La Spiaggia

Racconti della Controra

morte ossa polaroid sx70 lift off rebecca lena

Per quanto tempo ho affondato il viso nella sabbia? Mi rialzo lentamente e comincio a definire i contorni delle cose. Una striscia infinita davanti. Chiara e levigata dalla brezza. C’è anche il mare silenzioso a destra, a pochi passi; verso sinistra un muro di dune e di tamerici costeggia il bordo di questa spiaggia. Deve essere abbandonata. Ascolto lo scoppio delicato della schiuma sul ventre sabbioso. È un silenzio pacifico, o forse turbolento. Oppure è sospeso? Come se l’aria fosse densa di vetro finissimo. Mi pare che ronzino le nubi di elettroni in mezzo ai miei capelli. Tremano? Per cosa? Forse s’illudono. Forse m’illudo io. In questa spiaggia nulla si muove se non lo vuole il vento di terra.

Lungo la riva dormono i tronchi, enormi bestie stremate dai miasmi della Controra. Corpi scoloriti, parlate con me! Perché non respirate più? Si uniscono al silenzio alcune lavatrici incrostate, e le…

View original post 392 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...