Pernigotti, appuntamento all’8 gennaio, intanto cerca un advisor

Pernigotti, appuntamento all’8 gennaio, intanto cerca un advisor

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com/

Nuovo incontro per la Pernigotti al ministero del Lavoro e una conclusione transitoria con appuntamento all’8 gennaio. Intanto la società conferma di voler individuare un advisor specializzato.

Perngotti

Al termine della riunione al ministero, alla presenza delle organizzazioni sindacali, convocata nell’ambito della procedura per l’ottenimento della Cassa integrazione straordinaria relativa alla cessazione delle attività dello stabilimento di Novi Ligure,  la Pernigotti, “accogliendo l’invito delle istituzioni e delle organizzazioni sindacali, ha confermato l’impegno nel ricercare, anche attraverso un advisor specializzato, soluzioni concrete di re-industrializzazione del sito di Novi Ligure a supporto della richiesta di trattamento di cassa integrazione per cessazione di attività con l’obiettivo di minimizzare per quanto possibile l’impatto sociale” si legge su una nota aziendale diffusa in serata.

“Le parti torneranno a incontrarsi martedì 8 gennaio 2019, alle 11, per riprendere l’esame congiunto finalizzato alla stipula dell’accordo governativo per il ricorso alla cassa integrazione”. Nessun riferimento ulteriore a marchio e società che il gruppo industriale turco Tokso non ha intenzione di vendere,  come ha ribadito nei giorni scorsi.

Messico: la Baia di Soliman

Veronica Iovino

Eccoci arrivati all’ultimo giorno di un viaggio davvero intenso e ricco di emozioni che Cristina ha saputo descrivere alla perfezione.

Lascio la parola a Cristina che spero di ospitare presto per raccontarci di altre avventure in altrettanti posti meravigliosi…

ULTIMO GIORNO IN PARADISO

IMG_20171101_143130

Domani purtroppo si torna a casa, ma non senza goderci al meglio questo ultimo giorno.

Grazie al consiglio del nostro amico Marlon contrattiamo con un tassista che per pochi pesos sarà il nostro autista personale per tutta la giornata e ci facciamo portare nella Baia di Soliman.

Dopo circa 30 minuti da Playa del Carmen lasciamo la strada asfaltata per addentrarci in una strada sterrata fiancheggiata da svariate case, alcune molto lussuose, finchè giungiamo in questo luogo nascosto della Riviera Maya, un luogo perfetto per trascorrere una giornata a contatto con la natura.

A quanto pare, per ora siamo gli unici a godere di questo paradiso…

View original post 463 altre parole

Titti si sposa

Raggio di Sole

Ricca e raffinata, Titti è all’apice della popolarità. La sua festa di nozze non poteva avere più successo di così. La sua wedding planner ha fatto un lavoro strepitoso curando ogni piccolo particolare, giocando sulla sua passione per il rosso e il bianco, rendendo la cerimonia un’incantevole cornice romantica e il rinfresco un’occasione mondana difficilmente ripetibile da chiunque.

Suo padre l’ha accontentata in tutto, pagando cifre da capogiro pur di farla felice. In fondo ha impiegato venticinque anni per viziarla oltre misura, non può certo lamentarsi ora, di quanto gli costi mantenerla.

Infatti non potrebbe mai essere deluso da una figlia come Titti. Oltre che bella è risoluta, decisa, coraggiosa, intelligente di un’intelligenza acuta e aperta, preparata, lanciatissima nel mondo delle telecomunicazioni. Si dice da tempo che sia destinata a diventare la nuova Lily Gruderi, la anchor woman di Canale Quattordici.

Tutti l’ammirano, ne copiano lo stile, il modo di…

View original post 394 altre parole

Ereditiere

Raggio di Sole

Il padre l’aveva guardato, spiandolo dalla macchina un pomeriggio che proseguendo lungo lo stradino brecciato, si era ricordato all’improvviso di aver lasciato gli occhiali sul tavolino del telefono nel suo studiolo. Senza quelli non era in grado neppure di vedere le righe sul ricettario che compilava al termine delle visite mediche a domicilio che avrebbe dovuto fare ai suoi pazienti. Il dottor Conforti, medico di condotta di quarta generazione, fermò l’auto all’incrocio con la strada che portava a Villa Ambrosi dove abitava l’illustre professor Longhi, esperto mondiale di lingue antiche. Il viale era costeggiato di cipressi alti e bellissimi al termine dei quali si poteva intravedere la piccola casa del custode, un edificio ad un solo piano con l’abbaino sul tetto a spiovente di un verde brillante che non smetteva mai di ammirare ogniqualvolta gli capitava di osservarlo.

Longhi era il vicino di casa di Conforti, aveva due figlie eleganti…

View original post 912 altre parole

Fascino antico

Raggio di Sole

Ma che bel quadretto questo scorcio di paesino attraversandolo a piedi di ritorno da una scarpinata di quelle toste che mi lasciano i piedi doloranti e i jeans sporchi di terra per i cascatoni e le culate in discesa, quando la paura di perdere l’equilibrio mi spinge a passare dalla versione homo herectus alla versione homo poltronum che presto verrà adottata anche da tutti i lobotomizzati delle promozioni di “poltrone e sofà”.

Ma quale bel paesino! Casone in cemento così brutte che in confronto una raffineria ha più fascino, malandate dopo trent’anni, sono la miseria dei tempi moderni contro l’immutata bellezza della chiesa romanica e della Torre romana con tanto di arco e ponte.

Alle due e mezza il paese grande quanto un centro commerciale, è vuoto, stanno tutti mangiando ai quattro palmenti all’interno dei ristoranti, facendosi servire i piatti tipici locali che sono riportati nei cartelli dei menù all’esterno…

View original post 62 altre parole

Torno indietro

Raggio di Sole

 

Non mi addentro nel bosco perché ho paura di quello che non conosco. Ti seguo però se tu ci andrai perché non posso lasciarti solo.

Il silenzio temo quanto il buio, suoni improvvisi e rumori vicini mi fanno temere. Vorrei essere a casa al sicuro in questo momento.

Perché provare e cercare il coraggio se ad un nuovo passo il terrore mi assale. Non resisto, volto la schiena al pericolo e torno indietro.

View original post

Illusione ko

Raggio di Sole


Mi illudevo anni fa pur sapendo che era una strada senza uscita, un campo di gramigna, un angolo scomodo su cui restavo appesa rimanendo aggrappata ai bordi di una parola pesante quanto effimera con le unghie delle dita.

Amicizia… Quando mai è stata amicizia quella, donavo con l’illusione del presente e la sensazione che restava era quella di agitarmi nel vuoto.

Invece ciò che volevo conquistare era allegria, uno spazio pulito da riempire con i colori che mi esaltavano, il tempo che si dilatava, scoprire porte, tante porte che si aprivano per far entrare chi mi cercava per vedere il meglio di me, prenderlo senza rubarlo, usarlo per farmelo conoscere.

Non sapevo di poter essere presente in più modi, sentirmi bene, dedicarmi con cura, accompagnare come granella di nocciola che arricchisce un dolce goloso, inserirmi come un ingranaggio antico di un orologio prezioso, colorarmi di alba e tramonto, giocare a…

View original post 77 altre parole

Chiacchiere con l’autore: Leonardo Malaguti e Dopo il diluvio

- Radical Ging -

Di solito, a novembre, la sensazione è quella di un mese transitorio, quello spazio che separa il buon dal Natale. Nel nostro caso però, proprio nel cuore di questo gelido mese, in una sera buia e alquanto nebbiosa – la prima nebbia dell’anno torinese – abbiamo avuto il piacere di chiacchierare con lo scrittore di Dopo il diluvio (Exòrma edizioni), Leonardo Malaguti, che col suo esordio letterario è arrivato finalista al Premio Letterario Neri Pozza 2017.

La location della serata è stata la Libreria del Golem, una piccola e accogliente “casa del libro” a pochi passi dall’Auditorium RAI di Torino. Disposti in un semicerchio un po’ irregolare abbiamo parlato, a luci soffuse, di genere, costruzione di personaggi  e scrittura. Da fuori probabilmente sembravamo raccolti in qualche oscuro consesso, tant’è che non sono mancati passanti perplessi e fotografi curiosi.

Del romanzo già ve ne abbiamo…

View original post 315 altre parole

Frankenstein illustrato: quando Mary Shelley incontra l’arte di Bernie Wrightson

- Radical Ging -

È difficile avere dubbi sulla qualità della proposta di Oscar Ink Mondadori. La collana  custodisce volumi preziosi: si va dai graphic novel europei (come La chiamata di Laurent Galandon e Mermoux) al comic americano (come il graphic novel di Fahrenheit 451, di cui abbiamo parlato qui), fino alle versioni illustrate di capolavori come American Gods, il Poema a fumetti di Buzzati e il Frankenstein di Mary Shelley con i disegni di Bernie Wrightson. Ed è proprio quest’ultimo l’oggetto del post di oggi.

Frankenstein non ha bisogno di presentazioni, ha ispirato negli anni film (il primo datato 1910, e recentemente restaurato dalla Library of Congress, che lo ha reso disponibile), libri e tante altre produzioni; L’opera ha particolarmente monopolizzato questo 2018, anno del bicentenario dalla prima pubblicazione, insieme alla scrittrice, Mary Shelley, di cui trovate vari articoli qui sul blog. Pertanto, visti i precedenti, e…

View original post 401 altre parole

La caduta di Gondolin e l’epicità di J.R.R. Tolkien

- Radical Ging -

Quando si pensa a John Ronald Reuel Tolkien l’associazione mentale più immediata è quella de Il Signore degli Anelli (di cui aspettiamo con eccitazione la nuova traduzione di Ottavio Fatica) o, tutt’al più, Lo Hobbit. Tuttavia, il mondo che è nato dalla sua penna è di gran lunga più vasto delle avventure della Compagnia dell’Anello o di quelle del simpatico Bilbo Baggins e, negli anni, sotto la curatela di Christopher Tolkien, uno dei figli dello scrittore, sono stati pubblicati molti racconti che gravitano attorno alla Terra di Mezzo, alcuni dei quali ricostruiti da semplici appunti sparsi che il padre aveva lasciato alle spalle dopo la morte. Le opere di Tolkien qui in Italia sono pubblicate da Bompiani, e così è anche per la trilogia dei Tempi Remoti, giunta a compimento con la pubblicazione de La caduta di Gondolin, che segue i compagniI figli…

View original post 1.038 altre parole

Agatha Before Christie: l’Egitto, la scrittura e la guerra

- Radical Ging -

Come già detto in precedenza, spesso ci si dimentica che gli autori prima di essere scrittori, sono anche persone normalissime, con vite altrettanto normali. Agatha Christie, che qui ancora non era una scrittrice e ancora portava il nome di famiglia, Miller, visse i suoi primi anni d’infanzia a cavallo tra l’epoca vittoriana e il primo Novecento, tra la crisi delle classi agiate e nobiliari inglesi, i viaggi frequenti, gli incubi infantili e lo spettro della guerra per porre fine a tutte le guerre. Agatha però vide la sua infanzia finire prematuramente, nel 1901, quando Frederick Miller, il padre, morì per complicazioni cardiache. La piccola Agatha aveva soltanto 11 anni.

Ho un’immagine stampata nella memoria. È pomeriggio, io sono in piedi sul pianerottolo a metà delle scale. D’un tratto la porta della camera dei miei genitori si apre e mia madre si precipita fuori, coprendosi gli…

View original post 1.360 altre parole

Questo week end dove siamo ? Mercatino antiquariato Povegliano Veronese….

Il Pikaciccio

Qualcuno di voi ci viene a trovare ? Da Povegliano siamo partiti con l’avventura di Cara vane e con gioia torniamo tutte le volte che possiamo….

Il mercatino si svolge tutte le prime domeniche del mese , e si possono trovare oggetti un po’ di tutti i titpi, l’idela in questo periodo per fare qualche piccolo regalo di Natale un po’ diverso dal solito.

Questa volta verrà con noi anche il nostro Ale che venderà dei vecchi giochi e anche dei vinili ritrovati in cantina……

img_5764

e noi ? naturalmente ci saremo con Caravane e questa volta proponiamo la polenta con il cinghiale e poi per scaldare noi i clienti e anche tutti gli amici espositori anche il vin brulè …

Speriamo di riuscrire farlo buono come quello degli alpini di Brisighella …. quasi quasi ci mettiamo un buon Sangiovese o un Lambrusco…

img_5947-1

Tutti pronti allora … ci si vede a…

View original post 8 altre parole