Best off – Reading con Claudio Morici al Laboratorio Sociale, di Lia Tommi

Best off – Reading con Claudio Morici al Laboratorio Sociale

Giovedì 8 novembre 2018

Laboratorio Sociale Alessandri Via Piave 63, 15121 Alessandria

Apertura porte ore 19,30 con aperitivo a buffet. Inizio spettacolo ore 21,00

Ingresso 5€

http://www.labsociale.it
________________________

Claudio Morici è uno scrittore (Bompiani, E/O) e un performer. I suoi reading a Roma riempiono locali, spazi culturali, centri sociali ma anche teatri “istituzionali”. In Best Off Morici legge il meglio del suo repertorio breve. Invettive come “Me ne vado da San Lorenzo” ispirata dalla sua fuga dai quartieri radical chic. Racconti di vita vera come “Bancomat”, dove Morici sbaglia il PIN e viaggia nel tempo. Senza dimenticare il suo brillante “tema delle medie”, gli inefficaci “consigli per rimettersi con la ex” e le recentissime pillole di “CUORING”: una sorta di fenomenologia delle coppie scoppiate.

BIOGRAFIA
Claudio Morici, scrittore, ha pubblicato 5 romanzi tra cui “La terra vista dalla Luna” (Bompiani, 2009), “L’uomo d’argento”(E/O, 2012) e “Confessioni di uno spammer” (E/O, 2015). I suoi reading riempiono teatri, spazi culturali e centri sociali della capitale. Nel 2017 l’Angelo Mai ha ospitato la trilogia completa. L’ultimo spettacolo, “46 tentativi di lettera a mio figlio”, ha debuttato al Teatro Vascello (30-31 Marzo 2018) ed è stato selezionato per il Festival di Todi OFF (Agosto 2018). Il nuovo reading andrà in scena all’Auditorium Parco della musica a gennaio 2019. Ha pubblicato racconti su Il Manifesto, Nuovi Argomenti, Internazionale, MinimaetMoralia.

Don Ciotti ad Alessandria il 6 novembre

di Maria Luisa Pirrone

Alessandria: Don Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di Libera, sarà ad Alessandria il prossimo 6 novembre su iniziativa dei Lions e Leo Club della zona, capofila il Lions Club Alessandria Marengo.

Alle 17 nel salone di Palazzo Monferrato (concesso dalla Camera di Commercio di Alessandria), in via San Lorenzo 21, Don Luigi Ciotti incontrerà la cittadinanza, con un particolare invito rivolto ai giovani studenti delle scuole superiori e dell’università.

Con l’obiettivo di saldare la terra con il cielo, nel 1965 Don Ciotti fonda a Torino il Gruppo Abele, espressione di un impegno sociale fatto di accoglienza, servizi alle persone, ma insieme di proposta culturale, educativa e politica.

Convinto che solo il noi possa costruire cambiamento e giustizia sociale, nel 1995 crea Libera, che oggi coordina l’impegno di oltre 1600 realtà in Italia, in Europa e in America Latina, attive nel contrasto alla criminalità organizzata, alle mafie, alla corruzione e nella promozione di una cultura della legalità e della responsabilità.

In serata presso il salone dell’Associazione Cultura e Sviluppo, in piazza De André, Don Ciotti incontrerà i soci e gli ospiti dei Lions e Leo Club coinvolti, come Alessandria Host, Alessandria Marengo, Bosco Marengo Santa Croce; il tema dell’incontro sarà “Il Gruppo Abele e Libera nella società di oggi”.

Presentazione del libro “Se ne hai Bisogno” a Rivarone, di Lia Tommi

Sabato 10 Novembre , alle ore 21:15 , presso il salone dei Ciliegi in via Contrada Grande a Rivarone, l’associazione ARCA presenterà l’opera prima della tortonese Laura Ragni: il romanzo dal titolo: “Se ne hai Bisogno”. L’evento, come sempre, è libero e gratuito. Al termine un piccolo rinfresco.

Laura sostiene che questo romanzo è il risultato di tutto quello che lei ha respirato, trattenuto, finché ha deciso da solo di venire alla luce: “Era già scritto e conservato dentro di me, ho solo fatto da recipiente per il travaso. Chi reclama una nascita va accolto”, sostiene lei.
Il romanzo di Laura Ragni è, in realtà, un non-romanzo.
È un saggio che ha scelto di prendere in prestito un altro genere per esprimersi.
E così Laura ha raccontato il Bisogno mettendo sotto la lente persone comuni, figure inventate, prese dalla quotidianità contemporanea e affidate al lettore senza guidarlo, lasciandolo libero di riconoscersi o non riconoscersi affatto nella vita dei personaggi.
Le riflessioni che ne scaturiscono sono sorprendenti.

Tristi immagini di Cristina Saracano

La passeggiata che da Santa Margherita Ligure porta a Portofino, non c’e’ piu’.

Era uno dei tratti più belli in Italia.

La passeggiata di Rapallo e’ occupata dalle barche distrutte e dai loro rottami.

Era un tratto storico, dove camminarono artisti provenienti da tutta Europa.

Quanta colpa ha la natura e quanta l’uomo in tutto cio’?

Facciamoci un esame di coscienza.

Maltempo e devastazione, di Lia Tommi

mareggiata-liguria-portofino-12-420x420

Vento troppo impetuoso

Onde gigantesche

Bombe d’acqua

Violenza distruttiva.

Strade ingoiate

Montagne franate

Foreste sradicate

Campi allagati

Torrenti straripati

Case danneggiate

Bellezza che scompare.

Lacrime e disperazione

Devastazione e rabbia.

Ogni volta riemergere

È più difficile.

Italia allo sfacelo.

Lia Tommi

Ricordi dormienti

Parole in libertà di Roberto Iovacchini

8999032_3442128

Titolo: Ricordi dormienti

Autore: Patrik Modiano

Editore: Einaudi

Jean è il protagonista di questo breve e delicato libro sul tema dei ricordi.

Durante una passeggiata sul lungosenna, Jean legge il titolo di un libro su una bancarella e all’improvviso nella sua mente riappaiono eventi della sua gioventù che aveva dimenticato in chissà quale meandro della sua memoria. Luoghi, fatti e incontri con sei donne, molto diverse tra di loro, che in qualche modo hanno segnato la sua vita. Ricorda piccoli dettagli, pensieri, antiche paure. Un passato messo da parte per molto tempo e poi tornato alla memoria per puro caso. I ricordi sono descritti a metà tra un diario ed un sogno, senza particolari nostalgie o rimorsi per qualcosa che poteva essere e non è stato.

Modiano ha vinto un premio Nobel (2014) con la motivazione “per l’arte della memoria con la quale ha evocato i destini umani più inesplicabili…

View original post 63 altre parole

Un formaggio D.O.P.

Creando Idee

Antico prodotto dell’altopiano di Asiago da latte vaccino. Porta il sinonimo di Pressato per il fatto caratteristico di essere sminuzzato, dopo l’estrazione della pasta, e pressato. Formaggio da tavola molto piacevole e apprezzato.L’Asiago D.O.P. si produce fin dall’anno 1000 sull’altopiano di Asiago. Veniva chiamato dagli abitanti della zona “Pegorin” perché, in passato, si utilizzava solamente latte di pecora. Nel 1500 i casari locali hanno colto l’importanza di utilizzare latte di vacca e dal 1700, grazie al graduale miglioramento delle tecniche casearie, la produzione si è allargata ad altre zone limitrofe all’altopiano. ll latte crudo o pastorizzato per coagulazione, presamica, viene coagulato, grazie all’ innesto di fermenti lattici autoctoni, con caglio di vitello. Il taglio della cagliata avviene in granuli delle dimensioni di una nocciola. Segue una semicotta Dopo l’estrazione e una prima pressatura su banco, si prosegue con la salatura e la formatura in fascere tipiche. Il formaggio di media-grossa…

View original post 81 altre parole

AMGEVITA®, biosimilare per il trattamento di gravi malattie infiammatorie croniche

HarDoctor News, il Blog di Carlo Cottone

Amgen ha annunciato il 16 ottobre scorso, il lancio in Europa, Italia compresa, di AMGEVITA, il primo biosimilare di adalimumab a ricevere l’approvazione dalla Commissione Europea (CE) per il trattamento negli adulti di gravi malattie infiammatorie croniche tra cui: artrite reumatoide da moderata a severa; artrite psoriasica; spondilite anchilosante (SA) attiva grave; malattia di Crohn da moderata a severa e colite ulcerosa da moderata a severa. AMGEVITA è anche autorizzato per il trattamento delle seguenti patologie infiammatorie pediatriche: malattia di Crohn da moderata a severa (dai 6 anni in poi), psoriasi a placche severa (dai 4 anni in poi), artrite associata a entesite (dai 6 anni in poi) e artrite idiopatica giovanile poliarticolare (dai 2 anni in poi).

I farmaci biosimilari rappresentano un’opportunità per il clinico in quanto presentano un profilo di efficacia e di sicurezza sovrapponibile a quello dei biologici originatori ma consentono un risparmio…

View original post 885 altre parole

Katana And The Representation Of Female Samurai

The Comic Vault

Japan is associated with a lot of images, with the samurai being the most famous in my opinion. The image of a noble warrior living by the code of bushido has become a romanticised ideal. Samurai lived and died by their duty, but men weren’t the only people who could take up the sword. Female samurai existed as well. Called onna-bugeisha (female martial artists), they belonged to the same class as male samurai and were allowed to carry weapons to protect their household.

I think the best comic representation of a female samurai is Katana. The character’s backstory is rooted in tragedy and it follows the tropes of family honour, revenge and sacrifice. Katana is a reflection of the fearlessness of the onna-bugeisha, so I’m looking into her importance as a superhero.

View original post 578 altre parole

UN UOMO, di Oriana Fallaci, recensione di Vittoriano Borrelli

UN UOMO, di Oriana Fallaci, recensione di Vittoriano Borrelli

ottobre 19, 2018  https://vittorianoborrelli.blogspot.com

Pubblicato nel 1979, il romanzo “Un uomo” di Oriana Fallaci ebbe un enorme successo (c.a. tre milioni e mezzo di copie vendute)  raccogliendo consensi da parte dei migliori esponenti della critica letteraria.

UN UOMO

Il romanzo racconta la storia del rivoluzionario greco Alekos Panagulis, compagno nella vita della scrittrice, che tenta in tutti i modi di sovvertire il regime dittatoriale di Georgios Papadopoulos, leader della Grecia. Ma il golpe fallisce e Panagulis viene rinchiuso in carcere e condannato a morte.

La sentenza non viene eseguita e Panagulis ottiene la grazia. Uscito dal carcere incontra la Fallaci che lo intervista e s’innamora di lui. Inizia tra i due una tormentata storia d’amore che li porterà a fuggire in Italia cercando aiuto negli esponenti della politica nostrana per liberare la Grecia dal tiranno Papadopoulos.

Il rientro in Patria avviene poco dopo la caduta del dittatore e Panagulis si iscrive all’Unione di Centro- Nuove forze, diventa deputato ma non accetta le logiche del partito. Continua a leggere “UN UOMO, di Oriana Fallaci, recensione di Vittoriano Borrelli”

Vorrei sedermi vicino a te, di Laura Neri poesie

Vorrei sedermi vicino a te, di Laura Neri poesie

Vorrei sedermi vicino a te

Vorrei sedermi vicino a te
sento una delicata essenza
Vorrei volare nei tuoi sogni
mentre la notte mi guarda
Sorrido a lei
mentre il cuore sobbalza
Parlo a me stessa
mi racconto storie lontane
intessute di attimi eterni..
Mi rivolgo a colei che mi ascolta
la sua mano accarezza le mie ferite
mentre il mio cuore urla
E’ un urlo disperato
Accogli il mio pianto d’ amore
c è ancora tempo..
il freddo non arrivera’
siamo ricchi di promesse
©Laura

TRA CIELO E MARE, autocitazione di Miriam Maria Santucci

b01 Tra cielo e mare

TRA CIELO E MARE

«Ciò che più mi affascina sono gli scogli, soprattutto quelli marini. Da lì sopra, lo sguardo spazia libero e può abbracciare i vari colori del cielo e del mare, che sovente si somigliano e si sovrappongono. Molto spesso nelle profondità del mare e nella vastità del cielo, si scatenano gli stessi sconvolgimenti e sia tra le nubi che tra le onde, si può vedere lo stesso immane dolore. E allora, cercando risposte di fronte all’immensità dell’universo, ci rendiamo conto che la nostra esistenza non è altro che un brevissimo volo tra cielo e mare…»
(Miriam Maria Santucci)

Autocitazione tratta dalla raccolta “Oltre l’Orizzonte”
© Copyright 2018 – Miriam Maria Santucci