ENIGMA, di Gregorio Asero

ENIGMA, di Gregorio Asero
Tu che dimori fra le mie stelle
e apparecchi la mensa dell’amore
vicino al baratro dell’abisso
quale regno vuoi costruire?
Il tuo regno è più esteso del mio
ma il mio miele odora di pace
Ed eccomi allora alla tua mensa
non più uomo sono
non più donna sei
Ciò che io sono per te
tu non sei più per me
Sciogli l’enigma
e allora saremo amanti in eterno
.
da “POESIE SPARSE”’
di Gregorio Asero
copyright legge 22 aprile 1941 n. 633

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...