Della follia dell’amore, Carla Pravisani

La terra è blu come un'arancia

5210791749_6f8a8a49a5_z1

So che può
sembrare una follia
ma si può:

Amare il vuoto
la concavità
e i buchi.

Amare le pieghe,
le fenditure,
il silenzio.

Amare il nulla.

Si può
Ma è spossante.

Uno si trasforma
nello spazio invisibile
delle ore.

Nella tenda tirata
dal vento.

Nell’oggetto impolverato.
Nella ragnatela.

Amare così
è smettere d’amare.
O è amare
fuori luogo.

E’ perdere
l’allegria e la roba.

E’ lasciare allo scoperto
l’impotenza.

***

Sé que puede
parecer una insanidad,
pero se puede:

Amar el vacío,
la concavidad
y los huecos.

Amar los pliegues,
las hendijas,
el silencio.

Amar la nada.

Se puede.
Pero es agotador.

Se convierte uno
en el espacio invisible
de las horas.

En cortina descorrida
por el viento.

En objeto empolvado.
En telaraña.

Amar así
es dejar de amar.
O es amar
a destiempo.

Es perder
la alegría y la ropa.

Es dejar al desnudo
la impotencia.

De la…

View original post 7 altre parole

Bon Soir, Amado Nervo

La terra è blu come un'arancia

neonboy_1 foto Yves Trémorin

Buonanotte, amore mio e A domani!
A domani, sì, quando albeggi
E io, dopo quarant’anni
di incoerente sognare, apra e stropicci
gli occhi dello spirito,
come chi ha dormito tanto, tanto,
e lentamente va svegliandosi,
e, in una progressiva lucidità,
tiri le fila dello ieri della mia anima
(prima che la carne la legasse)
E dell’oggi prodigioso
In cui dovrò incontrarmi, in questo piano
Dove già nulla é illusione e tutto
é verità (…)

Amado Nervo, Bon Soir

_____________________________________

Bon Soir de Amado Nervo(México)espa/ita
¡Buenas noches, mi amor, y hasta mañana!
Hasta mañana, sí, cuando amanezca,
y yo, después de cuarenta años
de incoherente soñar, abra y estriegue
los ojos del espíritu,
como quien ha dormido mucho, mucho,
y vaya lentamente despertando,
y, en una progresiva lucidez,
ate los cabos del ayer de mi alma
( antes de que la carne la ligara )
y del hoy prodigioso
en que…

View original post 24 altre parole

Andrée Chédid

AMORE FILOSOFICO già Poesia & Cultura

LE POÈME FINAL

J’ai une forge dans le coeur.
Je sens plus pourpre que l’aurore,
Plus noyé que l’algue,
Plus lointain que la mouette,
Plus creux que les puits.
Mais je ne donne naissance
Qu’à l’écaille et qu’aux grains.
Ma langue se prend aux mots:
Je n’exprime plus blanc,
Je ne dis plus noir;
A peine le gris d’une falaise rongée,
Le bref vertige d’une ombre,
L’hirondelle entrevue
Et l’iris deviné.
Où sont les justes paroles,
Le feu sans agonie,
Le poème final?
En quel lieu est la vie?

(Andrée Chédid)

LA POESIA FINALE

Una fucina mi brucia in cuore.
Più porpora dell’aurora,
annegata più dell’alga,
più lontana del gabbiano,
e dei pozzi più profonda io mi sento.
Ma nascita soltanto so
donare a squame e semi.
La lingua mi s’impiglia alle parole:
non esprimo più bianco,
non dico più nero,
il grigio appena dello scoglio eroso,
la beve vertigine…

View original post 33 altre parole

Dove mi trovo

Parole in libertà di Roberto Iovacchini

jhumpa-lahiri-dove-mi-trovo-9788823521360-300x465

Titolo: Dove mi trovo

Autore: Jhumpa Lahiri

Editore: Guanda

Jhumpa Lahiri è una scrittrice di origine indiana, nata a Londra, vissuta a New York e poi a Roma. Vincitrice del premio Pulitzer nel 2000, è a tutti gli effetti una scrittrice americana. Ha studiato l’italiano ed ora scrive in italiano. La cosa è sorprendente date le difficoltà che avrà incontrato l’autrice per conoscere la nostra lingua così bene da decidere di usarla per scrivere un libro. Il giudizio su “Dove mi trovo” non può non essere condizionato dalla grande determinazione e volontà che l’autrice ha dovuto trovare per riuscire nel suo intento. Inoltre non può che fare piacere da italiano scoprire che la nostra lingua piaccia così tanto ad una scrittrice affermata in tutto il mondo.

Il libro non si può definire un romanzo, piuttosto una specie di diario in cui l’autrice, in 46 capitoli o piuttosto sarebbe meglio definirli…

View original post 162 altre parole

Le assaggiatrici

Parole in libertà di Roberto Iovacchini

9788807032691_quarta.jpg.444x698_q100_upscale

Titolo: Le assaggiatrici

Autore: Rosella Postorino

Editore: Feltrinelli

Rosella Postorino per scrivere il romanzo “Le assaggiatrici” si è ispirata alla storia vera di Margot Wolk che è stata assaggiatrice di Hitler nella caserma di Krausendorf.

Nel libro la protagonista è Rosa Sauer, appena arrivata nel 1943 da Berlino a Gross Partsch, un villaggio vicino al quartier generale di Hitler. Rosa è fuggita dai bombardamenti ed ha raggiunto il paese di suo marito, spedito a combattere in Russia, mentre lei è ospite a casa dei suoceri. La vita della giovane Rosa cambia improvvisamente quando viene scelta, insieme ad altre 9 donne, per diventare “assaggiatrice” del cibo che quotidianamente viene servito ad Hitler ed al suo entourage. Il Fuhrer teme di essere avvelenato da uno dei tanti nemici che si stannno prodigando per farlo fuori con tutti i mezzi possibili. Le donne mangiano il cibo preparato per Hilter e vengono tenute sotto…

View original post 313 altre parole

Il rumore della pioggia

Raggio di Sole

Cosa mi ricorda il rumore della pioggia?

Mi ricorda la mia vecchia casa quando non si sentiva nessun suono provenire da fuori, vedevi solo il segno frettoloso delle gocce che cadevano sotto la luce gialla dei lampioni e le pozzanghere che si allargavano in cerchi mossi e perfetti.

Oggi invece sento battere sui coppi nel tetto quando salgo in soffitta, come un rimbombo sordo che bussa per entrare insistentemente e nell’oblò il suono è curioso, come quello di un baritono con la tonsillite. Il vetro si è frantumato con la grandine e l’abbiamo sostituito ma la paura che ho preso quando è andato in mille pezzi mi ha spinto a scegliere il plexiglas.

Dalla finestra della camera la pioggia si avverte dolcemente, come l’innaffiatura di un giardino che si avvicina e si allontana, le mattonelle nel vialetto si macchiano come un manto maculato lasciando asciutto il bordo attorno alla muro…

View original post 137 altre parole

TAKAYAMA

NOMADI IN CAMICIA

Takayama è una cittadina termale incastonata tra le Alpi giapponesi, un posto incantevole, che, data la sua posizione isolata ha fatto sì che la città sviluppasse una propria tradizione culturale e architettonica, differente dal resto del Giappone, per circa 300 anni.

L’esperienza inizia con un  trenino che si arrampica tra le gole strette scavate dai fiumi nelle montagne ed ogni minuto del lungo viaggio (circa tre ore da Nagoya) vale il viaggio

Gli artigiani di Takayama sono rinomati in tutto il Giappone ed a loro si deve la costruzione del palazzo imperiale di Kyoto, ancora oggi per le vie del centro della città, in classico stile EDO, vi sono una moltitudine di piccoli laboratori artigiani che lavorano le materie prime, soprattutto il legno.

La città è ovviamente costellata di bagni termali (ONSEN) nei quali bisogna entrate rigorosamente nudi, le piscine sono separate tra uomini e donne ed il concetto è…

View original post 174 altre parole

Il mostro di Omsk – Accaduto realmente

SUBLIMI MAESTRI PERFETTI

Il mostro di Omsk dal Capitolo IV INDAGINI A MOSCA, del libro Ombre sulle stelle di

Peter Kolosimo:

Una notte dell’autunno del 1927 un contadino abitante nei dintorni di Omsk fu svegliato

di soprassalto da un rumore assordante. L’uomo saltò giù dal letto, chiedendosi da che

cosa potesse esser provocato quel fracasso infernale; non ne ebbe subito la risposta, ma

i nitriti disperati e il tempestare di zoccoli contro una parete di legno gli fecero

comprendere senza difficoltà il luogo di provenienza del pandemonio.

Pensando ad un ladro, l’uomo uscì in cortile, impugnò un forcone e spalancò di colpo la

porta della stalla. I due cavalli, pazzi di terrore, lo investirono, gettandolo a terra e

galoppando verso l’aperta campagna. Sbigottito e malconcio, l’agricoltore si rialzò, andò

a prendere una lanterna e tornò nella baracca, dove trovò già un assembramento di vicini,

accorso, allarmati, con lumi e bastoni.

View original post 457 altre parole

Google Digital Training!

Daily Michymix

Il più grande nemico della conoscenza non è l’ignoranza, è l’illusione della conoscenza.          Daniel J. Boorstin

Eccomi tornata! Oggi vorrei recensire un corso online offerto dal colossal americano Google. 

Inizio col dire che ho da sempre una avversione naturale per tutto ciò che riguarda il mondo digitale e anche per questo non mi sono mai spinta a cercare nuove conoscenze su quello che concerne il web. Inoltre a scuola, salvo forse qualche ora alla scuola elementare, non ho mai propriamente studiato informatica. 

Quindi la mia indole vecchio stampo e la quasi totale assenza di istruzione in questo campo mi hanno portata all’età di vent’anni a non sapere accendere un computer che non sia quello portatile di casa, ad avere una sorta di malocchio nei confronti delle stampanti e a far bloccare ogni apparecchio elettronico. Il tutto poi non si limita a telefoni e computer ma anche…

View original post 417 altre parole

L’albero del riccio – Antonio Gramsci

Take a book and drink a coffee with me

Buongiorno a tutti,

oggi vi vorrei parlare di L’albero del riccio, una raccolta di racconti di Antonio Gramsci. In particolare i racconti sono racchiusi nelle lettere che Gramsci scrisse ai propri figli mentre era in carcere dove era stato rinchiuso dal regime fascista l’8 novembre 1926.

Trama:

17698262Link ad Amazon: https://amzn.to/2o40Uhy

“Questo libro contiene storie delicate e avventurose insieme che parlano di briganti e di animali, di ricci, di volpi, di cavalli, di passeri, di struzzi e di pappagalli. L’autore, Antonio Gramsci, le scrisse per i propri figli mentre si trovava in carcere dove era stato rinchiuso dal regime fascista: non si voleva – fu detto – che una mente tanto fervida come quella di Gramsci potesse comunicare al popolo i propri pensieri. Sono storie narrate non direttamente, ma lettere, inviate ai figli o alla moglie o alla cognata. Sono in pratica affascinanti racconti che narrano episodi…

View original post 280 altre parole

Neal Brennan: 3 Mics; e le stand-up comedy

Take a book and drink a coffee with me

Buongiorno a tutti,

oggi sono qui per parlarvi di Neal Brennan: 3 Mics, una stand-up comedy del 2017.

Neal Brennan è un produttore, regista, attore, scrittore e stand-up comedian americano. Ha prodotto e scritto insieme a Dave Chappelle, fra il 2003 e il 2005, il Chappelle’s Show.

Cos’è una stand-up comedy?

Una stand-up comedy “è l’espressione in lingua inglese che indica il cabaret, inteso come spettacolo che si svolge “in piedi” (dal termine «stand-up»; stand-up comedian: “cabarettista”) e senza la quarta parete. La commedia stand-up privilegia l’artista. I temi affrontati dal comico stand-up vanno dal politico al sociale. “

Neal Brennan: 3 Mics

Sebbene ne avessi sentito molto parlare in modo positivo, rimanevo sempre un po’ scettica sul provare a guardarlo o meno. Nonostante ciò, qualche giorno fa ho preso coraggio e gli ho concesso un’opportunità. Sono molto felice di averlo fatto perché mi sono letteralmente innamorata di questo genere di show.

Neal Brennan:…

View original post 193 altre parole

Teaser Tuesday – “Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte” di Mark Haddon

Take a book and drink a coffee with me

Buongiorno a tutti,

oggi sono qui per portarvi un estratto del romanzo Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, scritto da Mark Haddon e pubblicato nel 2003 da Einaudi.

Trama:  È un romanzo delicato e travolgente. A narrare le vicende è Christopher Boone, un ragazzo di quindici anni che soffre della sindrome di Asperger. Quando scopre che il cane della vicina è stato ucciso, Christopher capisce di essere davanti ad un mistero. Ispirandosi al suo eroe, Sherlock Holmes, inizia le sue ricerche per scoprire il colpevole.

Ecco l’estratto:

2269013Link all’acquisto su Amazon: https://amzn.to/2P3jnGX

“Osservai a lungo il cielo. Mi piace guardare il cielo di notte mentre sono in giardino. D’estate ogni tanto esco fuori con la torcia e il planisfero in mano, che è fatto di due cerchi di plastica con un perno in mezzo. In basso c’è una mappa del cielo e in cima un’apertura a…

View original post 193 altre parole

Pellizza da Volpedo a Milano: in mostra anche due capolavori della Fondazione CR Alessandria

Di Maria Luisa Pirrone

A 150 anni dalla nascita di Giuseppe Pellizza da Volpedo, le Gallerie Maspes e le Gallerie Enrico di Milano celebrano il grande artista piemontese con un’esposizione dal 12 ottobre al 22 dicembre.

Nella città che già ospita Fiumana, alla Pinacoteca di Brera, e il Quarto Stato, al Museo del Novecento, immagini iconiche delle battaglie sociali del secolo scorso, è possibile aggiungere queste altre due tappe ad un ideale percorso pellizziano.

La mostra nelle due gallerie, importanti poli milanesi per l’arte dell’Ottocento, presenta quindici tra i più celebri capolavori del pittore e una serie di indagini diagnostiche che permettono di leggere le opere da un nuovo punto di vista.

L’esposizione è la prima personale a Milano dopo quasi un secolo – l’ultima era stata organizzata nel 1920 alla Galleria Pesaro, esposizione durante la quale il celebre Quarto Stato venne acquistato a favore delle Civiche Raccolte grazie a una sottoscrizione pubblica – e si compone di opere provenienti da prestigiose collezioni sia pubbliche che private, in grado di ripercorrere i temi più significativi della cifra stilistica di Pellizza. Continua a leggere “Pellizza da Volpedo a Milano: in mostra anche due capolavori della Fondazione CR Alessandria”

Creare le giuste atmosfere

Creando Idee

Nelle grandi città, molto spesso non si può godere di abitazioni con spazi esterni in cui coltivare il proprio pollice verde. Ecco, quindi, delle soluzioni originali per portare un pizzico di natura a casa vostra: giardini in miniatura. Se amate un angolo verde, ma non siete dotati di un vero e proprio “pollice verde”, la soluzione ideale è creare uno spazio con delle piante grasse. Questa tipologia di pianta non richiedono cure ed attenzioni particolari, ma al contempo creano colori e sfumature molto piacevoli. Inoltre queste piantine possono essere introdotte sia in contesti più ampi cesti, vasi grandi o veri e propri angoli verdi in casa, oppure possono essere utilizzati come centritavola o piccoli elementi decorativi. Utilizzare queste piantine come decoro potrebbe essere un’idea regalo particolare ed unica per le feste di Natale Realizzare una composizione con le piantine grasse è molto semplice: prima di tutto decidete quale contenitore voler…

View original post 322 altre parole