morale o immorale. Ci sono stati molti tentativi di capire in che modo le persone fanno giudizi morali intuitivi, ma hanno tutti dei difetti significativi. Nel 2014, è stato proposto un modello di giudizio morale, chiamato modello Agent Deed Consequence (ADC), e ora ci sono i primi risultati sperimentali che offrono una forte conferma empirica del modello ADC in situazioni realistiche mondane e drammatiche. Questo lavoro è importante perché fornisce un quadro che può essere usato per aiutare a determinare quando i fini possono giustificare…

View original post 508 altre parole

“Essere gli altri” di Alessandra Corbetta

alessandra

NEI FRAMMENTI
C’è una fortuna nella moltitudine:
tu non la vedi o non credi;
ma c’è una forza negli sprazzi
quando dell’intero solo il ricordo è ammesso.

Forse per questo
io amo stare dentro i frammenti:
perdonami
per questo tutto
che non posso volere
interamente.

da “Essere gli altri” di Alessandra Corbetta (LietoColle)

***

Alessandra Corbetta è nata a Erba il 4 dicembre 1988. È dottore di ricerca in Sociologia della Comunicazione e dei Media e collabora come Web/Social Media Master e come Content Writer con La Casa della Poesia di Como.

Ha scritto per la rivista culturale Alfabeta2. Per Flower-ed ha pubblicato la monografia poetica “L’amore non ha via” e per Silele Edizioni il romanzo “Oltre Enrico (Cronistoria di un Amore sul finale)”.

Scrive di poesia, società e cultura per il blog Tanti Pensieri e di New Media per il giornale online Gli Stati Generali. Per il blog Menti Sommerse dirige la rubrica poetico-letteraria “I Fiordalisi”.

Per info sul libro
Il sito dell’autrice

IL KEBAB – GIUSEPPE GUARAGNA

di Giuseppe Guaragna (poeta)

Seguivo da un po’ un pezzo di donna che avanzava sul marciapiede con la sicurezza di un rompighiaccio, travolgendo gli incolpevoli pedoni che non lasciavano spazio al suo incedere maestoso. I miei occhi fissi sul movimento dei glutei che, come piccole mongolfiere nel vento, parevano scontrarsi e respingersi, in un continuo e ipnotico moto sussultorio.

Trascinato inconsapevole, come un tonno all’amo, per le vie del quartiere, mi ritrovo all’improvviso fra odori di carne allo spiedo e spezie orientali. Disimpegnati a fatica gli occhi da tanta immensità, li alzo verso l’insegna non molto distante.

kebab3

“Ke barbarie” leggo, che guardando meglio diventa “Kebabberia.”

Nel frattempo, sua tantezza si sta intanando in un portoncino poco più avanti.

Continuando a camminare, mi avvicino. Indubbiamente è una bella botteguccia; i canonici spiedi verticali rotanti, pavimento ed espositori più che puliti, pareti decorate con belle riproduzioni, illuminazione adeguata, un’aria accattivante e un cartello scritto in un italiano corretto che, a leggerlo, mi intriga non poco spingendomi ad entrare. “Chiedete e vi sarà cucinato.”

Varco la soglia con una certa apprensione, siamo un po’ fuori orario e non c’è ancora alcun cliente. Saluto e sotto lo sguardo vigile del cassiere e di un paio di cuochi tuttofare, mi interesso al menù. Specialità orientali, ovviamente, con la presenza ecumenica di tutti quei Paesi della fascia mediterranea che da anni ci fanno dono dei loro migliori frutti, datteri, cucina etnica e migranti di ogni sesso ed età, etnia e religione. Continua a leggere “IL KEBAB – GIUSEPPE GUARAGNA”

Giovani in fuga dall’Italia, poveri e pensionati alla fame

di Pier Carlo Lava. Alessandria

Un Governo che non si preoccupa di dare lavoro ai giovani che sono costretti ad emigrare per cercare un futuro, che non pone alcun rimedio alle diseguaglianze sociali che hanno raggiunto livelli insopportabili e ingiustificati in una società civile, con milioni di poveri e pensionati al minimo che fanno la fame, non è un Governo della gente comune ma solo di alcune fasce sociali minoritarie e più abbienti del paese, che nonostante la crisi di questi anni si sono ulteriormente arricchite, perciò non merita di essere riconfermato e questo indipendentemente dal colore politico.

Gli immigrati che sbarcano sulle coste della Sicilia quando partono evidentemente non sanno ancora che l’Italia non è più il bel paese anche se nella loro situazione è sempre preferibile cercare di fuggire in qualsiasi modo anche rischiando la vita, da paesi come Siria, Libia, Iraq, Nigeria, ecc., dove oltre alla fame si rischia ogni giorno la vita. 

La crisi perdurante dal 2008 è ampiamente certificata dai dati Istat che evidenziano, oltre alla disoccupazione, in particolare quella giovanile, una costante perdita del potere di acquisto negli anni di stipendi e sopratutto delle pensioni.

Questa situazione sta spingendo molti giovani italiani e non solo ad emigrare verso altri paesi nei quali sussistono maggiori possibilità di trovare lavoro, Europa, Stati Uniti ma anche Argentina, Australia, Canada, Cina e persino negli Emirati Arabi. Continua a leggere “Giovani in fuga dall’Italia, poveri e pensionati alla fame”

Col respiro incastrato, di Vincenza Iacuzzo Le Mie Emozioni

col respiro

di Vincenza Iacuzzo Le Mie Emozioni

Col respiro incastrato

Sono giorni che vago
senza meta,
sono giorni che cerco
un motivo per fermarmi,
un mare dove specchiarmi
uno sguardo perso per strada
una mano sfuggita alla mia,
sono ore che raccolgo sogni
impolverati dal tempo,
disorientata da te
percorro strade sbagliate
che conducono sempre a te,
accendi un lumicino amore
odo la tua voce
ma non scorgo la tua figura,
col respiro incastrato
fra il tuo cuore e il mio,
la tua anima nuda e lieve
mi raggiunge li dove
oltre non riesco a proseguire
senza la tua mano
che torna alla mia.

© Vincenza Iacuzzo

Dipinto Di Peter Taylor Quidley

L’informazione aiuta l’accesso sostenibile all’innovazione

HarDoctor News, il Blog di Carlo Cottone

A pochi giorni dalla presentazione della Legge di Bilancio, occhi puntati sui conti pubblici: negli ultimi 10 anni il rapporto deficit PIL è cresciuto del 130%, il margine di manovra della finanza pubblica si è drasticamente ridotto e a farne le spese è stato anche il comparto della sanità, con una spesa sanitaria pubblica scesa ormai al 6,6% del PIL e che, senza interventi, arriverà al 6,3% nel 2020 (nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza (DEF) 2017). Nel futuro ci sono ancora tagli, mentre la domanda sanitaria è destinata a salire: già oggi gli italiani over 65 sono più di 14 milioni e più del 40% convive con una patologia cronica.

Oggi però si profila una grande opportunità: mettere a disposizione di un numero maggiore di pazienti farmaci innovativi a costi sostenibili per la sanità pubblica. A rendere possibile questa prospettiva sono i farmaci biosimilari…

View original post 993 altre parole

Bevo dalla mia arsura, di Vincenza Iacuzzo Le Mie Emozioni

bevodi Vincenza Iacuzzo Le Mie Emozioni

Bevo dalla mia arsura

Anima,
fiamma che bruci
come calda brezza,
con labbra di fuoco
bevo goccia a goccia
dalla mia arsura,
come un salice mi piego
verso un fiume arido
che spruzza nei miei occhi
le sue ultime gocce
in un respiro caldo.
Continua a leggere “Bevo dalla mia arsura, di Vincenza Iacuzzo Le Mie Emozioni”

Il futuro della memoria, di Cristina Saracano

Alessandria: Giovedi’ 11 ottobre dalle 19,30 alle 23, con pausa buffet alle 20,30 si terrà all’associazione Cultura e Sviluppo, piazza de Andrè 76, Alessandria, l’incontro “Il futuro della memoria”

Saranno ospiti Marco Bechis, regista Caterina Giargia, art director, Andrea Pogliano, docente di Sociologia all’Università del Piemonte Orientale, moderatore Roberto Lasagna, critico cinematografico.

L’evento apre il Festival Adelio Ferrero, Cinema e Critica.

L’opera cinematografica di Bechis tiene legato il presente con la memoria storica: l’orrore della dittatura argentina e il dramma dei desaparecidos, sottratti appena nati alla famiglia di origine e dati in dono ai militari assassini sono rappresentati molto bene nel suo film “Garage Olimpo”.

Marco Bechis, sequestrato dalla polizia argentina nel 1977, successivamente incarcerato, rilasciato ed espulso dal paese sudamericano, arriva in Italia nel 1979.

I suoi film hanno vinto 14 premi internazionali.

Successivamente ha fondato con Caterina Giargia, Karta film, diventando, oltre che regista, produttore.

Oltre al codice, di Cristina Saracano

Nel 1948 nasceva l’idea di creare un codice a barre per velocizzare le operazioni commerciali.

A pensarci  bene, anche questa è una cosa che ci ha cambiato la vita.

Righe verticali nere su campo bianco, seguite da numeri: è  semplice  e si sa tutto di noi.

Che anno questo  1948, quante cose hanno diversificato il mondo, quanti cambiamenti per gli italiani.

Con una Costituzione nuova e un Presidente  della Repubblica, ci siamo lasciati alle spalle gli orrori della guerra e abbiamo iniziato una ricostruzione là dove era tutto abbattuto, sterminato da un odio indescrivibile.

È iniziato un periodo roseo, certamente  si lavorava sodo e, pian piano, si veniva ripagati con soddisfazioni: i primi elettrodomestici, una casa più bella, un vestito  in più per i bambini che nascevano senza far troppi calcoli e perché,  senza aver troppe pretese, ce lo si poteva permettere.

Erano altri tempi,  oggi è  diverso, lo diciamo  tutti i giorni, e può anche essere vero.

Ma c’erano educazione, altruismo e rispetto, oggi se ne sente la mancanza.

La zuppa miracolosa, di Maria Cannatella

La zuppa

di Maria Cannatella

Filastrocca

La zuppa miracolosa

La zuppa miracolosa, aveva una ricetta elaboriosa

Nessuno la conosceva, ma tanto bene faceva.

La mia mamma non voleva dire, che tipo di ingrediente andavano a finire.

Faceva passare subito i malanni, e con la zuppa ci curavamo tutti gli anni.

Ma se si ammalava la mamma, andavamo tutti a nanna,

perchè la zuppa non sapevamo fare,

per poterla aiutare. Continua a leggere “La zuppa miracolosa, di Maria Cannatella”

Un tempo, di Maria Cannatella

Un tempo520post

di Maria Cannatella

C’è un tempo per soffrire,

amare piangere, odiare.

C’è un tempo per tutto.

Ma c’è un tempo per rialzarsi,

per ricominciare,

un tempo per credere che qualcosa di belle,

accadrà un giorno anche a me.

Un tempo dove tutto tornerà al suo posto,

dove i sogni si realizzano,

i pensieri si quietano. Continua a leggere “Un tempo, di Maria Cannatella”

LA VITA INTERIORE, di vittoriano borrelli

LA VITA INTERIORE, di vittoriano borrelli

Scritto da Alberto Moravia e pubblicato nel 1978 dall’editore Bompiani, l’uscita del romanzo venne preceduta da sette stesure in altrettanti anni nei quali l’Italia precipitava nel baratro del terrorismo e della contestazione sociale. Come racconta lo scrittore, l’opera “…era un enorme groviglio di fili. Così prima ho dovuto fare il gomitolo e poi sfilarlo.” 

LA VITA INTERIORE

Il romanzo è una lunga intervista che il personaggio principale Desideria, concede al narratore ed ha come tema conduttore la ribellione verso una classe sociale, la borghesia, che Moravia definisce “decadente” e “corrotta”. 

Attraverso il simbolismo della vita interiore (“nella vita pratica si agisce realmente, ma nella vita interiore tutto avviene simbolicamente”.), per mano della “Voce” apparsa come a Giovanna D’Arco, Desideria racconta, in una sorta di viaggio introspettivo, la sua repulsione alla borghesia “pariolina” rappresentata dalla madre adottiva, Viola, verso la quale nutre sentimenti contrastanti di odio e di amore, mai del tutto risolti.  Continua a leggere “LA VITA INTERIORE, di vittoriano borrelli”

Presidio lavoratori dipendenti linea Alta Velocità Milano-Genova-Terzo Valico

Presidio lavoratori dipendenti linea Alta Velocità Milano-Genova-Terzo Valico

Terzo Valico

FENEALUIL, FILCA-CISL, FILLEA-CGIL ritengono inaccettabile la decisione del ministro dei Trasporti Danilo Toninelli di bloccare il trasferimento delle risorse per il quinto lotto del Terzo Valico, e per questo hanno organizzato una manifestazione unitaria per il 9 ottobre davanti al Ministero dei Traporti e delle Infrastrutture, in piazzale Porta Pia.

In un contesto in cui occorrerebbe puntare in modo deciso su infrastrutture e spesa pubblica produttiva, viene sottratto oltre un miliardo di euro indispensabile per perfezionare un’opera di fondamentale importanza non solo per il territorio interessato ma per tutto il Paese e che comporterà. Continua a leggere “Presidio lavoratori dipendenti linea Alta Velocità Milano-Genova-Terzo Valico”

Maura Settimo. UILTuCS UIL:  Mense scolastiche Valenza e Alessandria

Maura Settimo. UILTuCS UIL:  Mense scolastiche Valenza e Alessandria

uiltucs_web

Alessandria: In riferimento alla dichiarazione di sciopero indetto dalla UILTuCS per il servizio mense scolastiche dei comuni di Valenza e Alessandria, si apprende della CONVOCAZIONE da parte della Prefettura di Alessandria di tutte le Aziende coinvolte negli appalti in questione (Cooperativa Solidarietà e Lavoro, Vivenda spa, Artana Alimentare srl, Working Coop) e la UILTuCS UIL Provinciale di Alessandria per il giorno 9 ottobre alle ore 12.30 presso gli uffici della Prefettura.

Seguirà conferenza stampa per gli aggiornamenti rispetto all’andamento della vertenza in corso.

Maura Settimo

UILTuCS UIL

Alessandria

Gravità

Memorabilia

Anneghi nella melma

d’uno stagno trafficato

di rane gracidanti

il tuo compianto inascoltato.

Assecondano le gambe

l’assurda gravità

della forza che non senti

d’un mortale sentimento.

Magnetica ti spinge

all’ombelico della terra

ancora nuota la tua mente

fra correnti di pensieri.

Torna al mare trasparente

dei suoi incantati occhi

scoprendo la malia

d’un velo di menzogna

gettato sopra al cuore.

Fra i vermi sei radice

d’un salice piangente

e sai che la bellezza

è un’amabile bugia.

View original post

Scelgo te

Cuori e Ciliegie

C’è chi decide di sposarsi, chi di concentrarsi sulla propria carriera.
Chi predilige una vita tranquilla, chi sceglie di fare figli, chi i figli li vuole e non li può avere.
Chi prende un animale dal canile, chi lo compra, chi cura le piante, chi viaggia.
Ognuna di queste scelte è sacra: come la vita, è degna di rispetto e considerazione da parte degli altri.
Ognuno ha le proprie priorità, i propri motivi e ragioni e bisognerebbe cominciare a guardare al prossimo con quella tolleranza di cui sento tanto parlare, senza giudicare.
Sono felice di vedere le persone che amo felici, a prescindere dal perché.
Sono felice di far parte della vita delle persone che amo, accettando e, soprattutto, non dando mai per scontato il valore delle loro scelte.
Le mie, di scelte, sono sempre state “opinabili”.. d’altronde percorrere strade alternative è stata una prerogativa che mi ha caratterizzato da…

View original post 65 altre parole

Intervista allo scrittore e poeta Enrico Toso, a cura di Pier Carlo Lava

Intervista allo scrittore e poeta Enrico Toso, a cura di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare per i lettori un intervista allo scrittore e poeta Enrico Toso, queste le sue risposte alle nostre domande.

Enrico Toso

Enrico ciao e benvenuto su Alessandria today è veramente un piacere farti un intervista, ci vuoi raccontare dove sei nato, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Sono nato a Padova nel 1950. In questa città ho vissuto fino alla laurea in ingegneria chimica. Ho sempre amato la chimica. Fin da piccolo mi attirava quello che stava dentro agli oggetti e mi prendeva la necessità di guardare cosa ci fosse oltre il contenitore, cercando, nello scomporre, ciò che lo componeva.

Non solo, venivo attratto da tutto quello che si trasformava da una cosa a un’altra, come per magia, e magia non era. Del mistero, volevo la conoscenza, imparando a maneggiarla.

Da bimbo pensavo alla pietra filosofale, crescendo l’ho messa da parte, ma esiste ancora in un angolo nascosto dentro di me. Ho sempre volato tra fantasia, immaginazione e realtà. Costringendo ora l’una sull’altra, alle volte separandole l’una dall’altra, mai contrapponendole fino a eliminarne una, consapevole, anche nel non saperlo, della loro preziosa specificità. Continua a leggere “Intervista allo scrittore e poeta Enrico Toso, a cura di Pier Carlo Lava”

Come il cervello memorizza durante il sonno

ORME SVELATE

Risultati immagini per Sleep saatchi art Sleep II (Ela Ward)

I ricercatori della Ruhr-Universität Bochum e dell’Università di Bonn hanno studiato quali modelli di attività si verificano nel cervello quando le persone ricordano o dimenticano le cose. Erano interessati a come il cervello riproduce e memorizza durante il sonno ciò che aveva imparato prima. Il team ha registrato l’attività cerebrale di pazienti affetti da epilessia che avevano impiantato elettrodi nel loro cervello ai fini della pianificazione chirurgica. Un risultato: durante il sonno, il cervello riattiva anche le tracce di memoria che non può più ricordare in seguito. Per l’esperimento, pubblicato su Nature Communications, ai partecipanti al test è stata data una serie di immagini da memorizzare. Poi hanno fatto un pisolino pomeridiano. Quando si guarda un’immagine, l’attività nel cervello mostra uno schema che differisce leggermente da un’immagine all’altra. I ricercatori sono stati in grado di misurare queste differenze nelle fluttuazioni dell’attività ad alta frequenza – chiamate…

View original post 315 altre parole

Segreti quando è meglio non svelarli al tuo partner

Creando Idee

Se vuoi che la tua relazione vada a gonfie vele, è importante che tu capisca cosa è giusto condividere con il tuo partner e cosa, invece, sarebbe meglio tenessi per te. Certo è fondamentale che ci sia tra di voi comunicazione e condivisione, ma questo non significa che sei costretta a raccontargli proprio tutto. Mentire è sbagliato, ma sorvolare su alcune questioni è sostanziale. Allo stesso tempo, ci sono temi che non possono essere evitati. Se hai traumi o difficoltà legate al passato, non vergognartene e non aver paura di condividerle con lui. Affrontare insieme queste esperienze, parlarne e confrontarsi ti aiuterà a superarle, e agevolerà lui a capirti meglio. La stessa cosa vale per alcune particolarità che ti causano imbarazzo: sudi molto? Ti riaddormenti dopo il suono della sveglia e devi sempre correre all’impazzata per arrivare puntuale in ufficio? Non aver paura di parlarne… se ti ama non scapperà…

View original post 208 altre parole

Ricordati che devi morire…e acquista di conseguenza

Creando Idee

Se vi salta in testa l’idea della morte e siete in procinto di fare shopping, tenderete a preferire abiti retro, che non passano mai di moda, che sono “per sempre”. Ovvero il vintage. Questa singolare conclusione è stata ottenuta in un esperimento condotto dal dipartimento di marketing dell’Università Bocconi di Milano. Per la ricerca, un gruppo di studenti ha ascoltato due diversi racconti. A metà di loro è stato presentato uno scenario sconvolgente: mentre sono in visita a casa dei genitori, mentre sono seduti a tavola la casa va a fuoco, e tutti rischiano di morire. L’altra metà degli studenti ha sentito raccontare una vicenda assai più rilassante, una normale visita ai parenti senza nessun incidente. Dopo il racconto, agli studenti sono stati presentati capi di abbigliamento e accessori moderni oppure vintage. A quanto pare, chi aveva ascoltato il racconto angoscioso, ha preferito il vintage. L’altro gruppo, il contrario…

View original post 251 altre parole

Per Sempre.

lemieemozioniinimmaginieparole

Mentre  cammino nel bosco

Sento il frusciare delle foglie

Mosse dai lesti scoiattoli

Poi il silenzio mi avvolge

Le giunchiglie

 fanno capolino tra l’erba

un distesa di margherite

attrae il mio sguardo

mentre  uno stormo

di uccelli si eleva in volo.

Mi resterà nel cuore

Questo frammento

Di vita –

“Habere non haberi”.

Franca Novello©

Incipit la frase latina “Habere non haberi”.

View original post

Disturbi del sonno: a rischio la salute e la felicità di coppia

HarDoctor News, il Blog di Carlo Cottone

Difficoltà ad addormentarsi, sonno agitato, risvegli notturni e sveglia anticipata sono chiari segnali di disturbi del sonno, indicatori importanti che impattano sulla salute fisica e psichica e sulla stabilità della coppia. Per oltre il 90% degli italiani tra i 45 e i 65 anni dormire bene è molto importante e alla base del benessere, ma solo per 1 su 10 è facile” – introduce Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.

A scattare la più recente fotografia sui disturbi del sonno dopo l’età fertile è Onda, attraverso un’indagine, condotta da Elma Research su un campione di 150 uomini e 150 donne tra i 45 e i 65 anni, presentata all’apertura del 2° Congresso nazionale dell’Osservatorio “La donna e la coppia dopo l’età fertile – La salute che cambia: prevenzione, stili di vita, fragilità”, svoltosi a Milano, il 19 e 20 settembre…

View original post 735 altre parole

Asse Intestino – Cervello

https://www.successclubprofessional.com/

L'immagine può contenere: notte

I neurotrasmettitori aminoacidi hanno la funzione d’inibire o stimolare la membrana della cellula ricevente (postsinaptica), modificando la sensibilità della stessa a recepirli (amplificandone o spegnendone gli effetti).

Il rilascio del Gaba nella fessura sinaptica determina una modificazione della membrana della cellula ricevente, rendendola refrattaria agli stimoli eccitatori, mentre l’acido glutammico svolge la funzione contraria.

I farmaci ansiolitici (contenenti benzodiazepine) si legano ai recettori della cellula ricevente (mutandone la forma), aumentandone l’affinità con il neurotrasmettitore e di conseguenza
ampliandone l’effetto, ad insaputa della cellula trasmittente.

I neurotrasmettitori monoamine (serotonina, dopamina e noradrenalina) hanno la funzione di modificare l’umore, il carattere, l’aggressività, oltre a stimolare l’apparato respiratorio, cardiovascolare e molto altro.

Vediamo altre funzioni dei neurotrasmettitori in maniera più dettagliata.

LA SEROTONINA
L'immagine può contenere: cibo

La serotonina fa parte del gruppo delle indolamine, avendo come precursore il triptofano (un aminoacido essenziale) presente principalmente nel formaggio, nella carne, in alcune verdure e in misura minore nei…

View original post 500 altre parole

LA DANZA DELLA NEVE, di Ada Negri

La danza

dalla pagina facebook di Miriam Maria Santucci autrice

LA DANZA DELLA NEVE
di Ada Negri (1870 – 1945)

Sui campi e sulle strade
silenziosa e lieve
volteggiando, la neve
cade.
Danza la falda bianca
nell’ampio ciel scherzosa,
Poi sul terren si posa
stanca.
In mille immote forme
sui tetti e sui camini,
sui cippi e sui giardini
dorme.
Tutto d’intorno è pace;
chiuso in oblio profondo,
indifferente il mondo
tace.

(foto propria)