5 documentari da guardare su Netflix

blog di martin

Virunga: il documentario si svolge nei boschi del Congo africano dove vivono gli ultimi gorilla di montagna dove degli ambientalisti li difendono con tutte le loro forze dalle milizie armate e dai bracconieri. Un documentario che racconta come la difesa di una specie abbia riscontri nella vita di tutti i giorni attraverso la corruzione e come sia diventato un modo per ricostruire un mondo migliore.

XIII emendamento: La questione razzismo in USA non è mai scomparsa ma ha assunto modalità differenti.Infatti si è passati dallo schiavismo ad una segregazione più celata attualizzata attraverso l’imprigionamento di massa razziale.Ecco il documentario racconta di come anche con le conquiste dei movimenti dei diritti civili la questione razzismo e la condizione dei afro-americani in realtà non sia granché cambiata anzi in alcune parti sia peggiorata.

winter on fire ukraine’s fight for freedom: un documentario crudo e reale che spiega la questione russo-ucraina. Inizia…

View original post 186 altre parole

Borg McEnroe

blog di martin

un tempo rivali, poi grandi amici. Cosi diversi, cosi simili.

TRAMA: Wimbledon 1980 sta per iniziare il torneo più famoso di tennis e i due più accreditati alla vittoria sono  lo svedese Bjorn Borg e l’americano John McEnroe. La contrapposizione tra i due tennisti viene alla luce ricostruendo le proprie vite fino alla tanta attesa finale.

TOP del film:

i protagonisti: Gudnason ( Borg) LaBeouf ( McEnroe) entrambi stupendi calati perfettamente nel personaggio sia nella recitazione sia nelle scene sportive, sopratutto di LaBeouf un attore fin troppo sottovalutato. Menzione speciale a Leo Borg il figlio di Borg che interpreta suo padre nelle scene con lui bambino, come si dice tale padre tale figlio.

Storia: la classica storia tra due rivali nello sport che il regista alimenta ricostruendo la vita dei due protagonisti sottolineando i punti deboli e i momenti difficili che hanno dovuto passare per arrivare a competere al massimo livello nel loro…

View original post 86 altre parole

Torta di pere fantasma

fenomenologie semiserie

Se avete poco tempo e delle tristi pere sulla via del tramonto,

questa è la ricetta che fa per voi!

ingredienti (cerco di darvi delle dosi precise, anche se io non ho pesato nulla e mi sono regolata a occhio, motivo per cui non diventerò mai una foodblogger di successo)

2 uova

1 bicchiere e mezzo di zucchero (1 di canna, altro bianco)

1 cucchiaino di miele (lo amo nei dolci, ormai è mio fido alleato)

1 bicchiere di latte

20 grammi di burro circa, per caramellare le pere

2 pere abate o quelle che volete

succo di mezzo limone

3 cucchiai di olio d’oliva (avevo solo quello)

2-3 bicchieri di farina

1 bustina di lievito

a scelta, io ho aggiunto cannella e cioccolato fondente a pezzettoni.

procedimento: 

in una padella antiaderente mettete a scaldare il burro e le pere a dadoni, aggiungete zucchero di canna (un cucchiaio) e limone…

View original post 161 altre parole

Amandoti

Deserthouse

tumblr_nwjngeCtXG1uzjthio1_500

Alle volte la vita mi sembra un film di Ozpetek, e così penso ai copioni di due persone che non si troveranno mai, che non faranno mai l’amore, che non si baceranno mai, che non potranno stringere mai le mani l’una in quella dell’altra, penso alle loro parole, ai loro struggenti sentimenti, mentre fuori il resto va avanti fregandosene.

“Amarti è stata la cosa più bella che potesse succedermi in questo periodo. amarti, desiderarti, nascondermi, cercarti, parlarti, scriverti, riempirmi gli occhi nel vederti anche solo da lontano  è stato un nutrimento di vita che non pensavo di poter provare, facendoti spazio, abbassando tutte le difese. sfiorarti nei piccoli gesti è stata l’ebrezza dei brividi. l’amore anche se fa male è la cosa più bella che ci possiamo concedere, anche non corrisposto. Non importa. Tu vai. non importa se non mi vuoi se non vuoi nessuno, se stai cercando altro in…

View original post 163 altre parole

Polpo alla Luciana

CheTempoCheFame

OCTOPUS-OF-MEDITERRANEAN-SEAOggi voglio proporvi una ricetta tradizionale italiana, pronta a riscaldarvi nelle giornate di pioggia e di freddo. Risultato eccellente e di facile realizzazione, andiamo a scoprirla insieme.

Citazione napoletana «’O purpo se coce int’ all’acqua soja»

INGREDIENTI:

  • Polpo di media grandezza o preferibilmente moscardini
  • Pomodorini o Passata
  • Olive
  • Capperi
  • Aglio
  • Pepe Nero
  • Prezzemolo

Procedimento I

Pulite il polpo o i moscardini per bene, in presenza di un polpo iniziate un prima cottura in acqua bollente per circa 10 minuti, in presenza di moscardini non sarà necessario.

Procedimento II

In una casseruola preferibilmente di terracotta, soffriggiamo l’aglio con qualche oliva e gambi di prezzemolo ed inseriamo il polpo o i moscardini che grazie alla temperatura della casseruola si arricceranno; non appena saranno arricciati potete aggiungere i pomodorini o la passata, lasciamo cuocere a fuoco medio/basso per circa 20 minuti. Ultimata la cottura spolverate con del pepe nero e rimuovete l’aglio.

Servizio

Se…

View original post 88 altre parole

Amanda Oleandro (via Maria Pacella Tastutan)

Chiara Saracino

Quando ti vedono come una donna forte, pensano che tu non abbia bisogno di niente o di nessuno, che possa sopportare tutto e superare tutto quello che ti accade. Che non ti dispiaccia non essere ascoltata, curata o amata.

Quando ti vedono come una donna forte, ti cercano perché li aiuti a portare le loro croci. Ti parlano e pensano che tu non abbia il bisogno di essere ascoltata.

Non si chiede ad una donna forte se è stanca, soffre o se è caduta, se ha ansia o paura. L’importante è che sia sempre lì: un faro nella nebbia o una roccia in mezzo al mare.

La donna forte non viene mai perdonata. Se perde il controllo, dicono che sia debole o isterica.

Quando la donna forte scompare per un minuto, tutti se ne accorgono ma quando c’è, la sua presenza è abituale.

Ma da dove lei prenda la forza…

View original post 35 altre parole

La mia Musa si chiama Crisi

Altavilla

Ho visto la mia gente assuefatta dalla droga dell’ELOGIO ARTIFICIALE,

Perdersi nei meandri del mero successo, senza interagire con il mondo dei mediocri

Senza confondersi con la vile plebe,

masturbarsi con l’ausilio della mano della vittoria

fecondando i vinti.

Ho visto i rapporti umani disgregarsi come roccia al gelo,

come castelli conquistati e distrutti.

L’autenticità degli sguardi nascosta come polvere sotto un tappeto

La virtù del fidarsi, stuprata e uccisa dal mostro dell’INDIVIDUO,

generato e coccolato da Padre Capitale.

Ho visto i miei sogni infrangersi;

non più liberi di pascolare, ma rinchiusi in un recinto di filo spinato

uccisi e macellati come umili e sfortunate bestie.

Ho visto la mia disperata identità, danzare con te, mia dolce CRISI.

Danzare in un ballo lento, un walzer di perplessità

Su note confuse, uno spartito incerto.

Come danzi bene CRISI, vorrei sentire il tuo canto stonato, la tua voce tremante

Vorrei vederti girare…

View original post 65 altre parole

Milan Kundera

Chiara Saracino

Perché è scomparso il piacere della lentezza? Dove mai sono finiti i perdigiorno di un tempo? Dove sono quegli eroi sfaccendati delle canzoni popolari, quei vagabondi che vanno a zonzo da un mulino all’altro e dormono sotto le stelle? Sono scomparsi insieme ai sentieri tra i campi, insieme ai prati e alle radure, insieme alla natura? Un proverbio ceco definisce il loro placido ozio con una metafora: essi contemplano le finestre del buon Dio. Chi contempla le finestre del buon Dio non si annoia; è felice.

View original post

Sorella Solitudine

Altavilla

Suonano le cicale,

strumenti di schiamazzo annunciano la tua presenza.

È festa per gli animi inquieti.

 

Sorella solitudine,

tu sei ombra che ripara dal sole,

sei vento di luglio che trasporta altrove il mio piccolo dolore.

Nascosta tra gli sguardi cupi, un po’ incerti,

tu non conosci musica, ma solo assordanti concerti.

Sorella solitudine, tu segui un sogno

Ma sbagli il tuo sentiero e lo confondi con un triste bisogno.

Sorella solitudine,

ascolto il tuo imperiale richiamo,

sei Santa Vocazione ed io il tuo umile operaio.

Lava me dalla mia sporca natura,

conducimi sulla via dell’imperfezione e non indurmi a perseguire una falsa bravura.

Sorella Solitudine,

volteggia con Fratello Fallimento,

in questo mondo celere noi ondeggiamo in un lento movimento.

Ti nutri di silenzio in un’immensa folla,

mi chiedo incuriosito perché tu ne abbia voglia.

Sorella Solitudine cadi leggiadra come foglia morta,

aspetti la tua fine,

non ti rattrista…

View original post 34 altre parole

La memoria è come un muscolo

Creando Idee

La memoria è come un muscolo: l’esercizio ne migliora le performance. Ma gli esercizi in questo caso non bastano: bisogna accompagnarli con uno stile di vita sano, nel quale alimentazione, attività fisica e sonno regolare giocano un ruolo da primi attori. Molti alimenti sono in grado di rallentare l’invecchiamento cerebrale. Primo tra tutti il pesce azzurro, ricco di Omega-3, necessari per le funzioni cognitive, seguito dalle noci che contengono anche vitamina E, dalle proprietà antiossidanti. Nei cavoli, invece, c’è la vitamina C, che rinforza i vasi sanguigni, mentre il licopene del pomodoro ha un’azione antiage. La curcuma, l’ingrediente principale del curry, ha proprietà antinfiammatorie e ostacola l’arteriosclerosi. La colina del tuorlo d’uovo è essenziale per la fisiologia delle membrane cellulari. Infine è fondamentale l’idratazione: un apporto insufficiente di acqua indebolisce le capacità del cervello. Riducete drasticamente i grassi saturi di origine animale e quelli vegetali presenti nei prodotti industriali…

View original post 207 altre parole

La zucca gialla

Creando Idee

Buona, dolcissima e amica della dieta: è possibile? Certo che sì: la zucca è uno degli ortaggi più amati e preziosi per il nostro organismo, anche se siamo a dieta o soffriamo di diabete. Vediamo quali sono le caratteristiche della zucca! Della zucca non si butta nulla, nemmeno i semi che, seccheremo oppure li  arrostiamo in forno con una  leggera salatura, e possono essere consumati come snack o per accompagnare un aperitivo.Dai semi di zucca si ricava un olio ricco di acido oleico e linoleico: secondo recenti studi, l’olio di zucca sarebbe un utile alleato anche in concomitanza con l’insorgere della menopausa e dei suoi caratteristici sintomi. L’assunzione di olio di zucca aiuterebbe ad abbassare il colesterolo e diminuire la pressione arteriosa, oltre a ridurre le vampate di calore, i mal di testa e i dolori articolari. La polpa della zucca si presta in modo eccellente a tantissimi…

View original post 85 altre parole

Insisti e raggiungi la meta

Creando Idee

Senza motivazione non si raggiunge la meta, questo è poco ma sicuro. La motivazione è tutto, è la benzina che anima il motore, è sangue che scorre. La natura stessa è un esempio di motivazione. Hai mai provato a non tagliare l’erba del giardino per un mese? La natura, la vita, ha questo di bello: non si ferma mai! Va sempre oltre, è incontenibile nella sua volontà. Non conosce resa! Hai mai visto le onde del mare fermarsi perché erano troppo stanche? E il Sole si è mai spento per riposarsi? La coda del tuo cane riesce a stare ferma quando ti rivede dopo una lunga assenza? Motivazione è equivalente di entusiasmo, gioia di vivere, felicità di creare. Motivazione è voglia di cose belle, di realizzazioni. La motivazione è la causa di ogni successo. La motivazione ti permette di esaminare gli ostacoli come i gradini della scala che conduce alla…

View original post 111 altre parole

Zona di confort

Creando Idee

Una volta un re ricevette in regalo due magnifici falchi. Erano falchi pellegrini, i più begli uccelli che avesse mai visto. Diede i suoi preziosi falchi al suo capo falconiere per allenarli. I mesi trascorsero e un giorno il capo falconiere informò il re che, anche se uno dei falchi era maestosamente volato altissimo nel cielo, l’altro uccello non s’era mosso dal suo ramo dal giorno in cui era arrivato.Il re convocò guaritori e stregoni da tutte le terre    per prendersi cura del falco ma nessuno riuscì a farlo volare. Presentò allora il caso ai componenti della sua corte, ma il giorno successivo, il re vide attraverso la finestra del palazzo che l’uccello non si era ancora mosso dal trespolo.Avendo provato ogni cosa, il re pensò tra se e se “forse ho bisogno di qualcuno che conosca meglio la campagna per capire la natura di questo problema.” Così chiamò la…

View original post 206 altre parole

Leave Any Time You Like

blankpagesofmine


I’ve told you before,

There’s nothing tying us down

To any one place.

My car’s a beater,

But it’ll take us wherever we

Need to go.

You pick the tracks,

The back seat has a 72-count

Wallet with a profusion of CDs.

I’m an old school nineties boy,

Loving the sharp sound of those discs

Over anything digital.

This rust bucket is our starship Enterprise

And you’re my panoramic road trip lover.

(Photo taken by me.)

View original post