Mariam

Suoni diversi beccati sul mio cuore

«Non si possono contare le lune che brillano sui suoi tetti, né i mille splendidi soli che si nascondono dietro i suoi muri.»  versi del poeta Saib-Tabizi sulla città di Kabul

Foto Nikon (rosanna fiori)

Mariam.JPG

Il burka che mi hai regalato,

quando la sera sei tornato a casa

era come l’azzurro del cielo

come il manto della madonna.

Non avevo mai indossato il burka,

il suo tessuto mi soffocava la bocca

e inciampavo nella sua lunghezza,

da allora ho visto il mondo attraverso una grata.

Mio padre mi ha ceduta

come un pezzo di pane ancora caldo,

a te

che mi hai addentata, affamato.

Mio padre, come una bestia feroce,

lui pure

ha divorato la mia volontà

e ha sepolto per sempre la mia dignità.

Non ero ancora una donna,

fiorivano appena i miei quindici anni.

Io non ti conoscevo.

Eri già un uomo tu, da molto tempo.

Non conoscevo…

View original post 209 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...