“Perché, morte, tu mi prendi, di Rosamaria Alagna

Nuovi orizzonti (poesia a 3 mani e mezzo, causa distrazione)

perchè

“Perché, morte, tu mi prendi
da questo cielo che si oscura?”
Chinato il capo, rendo il mio dolor d’un tempo,
ora che giaccio in una culla di fiori,
e varco nello spazio di nuovi orizzonti.
Voglio perdermi in mille schegge di luce,
intrecciando illusione e realtà,
fuggendo dalle storie che mi hanno inseguita,
senza graffiare i silenzi della speranza,
spezzando la paura
con spifferi risonanti di vento
e dipanando canti soffocati,
tra l’alba e il tramonto.
Voglio scivolare nell’ombra di un sorriso,
trovato nella nebbia di pensieri svaniti.
E così rimango accecato
da questo riverbero di sole che fugge,
e ti chiedo ancora:”Morte, perchè m’illudi?
Nella pioggia, o dentro il vento,
io navigo assolato, fuggevole,
e strappo foglie di rami appassiti e lenti.

di Rosamaria Alagna & Marino Monti 2018